venerdì 30 giugno 2017

AMA alla frutta: due nuovi membri "Yogurt" super pagati per il Cda da bilancio!

Lo scorso 28 giugno (l'altro ieri), il sindaco ha firmato l'avviso per la presentazione di 2 candidature per il Cda di AMA. Ed uno direbbe: "finalmente, magari apre al controllo democratico...!"....
Macché.
Nel peggior stile della politica politicante, vuole due figure "di scopo", che rimarranno in carica dal 10 luglio, - giorno della chiusura dei termini per la presentazione delle candidature - sino all'approvazione del Bilancio 2016, dichiarando, di fatto, che non rispetteranno i termini di Legge.
Chi si sarà dimesso? Il pugile Bandera e....
Cosa si nasconde nelle pieghe del bilancio?
Chiaramente, stante la brevissima scadenza, verranno incaricate due "teste di legno", adatte a votare alzando la manina senza farsi alcuna domanda. Il fatto è che, se si facessero domande, probabilmente il bilancio non verrebbe approvato.
La cosa simpatica è che, segnalano che "il compenso annuo assegnato per l'intero periodo di durata dell'incarico sarà".....fino a 9.600 euro!
Cioè, per un incarico di pochi giorni, a patto che non facciano domande, si porteranno a casa un bel gruzzoletto. Bastano per il prezzo della responsabilità civile e penale che ne consegue?
Nel giro di pochi giorni dovranno:
- verificare i CV e nominare i due componenti (questo è facile, l'avranno già individuati: potrebbero anche dircelo, tanto non ci scandalizziamo più, purtroppo);
- convocare l'assemblea per la nomina;
- convocare il Cda
- redarre il progetto di bilancio e la relazione sulla gestione con trasmissione del progetto di bilancio e della Relazione sulla gestione all’organo di controllo;
- depositare il bilancio presso la sede sociale per la presa visione da parte dei soci;
- deposito del bilancio presso il Registro delle Imprese entro 30 giorni dall'approvazione.
Il termine per l'approvazione del bilancio è già scaduto. Avrebbero dovuto approvarlo entro 180 giorni dalla chiusura dell'esercizio (dovendo realizzare un bilancio consolidato). Eccezioni sono previste solo in caso presenza di particolari esigenze connesse con la struttura e l’oggetto della società....(!?)
Già a gennaio rimise il mandato l'ex presidente-insegnante Carmelo Balisteri.
Ci sono anche molti elementi di sospetto dovuti al fatto che solo due giorni dopo, il 12 luglio, è stato convocato un consiglio comunale, a più di due mesi dal precedente, dove le opposizioni presenteranno un ordine del giorno per riportare la partecipata sotto il controllo democratico, con un Cda formato anche da un membro di controllo.
La richiesta, vista la qualità dei precedenti Cda a guida Pd, è "possedere qualificata e comprovata competenza professionale", senza alcun titolo o specificità, tanto che, questo criterio, aveva portato al vertice della partecipata nani e ballerine.
Ucci ucci sentiam odore di tarallucci!
RF

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.