giovedì 7 maggio 2015

"SQUOLA". Ama chiede (!) ai genitori di sanare i suoi debiti

I dirigenti di Ama (con il necessario beneplacet del sindaco Agogliati), hanno pensato di sanare la pessima situazione patrimoniale di Ama chiedendo il pagamento dei servizi alla persona da rendere ai propri cittadini anticipatamente.
I milioni di euro di debito incagliato da anni di malagestione, ricade ora su tutti i fruitori dei servizi, e, in modo poco elegante, su quelli che han sempre pagato.
"Adesso basta!" esclamano arrabbiati i genitori delle scuole di Rozzano con un volantino che sta circolando nelle classi. "Con questa soluzione, Ama si garantisce un flusso non indifferente di denari per le proprie casse senza però pensare alla correttezza dell'operazione" reclamano.
Prima di presentarsi alla MPS per chiedere la fattibilità del ridicolo piano di riorganizzazione che passa attraverso il posticipo dei pagamenti delle scadenze degli oneri del disgraziato finanziamento (garantito, si fa per dire, dai derivati che costano oggi oltre 300mila euro all'anno) e l'annullamento di API e dei servizi nella forma che sino ad oggi era nota, hanno pensato bene di sanare una situazione che vede la partecipata come inaffidabile agli occhi di un finanziatore. E non abbiamo ancora il bilancio 2014!

"Questa situazione è inaccettabile" continuano i genitori. "Non si ripianano i debiti di chi ha sperperato i nostri soldi senza dare i servizi che la cittadinanza si aspettava, obbligando i cittadini ad ulteriori sforzi".
E non saranno i soli sforzi che verranno richiesti. Come già ricordato, il famoso piano KPMG ratificato da Ama, prevede anche l'innalzamento indiscriminato di tutte le tariffe.
"Riteniamo ingiusto ed inaccettabile questo esborso per sopperire ai problemi di una amministrazione che negli anni ha lucrato e sperperato".
Insomma, a pochi mesi dall'elezione (ahimè!), la città comincia a percepire la portata devastante della gestione del Decaduto che si reitera e propaga i suoi effetti al giorno d'oggi, con un sindaco che continua ad avvalersi degli autori ("tecnici") del disastro e di mediocri comparse per la sua comunicazione. Proprio ieri, infatti, l'amministrazione ha fatto sapere che è incapace di gestire altrimenti i problemi di Ama: "questa misura si è resa necessaria per l'insorgenza della morosità, molto elevata in alcuni servizi". Per l'Agogliati i morosi rendono colpevoli tutti i cittadini. Salvo poi, a posteriori (come per il teleriscaldamento) valutare "una revisione delle modalità di pagamento già comunicate per andare incontro alle istanze delle famiglie".
Una sorta di Arianna, che fa e disfa la tela, sulla base delle deficienze di valutazione, gestione e comunicazione delle azioni di (s)governo, sempre legate a doppio filo ad Ama, che, invece di essere un fornitore di servizi che il Comune dovrebbe valutare e controllare per ottenerne il meglio, è il vero dominus dell'azione amministrativa, gestita da un guru della palestra!
RF

13 commenti:

  1. Decidono di punto in bianco che i genitori degli alunni devono pagare all'inizio del mese ed eventuali conguagli dopo mesi. Ma hanno scoperto che i rozzanesi sono diventati ricchi all'improvviso? AMA ha sperperato denari pubblici i cittadini devono far conto con i pochi soldi che riescono a guadagnare lavorando, quando hanno il lavoro. C'è differenza!

    RispondiElimina
  2. certo a noi ci chiedono di pagare anticipatamente e poi vengo a sapere che in piscina ce una persona assunta dalle poste italiane che lavora anche per ama sport alla faccia della crisi forse lavora perche e il nipote del professore sgambato?

    RispondiElimina
  3. caro sindaco ma tu pensi che i soldi si trovano a terra? non tutti hanno stipendi da 8000 euro come li hanno i dirigenti in ama .noi per arrivare a fine mese siamo costretti a fare salti mortali

    RispondiElimina
  4. caro sindaco ho provato a contattarti molte volte perche mi trovo in difficolta ma tu ti fai sempre negare ,solo quando volevi i voti eri sempre presente tutti voi bravi a promettere andavate casa per casa a raccontare bugie e poi una volta eletta sei scomparsa e da quello che leggo ti sei accerchiata di gentaglia .brava aspetta che riavrai il mio voto

    RispondiElimina
  5. Volevo segnalare che nel caso di assenza a scuola degli alunni e dovuto lo stesso un compenso del 30% del costo del pasto.
    Mi sembra che sia l'unico comunque nel sud milano che applichi una tariffa in caso di assenza.
    Certo ci sono molti utenti che non pagano il costo dei pasti dei figli , quindi le strade percorribili sono due o come fanno i comuni leghisti , chi non paga non mangia oppure gli onesti come al solito si sobbarcano il costo di chi latita nei pagamenti.
    La mia posizione è chi non paga non deve utilizzare il servizio e in caso di assenza il 30 % non dev'essere versato , da quando chi non mangia è un costo??????
    Siccome nelle scuole vi è fermento per la riforma , ma nessuno a rozzano segnala questa anomalia mi permetta di poterlo fare
    grazie

