sabato 28 novembre 2015

SCUOLA. Complimenti: Agogliati sputtana Parma e il progetto Garofani

Dalla classe della figlia del fratello della sindaca nasce, con la connivenza de Il Giorno, la polemica che ha portato il reggente del comprensorio di via Garofani, Marco Parma, a rimettere il mandato. E la sindaca si frega le mani: non le pareva vero di spargere un po' di fumo ora che il fallimento di Api e della gestione del teleriscaldamento manifesterà la debolezza dell'economia comunale e tutti i limiti della gestione clientelare di questa e delle passate amministrazioni.
I fatti.
Sin dallo scorso anno l'associazione 11 note che gestisce la consueta festa pre natalizia aveva dovuto fronteggiare le polemiche di alcuni genitori della scuola di via Milano (che fa parte del comprensorio) frequentata dal nipote della sindaca, perché non venivano cantate le solite canzoncine di natale. A tal proposito, a settembre (settembre!) l'associazione aveva comunicato che, per evitare polemiche, avrebbero rinviato la festa al Fellini a gennaio.
Ecco allora nascere la petizione dei genitori integralisti che, non bastandogli la festa in classe, volevano assolutamente il "tu scendi dalle stelle" a teatro. Nulla di male, ma perchè collegarlo ai fatti di Parigi?
Il giornalista poco indagatore di turno, magari bypassando il responsabile locale, raccoglie e rilancia, con un titolo ad effetto, e magari con l'incitamento di qualche amico in amministrazione, così da togliere un po' l'attenzione anche dalle recenti problematiche del teleriscaldamento (per la legge dell'equilibrio politico).
Ale'... il gioco è fatto e la notizia e' servita, prontamente raccolta da altri fenomeni dell'informazione come Del Debbio (futuro politicante nazionale) e le televisioni unificate. Poi si apre la cloaca e scendono da Roma o dalla padania i SOLONI difensori della cristianità de noartri!
Insomma: Marco Parma non ha altra "colpa" se non quella di condividere una scelta fatta in altro momento e da altri. E questa non è una colpa, e' coerenza.
Per il resto segnaliamo che stava portando avanti da due anni in modo eccellente un progetto nel comprensorio Garofani di alto valore socio-culturale, motivando i docenti e i genitori, che ora potrebbe andar disperso.
Domani i docenti stessi, che non accettano la strumentalizzazione, faranno un presidio e comunicheranno il sostegno a Parma per l'indecente attacco subito.
Complimenti alla sindaca per il tempismo e per la faccia tosta!
RF

17 commenti:

  1. Che teatro è la scuola,chi scrive il copione ?

    RispondiElimina
  2. Se è così è davvero una vergogna!

    RispondiElimina
  3. E' il famoso dito che, guardandolo, fa distrarre e non vedi la luna che è molto più grande.

    RispondiElimina
  4. Se si cancella la festa del Natale, bisogna essere coerenti fino in fondo.Tutti i giorni rossi perché festività religiose, i non cattolici con presidi e insegnanti d'accordo all'abolizione,vanno a lavorare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefano Cattaneo30 novembre 2015 11:34

      Si, e dato che le scuole sono chiuse: Tutti a spalar carbone, così vedono cosa significa lavorare veramente.

      Elimina
  5. E' il teatro più ambito dai massoni che hanno costruito un paese dal nulla nel 1861. Un paese senza un'identità, senza un popolo ma di tanti popoli con storie diverse al solo scopo di depredare i più ricchi.

    RispondiElimina
  6. Non diciamo fesserie. Portiamo avanti i nostri valori culturali.

    RispondiElimina
  7. qualcuno che finalmente racconta le cose come stanno, peccato non verra ascoltato

    RispondiElimina
  8. Giorno Masini
    grazie alle strane idee del sig Parma , laico ma che si fa le vacanze di natale pagate a casa con la scuola chiusa , essendo laico tenga la scuola aperta e vada a lavorare non festeggi la pasqua .
    La cosa ridicola è che adesso consegna le dimissioni ed intanto non era preside del plesso scolastico.
    L'integrazione si fa magari spiegando ai bambini quali sono i valori delle altre religioni spiegando qualcosa di nuovo.
    Poi mi permetta le dichiarazioni al tg 2 sono state di parma e non era minacciato da nessuno , lui spero sia in grado di intendere e volere altrimenti non può dire che è stato strumentalizzato.
    Essendo docente dovrebbe conoscere bene l'utilizzo della lingua italiana e le dichiarazioni fatte.
    Quindi una volta tanto dica che il suo amico Parma ha sbagliato e non tiri fuori cose che non centrano con le decisioni del consiglio di istituto che con la politica non centra niente.

    RispondiElimina
  9. Masini
    dica che la scuola gestita da Parma ha il più alto numero di casi di persone disagiate e seguite dai servizi sociali , con il 20 % di extracomunitari e il preside protempore viste le sue dichiarazioni rilasciate spontaneamente senza che nessuno facesse pressioni sul farlo.
    Quindi visto che lei si erige sempre a paladino della giustizia dica le cose come stanno realmente .
    Parma ha sbagliato è inutile trovare poi giustificazioni farneticando con la politica.
    Questo è la cosa peggiore che poteva fare , si parla di tradizioni non di colori destra sinistra centro , quindi lei fa ancora peggio del suo amico .
    Affrontate l'argomento in modo serio perchè centra poco con il rispetto della laicità della scuola
    Mi permetta ma il suo post è peggio delle dichiarazioni del preside bel partito i 5 stelle a rozzano complimenti

    dz

    RispondiElimina
  10. Stefano Cattaneo30 novembre 2015 11:38

    Come sempre, i neocomunisti cercano di falsare la verità, che è una sola. Il signor Parma, è liberissimo di non tenere il crocefisso a casa sua. Ma non ha alcun diritto di imporre i suoi gusti sul luogo di lavoro. BASTA! con la dittatura dei neocomunisti, islamici di complemento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungo solo che imporre di non imporre non è una imposizione.
      Al contrario.

      Elimina
    2. Concetto troppo difficile. L'avrà capito ? ;-))

      Elimina
  11. Buona sera sig. Masini ,
    ma lei ha letto la lettera dei genitori della scuola di via Milano ?

    RispondiElimina
  12. E qui, lo specchio del paese. I pro e i contro a prescindere. Chi ha deciso a priori che il preside è un infame, non cambia idea neanche davanti dall'evidenza. Chi lo difende, lo fa a spada tratta.
    Poi ci si chiede perche l'Italia sta andando a rotoli. Nessuno ascolta, ognuno ha la sua dire e la sua verità È la Verità assoluta.
    Guardare qui, anche se si è già spiegato mille volte quello che è successo e che è tutta "fuffa", niente c'è ancora chi urla al fatto "che ha levato i crocefissi, che ha spostato la recita, ecc".
    E tutto inutile. Fino a che non si inizia ad ascoltare e accettare che FORSE, ogni tanto, siamo in torto, non cresceremo mai come popolo.

    RispondiElimina
  13. Aggiungo e domando, ma chi ha imposto di togliere il crocefisso dall'aula consigliare, luogo pubblico per eccellenza?
    R.D.

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.