venerdì 28 ottobre 2016

CONGUAGLIO: BUONE NOTIZIE, IL SINDACO, ALER E IL SUNIA AMA-NO I CITTADINI

Perché nascondersi dietro a un dito?
Il sindaco, Aler ed il SUNIA giocano a rimpiattino con i cittadini del quartiere popolare (che considerano, evidentemente, dei poveri deficienti).
Il gioco delle tre carte, in una fase così delicata per la sorte dei servizi del nostro territorio, pare addirittura paradossale.
Alzi la mano chi pensa che i tre soggetti là sopra siano ignari del fatto che costi del riscaldamento dipendano da AMA e dal suo intorcinato e clientelare sistema di gestione....
La cosa ci spaventa.
Il sindaco....vabbè, fa la sua partita da cialtrona, ma non si rende conto di esser al di là del ridicolo: rappresentante legale di AMA che fornisce il calore all'Aler in forza di un contratto capestro (per i "suoi" cittadini) rasenta il meschino...
Aler, che si presta a quest'operazione Tafazziana per la quale si fa dipingere come il "cattivo" o il "buon samaritano" che, sulla scorta dei buoni uffici comunali (!), concede di recedere da un conguaglio che ...gli ha fatturato AMA... Qual'e' lo scambio politico?
Ma, secondo noi, è il SUNIA che risulta del tutto servo del sistema attaccando, per contratto (!), sempre e solo l'Aler, e (a Rozzano, ma non solo) si maschera da Capitan Burrasca.
“Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto e ringraziamo in particolar modo il Sunia....." spiega il sindaco di Rozzano Barbara Agogliati, che conduce AMA che fattura ad Aler che bolletta ai cittadini...che al mercato incontrò!
"Il SUNIA ha accolto positivamente la decisione di Aler per la sospensione dei conguagli relativi al riscaldamento" sottolinea il segretario del SUNIA, a fianco del Comune che conduce AMA che fattura ad Aler che bolletta ai cittadini che al mercato incontrò....
E poi lo sberleffo finale: "Ci auguriamo si possa, con il contributo di tutte le parti interessate, ottenere tariffe più eque e servizi migliori per gli inquilini": certo, perché i cittadini intendevano resistere alla riduzione del prezzo del riscaldamento, e il Sindaco insisteva per ridurre la fattura della "sua" AMA, così come Aler ci teneva a far sapere che preferiva mantenere le bollette ai valori più alti della nuova Città Me-troppo-litana per non perdere il record!
Insomma, grazie al nuovo assessore alle periferie dell'area vasta milanese, si fa pagare il conto più Sala-to a casa propria e andare a far propaganda in casa d'altri....
Nel frattempo a Gratosoglio la gestione del teleriscaldamento A2A ha portato il costo al metro quadro sotto i 10 (DIECI!!!) euro.
W il sindaco, W Aler e W il SUNIA (e ricordate, vi AMA-no tutti!!!)

RF

3 commenti:

  1. tutto questo che abbiano ottenuto grazie ai rappresentanti delle autogestioni che anno combattuto dimostrando di essere solidali con i cittadini per i propri diritti.

    RispondiElimina
  2. dire tutto e dire niente......il post ha un vizio capitale ...non ammettere che il 50 % degli occupanti alloggi aler non paga una beata mazza....quindi sono loro che danneggiano i cittadini onesti che pagano anche per chi si riscalda gratis..
    Quindi aler carrozzone gestito dalla politica lega pdl dovrebbe sfrattare tutti sti disonesti ...e allora poi si può ragionare in maniera corretta diversamente è solo un pensiero senza tener conto della verà realtà caro frigorista

    RispondiElimina
  3. Aler ha pagato non più di due mesi fa 3 dei 5 milioni che qualche ignorante piddino locali mena per dire che sarebbe colpa di questi il fallimento AMA.
    Legga il post sui mirabolanti risultati AMA dal 2001 ad oggi.
    Poi ne riparliamo (e magari si firmi)...
    Cordialità

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.