venerdì 13 novembre 2015

TELERISCALDAMENTO: "RITORNO AL FUTURO"! Arriva oggi (2015) il conguaglio 2012/13

Come nel film di Zemekis, con uno spettacolare e fantascientifico salto indietro nel tempo, arriva il boomerang degli sconti dei Davogliati!
Nell'anno del Signore 2015 (quasi 2016), arriva ai cittadini rozzanesi che abitano (poveri loro) nel quartiere ALER, l'ennesima mazzata delle sciatte e fallimentari gestioni degli ultimi 10 anni: un bel conguaglio sul teleriscaldamento da 7 euro al metro quadrato relativo alla stagione termica dei regali elettorali di D'Avolio and co.
Come dimostra la storia, l'insostenibile leggerezza dell'essere... poco lungimiranti, porta a non poter mantenere ciò che si promette dopo aver sottoscritto, con la connivenza dell'amico ingegnere di turno avvezzo ai tubi ed ai generatori termici ma poco alla buona e sana gestione, un contratto capestro per la città.
In realtà i contratti scellerati sono due: uno con Aler, ed uno con MPS.
Quello con Aler è evidente: uno storpio (Ama) che si fa accompagnare da un infermo (Aler) non faranno molta strada.
Quello con MPS, altrettanto. Chiedere soldi a condizioni capestro (mettendo a garanzia la città ed imbarcando un derivato che costa 600mila euro all'anno) è demente.

Insomma, far fronte alla cittadinanza arrabbiata per prezzi noti (da 19 euro metro quadro sino al tendenziale 22 euro metro quadro, incastonati in un business plan poi depositato nelle casse dei creditori) e obbligati, ti può salvare una volta... due volte... ma poi la paga chi ti ha dato fiducia.
insomma, con la segnalazione dell'ex (ormai) consigliere comunale Gianluca Palmeri, abbiamo la possibilità di mettere ancora in evidenza che non si fanno i conti senza l'oste!
"Mi son saliti i brividi lungo la schiena!" dice Palmeri. "Per fortuna ho un lavoro e, con rate da 200 euro oltre a quelle consuete, dovrò pagare quello che fu scontato da D'Avolio e dall'Agogliati nel passato".
La paura per le cadreghe (!) fece quarantotto in una infuocata riunione nell'aula consiliare, dove presero atto dei problemi creati e fecero l'ennesima promessa dal fiato corto i cui danni, oggi, i cittadini devono subire.
"Al di la della fallimentare operazione complessiva, più volte denunciata in consiglio" incalza Gianni Ferretti, capogruppo consiliare, "era ovvio che un piano industriale basato su due realtà fallimentari e dissestate non poteva stare in piedi".
La denuncia viene da lontano. RF stessa, più e più volte, segnalò come necessario un vero piano commerciale di promozione territoriale del teleriscaldamento, un piano vero, non assistito dagli enti, che non è mai stato fatto. Il "doping" Aler non poteva funzionare.
"Le conseguenze sono tragiche: API in Tribunale, AMA con debiti impressionanti con tutti i fornitori (controllati o meno) e con le banche per 30milioni e più, conti correnti bloccati, .... Insomma: cosa aspettano ad alzare bandiera bianca e togliere il disturbo?" conclude Palmeri, facendo riferimento alla raccolta firme del M5S per chiedere le dimissioni del sindaco.
"Oltre ai danni derivanti dalla speculazione edilizia selvaggia degli anni passati, la ciliegina teleriscaldamento, così come è stata gestita - conclude Ferretti - ha completamente affossato la città, a pochi chilometri da A2A, a Gratosoglio, che fa pagare il 65% in meno!".
Un boomerang pesante che si schianta sulle spalle dei cittadini.
RF
  

11 commenti:

  1. Salve sono un dipendente A2A è da un po' di tempo seguo le vostre vicende sul teleriscaldamento come ho già detto in un altro vosrtro articolo non riesco a capire come una centrale di cogenerazione e una rete di tlr possa essere in perdita la mia azienda e sul territorio milanese e posso garantirsi che funziona alla grande compreso il grattosoglio e fa utili enormi ma voi che siete dell'opposizione e prima alla maggioranza come avete potuto permettere questo .poi vengo a sapere che il sindaco e manovrata da un ex professore di ginnastica eppure se non ho capito male il sindaco proviene da una famiglia industriale caro Masini io credo che non ci sia più nulla da dire .mi auguro solo che invece di far fallire un progetto così importante abbiano la coscienza di farla gestire da un privato altrimenti farà la fine di api

    RispondiElimina
  2. A Rozzano tutto funziona diversamente da qualsiasi altra amministrazione. Gli amministratori ascoltano i consigli solo dal grillo parlante

