lunedì 15 giugno 2015

POLITICA. Macaluso segretario PD/AMA. Ma sotto procura(tore) speciale

Con l'elezione del giovane Marco Macaluso, capogruppo in consiglio, alla segreteria del PD di Rozzano, si consuma la cancellazione del potente partito comunista locale, sostituito in blocco ai vertici dai fuoriusciti dalla DC/Margherita.
Gli ex falce e martello sono oggi ridotti alla nichilista "minoranza PD", e fanno pure fatica a farsi sentire, e per questo molti sono usciti o si sono arresi.
Il blocco "democristiano" ha trovato la sua strada nel 2004, con la nascita dell'alleanza tra l'asinello e i DS, dove la famiglia forzista Agogliati (che era in Parlamento con Antonio Agogliati tra le fila dei berluscones), con la dott.sa Pinardi, e l'insegnante di ginnastica Sgambato, tessero le trame per arrivare ad occupare un ruolo di primo piano nel poi istituito PD.
L'intralcio Currò (che stava preparandosi alla guida della futura armata) aveva però compreso molte losche trame ante-litteram, e fu eliminato per via elettorale e giudiziaria:
pentastellato della prima ora, ha poi subito l'onta di una sentenza avversa da parte del Tribunale a cui si era rivolto per aver ragione delle minacce emesse dal "professò", che trovò, invece, l'archiviazione con il favore delle testimonianze, tra le altri, della Pinardi (di cui sopra), del vice sindaco Busnari e della futura sconfitta alle primarie Mallamaci, che, dal verbale della sentenza, indicavano come Currò avesse "assunto delle posizioni non concordate venendo meno al suo compito di rappresentare la voce del partito (La Margherita, ndr)" [Sentenza VI Sez.Penale n. 1673/09 Reg. Gen. Trib.]. Insomma: non erano gradite, già allora, voci fuori dal coro.
Ma, tornando ai giorni nostri, alle richieste di qualche dettaglio relativamente ai presunti 300 tesserati del PD, di cui ben 150 eleggenti il Macaluso (con una sola astensione, elegante e d'occasione: la sua), abbiamo ricevuto una risposta da un componente del provinciale di un tenore che non ci saremmo aspettati: "è praticamente impossibile sapere chi siano!". E, in merito, il neo segretario non ha risposto, per problemi di comunicazione, ma lo incontreremo in merito.
La campagna milanese per i giovani del Pd
Da voci informali (e dai conti della serva relativamente semplici conoscendo l'establishment), la maggior parte di loro sono dipendenti e parenti di dipendenti Ama (e controllate) e comunali. Speriamo che le tessere non siano a carico della collettività, come la loro propaganda!
Da ciò è discesa una semplice domanda al segretario che non ha trovato risposta.
Dando per scontata la buona fede del "ragazzo", ci si chiede quale spazio di autonomia abbia un eletto da tale platea, che non rappresenta Rozzano e le sue istanze, ma i bisogni e le necessità di un gruppo che intende proteggere e reiterare se stesso, a dispetto dei reali problemi della città.
Anche a questa domanda non abbiamo ricevuto risposta.
Siccome il mantra del PD Renziano, e della sua emanazione rozzanese, è #fattinonparole, ci affidiamo al consiglio comunale.
Se l'intenzione di partecipazione e di trasparenza deve, come dalle parole più volte pronunciate da questi "nuovi vecchi democristiani" (cit. Gabriele Igino), passare dai fatti, dopo aver fatto saltare il consiglio comunale su tematiche di capitale importanza che passano dai problemi delle partecipate, alle trivellazioni di Zibido, al decoro cittadino, vedremo se nel prossimo (tra due giorni) troveranno il tempo di discutere i temi posti all'ordine del giorno dalla minoranza - in onore alla democraticità, partecipazione e trasparenza delle istituzioni. Oppure se, come temiamo, resteranno asserragliati nelle forzature amministrative di un riscatto dei pali della luce del territorio (una vera e propria priorità cittadina!), discussioni forzate di bilancio preventivo (con la declamazione del nulla da parte di tutti gli assessori - di cui forse si riuscirà a sentire la voce per la prima volta), interrompendo il consiglio per la cena dei bimbi e del marito della sindaca.
Abbiamo richiesto il programma con cui è stato eletto il segretario cittadino, non ci è stata data risposta.
Però si sa, ad esempio su un tema rilevante per la zona, che sulle trivellazioni di Zibido il PD del Sud Milano non ha una posizione chiara. Nelle parole dell'assessore Apuzzo: "Ne pro ne contro. Vogliamo capire gli ipotetici benefici per il territorio e non solo per il Comune di Zibido. Al momento abbiamo nota solo degli ipotetici malefici, seppure i geologi sono più che rassicuranti!".
Sarebbe bene che Marco Macaluso usasse il "blocco di carta" per annotare il fatto che l'intento strategico cittadino andrebbe comunicato, e che le azioni conseguenti (il famoso "fare") lo si dovrebbe misurare in virtù di ciò. Ecco un buon punto programmatico!
Ci par però che, per Rozzano (ma anche per l'Italia), valga il "FARE TANTO PER FARE", fine a se stesso, senza programmazione, senza strategia e senza proiezione di futuro.
Un lemma abusato e ormai svuotato di senso. L'importante è correre...
Auguriamo comunque a Macaluso un percorso di un qualche significato, senza timore del confronto, visto che la traccia lasciata dal precedente segretario è, sostanzialmente invisibile.
RF