    RispondiElimina
  6. Sig Masini
    questo è un argomento veramente interessante , anzi le chiedo vivamente di portare in consiglio comunale con un assemblea pubblica questa problematica.
    Le anomalie sono diverse la prima è che l'alunno paga sia in caso che consumi o no il suo pasto , in caso di assenza ama richiede il 33% del costo del pasto con quale criterio viene calcolato questa percentuale.???
    I conguagli due volte l'anno a spot ma che senso ha i pasti sono segnalati tutti i giorni in base ad un registro quindi a fine mese hanno la situazione reale poi serve poco visto che comunque un compenso è sempre previsto.
    Vivo l'esperienza di altri comuni ove non richiedono nessun costo in caso di assenza come mi sembra corretto utilizzano i buoni mensa comprati e pagati in anticipo , in questo modo chi paga utilizza il servizio e non vedrà nessun conguaglio.
    Poi veniamo al lato dolenti vi sono molte persone che non pagano come da lettera del sindaco , vediamo effettivamente chi è in sofferenza e il comune intervenga ma chi fà il furbetto sapendo che tanto l'anno mangia lo stesso a spese degli onesti va escluso dal servizio.
    Mi spiace per l'alunno ma gli onesti non devono pagare il proprio e quello dei furbetti perchè così mi viene da pensare che chi non paga ha dei vantaggi.
    Daniele Zocchi

    RispondiElimina
  7. Ogni giorno, per ogni post pubblicato e per i commenti dei cittadini, mi convinco sempre di più, ahi noi rozzanesi, che questa amministrazione (ma sopratutto le due - che sono state in mano ad uno solo - che l'hanno preceduta) ha portato allo sfascio una Città che non lo merita. O meglio non lo meritano i cittadini onesti, quelli che hanno votato in buona fede e quelli che avendo odorato puzza di marcio hanno fatto altre scelte, purtroppo invano. Mi piacerebbe sapere stando così i conti pubblici che prospettive avremo ? Saremo chiamati a pagare i debiti in solido pro capite, solo perchè residenti a Rozzano ? Chi pagherà la voragine di milioni di euro? Mentre chi ha fatto il colpo se ne sta comodo a casa sua, forse in qualche valle alpina? Ma quando arrivano la GF e/o i Carabinieri e mettono i sigilli in piazza Foglia? Non ci sono ancora gli estremi per il commissariamento?

    RispondiElimina
  8. A proposito di scuola elementare a Rozzano.
    Udite ,Udite!
    Sono una mamma diplomata, mio figlio mi chiede: mamma la maestra mi ha detto che in grammatica non sono abbastanza preparato.
    Perché?
    Io ho scritto : OGGI: AVVERBIO DI TEMPO.
    Questa maestra ha sottolineato in blu.
    Perché' , perché' la NOLESE , la maestra ha detto:
    OGGI: NOME COMUNE DI COSA.
    Vado a parlare con ala maestra, usa i sostantivi e i verbi al passato remoto,
    " la grammatica e' importante per i bambini, devono imparare l'analisi grammaticale!
    Me ne sono andata , sono basita, fossi la Preside, la rinvierei non a settembre ma con il foglio di via a NOLA, oppure a l cospetto di SGAMBATO, sua conterranea. Che tristezza, magari fra un poco tempo la ritroviamo Assessore.
    Meriggi

    RispondiElimina
  9. Sig Masini ci dice concretamente cosa stanno facendo le opposizioni o lei e chi rappresenta relativamente ai discorso dei costi di ama per la refezione .
    Che non sia un post , parlo di atti concreti in comune
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non rappresentiamo le opposizioni. Facciamo comunicazione. Segnaliamo, denunciamo e, se del caso, portiamo le loro posizioni.
      Rendere pubbliche le situazioni economico-finanziarie delle partecipate, e quindi rendere informati i cittadini, è un servizio che crediamo d'esser gli unici a fare compiutamente ed analiticamente.
      Questo fa diventare pertinente un'azione come la raccolta firme in corso. Gli da ragion d'essere.
      Ecco cosa facciamo!
      "Fare" nel senso di (il più delle volte) muover l'aria è dovere dell'amministrazione su sollecitazione dei cittadini e dei mezzi di informazione.
      Ad ognuno la sua parte.
      Noi informiamo. Se sarà mai il caso, daremo una mano a chi sarà governante. I signori in carica non solo non chiedono, ma negano anche l'informazione....

      Elimina
    2. Masini
      lei fa comunicazione, bene ma è cittadino di rozzano ???
      Lei non è consigliere comunale???
      Quindi oltre a fare comunicazione per muove l'aria sarebbe più utile fare atti concreti e non sventolare l'aria.
      Altrimenti tanta aria e pochi fatti , buon sventolio

      Elimina
    3. Caro Anonimo, non sono più consigliere comunale dal maggio 2014. Lo son stato dal 2004, e, nel mio piccolo, ho cercato di dare un contributo. Su RF troverà (sin dal 2009) molte note relative ad iniziative e attività che a me fan riferimento durante il secondo mandato. Secondo e ultimo, perché, come molti millantano ma non praticano, non si fa politica a vita...
      Per ciò che concerne i fatti, se ci si riferisce a ciò che combina l'amministrazione rozzanese, glieli lascio tutti!

      Elimina
  10. Le sue iniziative in comune quali sono state ???
    A cosa hanno portato quando è stato politico visto che è stato pagato con i soldi dei contribuenti rozzanesi
    Oltre che usare il blog per criticare l'aria in cui è stato eletto ,della maggioranza di cui ha fatto parte per poi dissociarsene ,fatti e non parole quindi a lei l'onore di elencarci le sue iniziative da consigliere e non ariafritta .....
    grazie per le eventuali risposte a chi giudica senza colore da cittadino libero.

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.