    RispondiElimina
  3. Buona sera sono un abitante delle case popolari di Rozzano ormai da tempo .ma volevo chiedere se qualcuno riesce a d'armi una risposta .ormai e dal 2010 che il mio appartamento non riesce a raggiungere i 18 gradi pur avendo ristrutturato e sostituito infissi con la convenzione aler firmata nel 2010 si diceva che entrò 4anni si dovevano rifare le sotto centrali ad oggi sono state rifatte solo quelle con il riscaldamento a pavimento partecipando alle riunioni dei comitati vengo a sapere che aler non ha soldi per poter ristrutturare le altre sottostazioni .punto primo io credo che chi firma una convenzione sappia cosa va in contro punto secondo perché noi che stiamo al freddo perché abbiamo le centrali da rifare e quindi siamo nella maggior parte dell'inverno al freddo dobbiamo pagare la stessa cifra che pagano latra parte dove le centrali sono nuove non solo giovedì ero fuori da via garofani sportello aler e mi vine riferito che ci sarà un conguaglio di circa 200euro .ma viviamo nelle case popolari o in via montenapoleone ? Caro masini perché non fa arrivare queste notizie allagdf oppure al presidente del consiglio ?mi sembra una Roma capitale .altro quesito .ama rozzano azienda del comune al100per100 mi confermate gli stipendi del professore di ginnastica 100mila netti Marinella todisco 100mila netti proverbio fausto 100 mila netti che al lordo fanno600 mila.lo letto sul vostro sito qualche tempo fa.ma se fosse vero e dimostrabile non si può informare un ente proposto per verificare come mai questi stipendi esorbitanti ?tanto chiedere informazioni al nostro sindaco sarebbe inutile.per non parlare di quello che ho potuto vedere con i miei occhi in via Lombardia 105 figli di gente che fa politica lavorare in ama sono accatastati uno sopra l'altro in un ufficio di circa 30mt ho contato circa 7/8 persone per non parlare de resto ma e normale?
    Scusate il mio sfogo ma credo che sia legittimo pagare un servizio e averlo .

    RispondiElimina
  4. Buongiorno come dipendente Aler volevo fare una segnalazione gli anni precedenti alla gestione ama la centrale termica delle case popolari gestita da siram azienda che fa teleriscaldamento e non politica non aveva questi tipi di problemi con bensì un compenso della metà dell'attuale .forse perché chi gestisce questa azienda e professionalmente formato e non fa politica .

    RispondiElimina
  5. Cari cittadini come al solito a farne le spese degli errori fatti dall'amministrazione li pagherà la povera gente certo che finché ama e non solo e gestita da un professore di ginnastica Cosa volete pretendere .chiediamo le dimissioni di sgambato e che la convenzione aler sia gestita da un privato .

    RispondiElimina
  6. Salve dipende a2a la questione e molto semplice hanno creato una società come api per gestire immobili di proprieta del comune con circa 70 dipendenti solo per accaparrarsi voti politici poi hanno inventato teleriscaldamento con circa 20 dipendenti naturalmente con la scusa che aler non aveva fondi per rimettere in sesto la centrale hanno allacciato le case popolari CON I vari problemi di rumore per le case in piazza Alboreto e il freddo nelle nostre ciliegina sulla torta il nostro sindaco mette in ama un professore di ginnastica . poi la situazzione degenera perche i costi sono insostenibili e si inventano la scusa che il comune deve avere solo una azzienda e quindi mette in liquidazzione api adesso io mi chiedo chi fara i lavori?non ce problema ce ugr coperativa sociale che mette in campo i suoi uomini e lasciano a casa noi ma finche la maggistratura non interviene non cisara nulla da fare io mi auguro anche se sara troppo tardi che nelle prossime elezzioni cari colleghi vi ricodiate di tutto questo e non facciamo lo stesso errore di dar fiducia a un sindaco che accerchiato da personaggi ambigui ci ha tolto la possibilità di aver un posto di lavoro dignitoso e onesto .io credo che a questo punto non ci sia più nulla da dire spero che al eno la GDF con le indagini in corso porti alla luce tutto questo spreco di denaro publico

    RispondiElimina
  7. A quando un commissario al posto di questi (censura) amministratori (censura) da (censura) ? Un commissario, però NON nuove elezioni, attenti, perchè altrimenti torna il signore che adesso è in Regione a parlare di verde dopo che ha fatto approvare con tutti i mezzi il nuovo PGT che prevede cemento a decine di migliaia di metricubi su tutto il comune, altro che verde

    RispondiElimina
  8. Buona sera abito nelle case popolari mi è arrivato un conguaglio di 700 euro prendo 600euro al mes di pensione volevo chiedere a che ora cenano
    Il nostro sindaco e qel professore di ginnastica così se mi mandate indirizzo mi presentò a casa loro sia a l'ora i pranzo che allora di cena .grazie

    RispondiElimina
  9. Carissimi inquilini di aler vi siete mai posto il problema quando siete andati a votare? Ora dovete pagare perché è grazie ai vostri voti che siamo arrivati a questa situazione. Tirate fuori le palle e non fatevi prendere più per i fondelli. Bisogna cambiare gestione! Non votate più queste persone. Non fatevi ingannare dalla loro bandiera. La usano come usano i soldi dei cittadini di Rozzano e li amministrati per i loro affari.

    RispondiElimina
  10. Carissimi inquilini di aler vi siete mai posto il problema quando siete andati a votare? Ora dovete pagare perché è grazie ai vostri voti che siamo arrivati a questa situazione. Tirate fuori le palle e non fatevi prendere più per i fondelli. Bisogna cambiare gestione! Non votate più queste persone. Non fatevi ingannare dalla loro bandiera. La usano come usano i soldi dei cittadini di Rozzano e li amministrati per i loro affari.

    RispondiElimina
  11. È palese che c'è un bel giro losco con il protagonista l'ex sindaco Davolio con l'attuale sindaco che era nel suo conseglio comunale, il giro d'affari mica da ridere insomma il problema è ormai lo paga il cittadino che non arriva a fine mese.
    Il conguaglio sarà sempre e anche il prezzo ingiusto di 22 euro mq con le case fredde non sarà risolto, l'unico modo chiamare in causa tutti i corrotti per risolvere il problema.

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.