8 commenti:

  1. Pur non essendo simpatizzante del suo partito gli auguro buon lavoro.
    Se avrà voglia di fare, e se lo lasceranno lavorare, il fatto di partire da una situazione di totale "tabula rasa" non potrà che mettere in risalto il suo lavoro.
    Largo ai giovani.

    Davide B.

    RispondiElimina
  2. w agogliati sindaco e senatore !
    http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-502bb428-df97-4453-999e-eaa7209e36db.html

    RispondiElimina
  3. Masini come al solito un bel post da giudizio politico sulle scelte di un partito di cui lei non ne fa parte.
    Si permette di giudicare le sentenze come se ne avesse titolo , le rispetti e si faccia un bagno di umiltà.
    Palesemente si evince il suo rancore nel commentare le vicende riguardanti solo una parte della politica Rozzanese,chissà come mai non parla mai delle altre forze politiche?????
    Eppure sui trascorsi di Ferretti e altri ......come il panettiere figlio di un condannato per associazione ......che siede in consiglio comunale eletto con i voti di una parte e poi adesso in minoranza.....
    Lei è veramente scontanto scrivesse qualcosa di non fazioso rancoroso sarebbe più utile alla comunità.
    Veramente mi sembra el saviano dei poveri.....almeno lui è più rispettabile..
    Vedremo il prossimi post barzelletta che pubblicherà per allietarci con le sue riflessioni politiche ...#fazioso#rancoroso#ilpoterelogorachinonloha...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato che nessuno degli altri da Lei citati abbia mai governato (con le suddette conseguenze) a Rozzano.
      Cordialità

      Elimina
    2. Egregio Saviano dei ricchi, potrei fare nome e cognome , per dire chi sei, ma per ora ti lascio dire, sparare il tuo odio, come in passato,
      Per ora. Il contenuto del tuo commento, e' retrodatato , stai tranquillo e sereno per ora, solo per ora, presto ,visto che ci conosciamo molto bene ed ci siamo frequentati a lungo, se Masini mi consentirà lo spazio pubblicherò' il tuo curriculum politico amministrativo e non solo. Visto che hai sempre detto sottovoce ma non troppo peste e corna della tua Sindaca e di altri ex. Stai calmo e sereno, fai la persona seria per una volta se ti riesce.
      Un vecchio e datato tuo confessore. Si dice il peccato ma non il peccatore? No caro mio diremo anche il peccatore.

      Elimina
  4. La situazione del PDRozzanese e' già' stata segnalata ai vertici baipassando
    quello Lombardo , del resto la nomina contrasta anche con lo Statuto Nazionale.
    Come può' un segretario indicare il percorso politico amministrativo se ricopre anche la carica di Capogruppo in consiglio?
    Parla a se stesso!
    Quanto essere il figlioccio della Pinardi, e Sgambato, ne abbiamo avuto la riprova nell'ultima riunione , non uno straccio di programma, che dovrebbe costituire viatico per essere eletti, da chi?
    Abbiamo intrattenuto anche Orfini, attendiamo buone nuove per un commissari amento. Alcuni di noi non hanno consegnato le tessere, vogliamo andare fino in fondo. Temo che presto faremo la fine della capitale, quanto ai circoli, sono mesi e mesi e mesi con non si fanno riunioni politiche. Ma su questo Lo Preato
    e' stato maestro nel mettere tutti d' accordo con il beneplacito D'Avoliano e di tutta la DC al completo. La peggiore DC, .
    Tesserati PD. M.S. F.S. G.A. ed altri 20. che hanno fatto debite segnalazioni alla segreteria nazionale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma D'Avolio, ora convertito alla fede cristiana, dove andrà? a parte il solito "sito" di Opera che molti attendono con ansia ... (leggasi "speranza")

      Elimina
    2. fossi un parroco non lo farei entrare in nessuna chiesa....comunque chiuso il maxland ,ha tre anni di tempo x trovare una poltrona nuova

      Elimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.