domenica 5 aprile 2015

POLITICA. Il PD premia D'Avolio con un'altra commissione (che bigia sin dall'inizio)

Certo che il PD è un partito ben strano!
Dopo aver fatto dimettere un ministro dell'NCD per intercettazioni imbarazzanti, per i suoi politici locali usa un peso ben diverso: li premia!
A seguito dell'indagine in corso su diverse fattispecie nel Comune di Rozzano (e nelle sue partecipate), l'avviso di garanzia per abuso d'ufficio e falso in atto pubblico per Rocco Massimo D'Avolio - consigliere regionale PD - gli è valso la promozione a commissario della VIII commissione regionale (“Agricoltura, montagna, foreste e parchi”).
Aveva dichiarato, dopo la ricezione dell'informazione, che si sarebbe astenuto dal partecipare alle sedute della commissione speciale antimafia (della quale risulta ancora componente): cosa puntualmente avvenuta, senza troppa difficoltà. Il suo tasso di assenza era talmente alto che si trattava, evidentemente, di una tautologia. Ma, per il suo partito, il PD, sembra quasi che l'informazione di garanzia sia stata una nota di merito. Che diamine, un tal fulmine di guerra non può restare con solo due seggioline nelle commissioni regionali: aggiungiamone una terza, come premio!

Con un curriculum come il suo (dove fanno bella mostra i numerosi PII di CMB, Degradi, Cosvim, che si son mangiati e stanno ancora mangiando il territorio comunale), sarebbe stato un delitto non inserirlo in una commissione siffatta: i parchi regionali, ora, sono preoccupati.
Per non farlo diventare incoerente con la pubblica opinione (sigh!, ndr), aiutandolo a tener in debito conto la sua astensione nell'impervio terreno dell'antimafia, gli hanno dunque affidato una nuova poltroncina.
Il presidente della commissione, Alberto Cavalli (FI) comunica ai commissari che "con nota del 17 marzo 2015, il Presidente del Gruppo Partito Democratico ha comunicato che il Consigliere Rocco D’Avolio sarà componente dell’VIII Commissione". Ma il "nostro" era assente!
Una tradizione per il Decaduto, che, sin dal giorno della sua elezione, continua a interpretare il ruolo come un bancomat: incapace di fornire alcun contributo e (quindi) serenamente "bigiante" quasi tutte le sedute dei lavori regionali. Ecco quindi che, leggendo questo post dalla Spagna, dove si è recato in pellegrinaggio (!) in quel dei luoghi sacri iberici, se la starà ridendo alle spalle dei comuni cittadini che lo votarono: fiduciosi o....
Cari "compagni", caro gruppo legalità interno, caro Bussolati (segretario provinciale PD) e Alfieri (segretario regionale PD) ma è possibile che la Lombardia, Milano, debba essere presa come una delle peggiori aree della penisola per la sperimentazione del metodo "due pesi e due misure", minando dall'interno ogni  principio di precauzione istituzionale?
L'allontanamento cautelativo dei vertici del partito coinvolti in inchieste giudiziarie (per di più contro la PA) dovrebbe esser la regola. "Ci si difende nel processo", dicevamo, "non dal processo". O forse valeva solo per mr.B.? Ma poi... premiarli pure...
RF

3 commenti:

  1. Bene notiziona.,...ma Masini...mi scusi lei è un dirigente del pd regionale nazionale , non mi sembra quindi indagato non vuol dire condannato e mi sembra proprio senza nessun senso commentare le decisioni di un partito di cui lei non ne fa parte .Come diceva qualcuno il potere logora chi non lo ha...continui a scrivere pure di quante volte qualcuno del pd o del comune usufruisce dei bagni o altro...che grande critica costruttiva o sperpero di soldi c'è in questo che pubblica.....proprio siano al ridicolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che non abbia letto ciò che ha scritto.

      Elimina
    2. Io faccio parte del PD locale , ti ho sentito pronunciare diverse volte
      queste incongruenti frasi al mercato, non quello agricolo, quello di
      P.zza Foglia, la mia tessera era datata dal lontano 1992, era perché' è' stata restituita a Bussolati con tanto di dedica , non ho intrattenuto Lo Preato, non volevo consumare l'inchiostro. Fai un giro per i Circoli, tutti hanno la sensazione che siamo SOLO AGLI INIZI , la situazione penosa del PD locale e del sistema Rozzanese e' in espansione e coinvolgerà' un'ampia fetta di tutti gli amici degli amici.
      L'implosione del nostro partito e' da sottovalutare? Le coop. sono entrate nel nostro territorio ,nel nostro territorio grazie al personaggio che ci pontificava nelle riunioni e in campagna elettorale, insomma ti sei chiesto chi era il punto di riferimento? Per non parlare di quando ci ha catechizzati prima della campagna elettorale per assegnare le preferenze e la mobilitazione di massa . Poi abbiamo scoperto tutto.
      Si dimetta D'Avoglio e indagati, se non hanno commesso nulla ritorneranno alla grande. Predichiamo bene ma razzoliamo male!
      I Nostri sono tutti uguali agli altri politici, forse peggio, visto ciò' che succede.E' un sistema generalizzato che siano a ieri era vincente.
      Al di la' di come andranno le cose, nel PD Rozzanese rimarrete in pochi , caro baffino, io sono riformista, anche se minoranza, ma con la schiena sempre dritta. Forse un po' di pulizia andrebbe fatta. O no????? Uno spettacolo poco edificante per tutti noi. Ho scritto anche a Renzi, ma come in ogni corte ,ci sono i cortigiani che anche di fronte alla realtà' preferiscono fare finta di nulla. Io sono pensionato, abito nelle case popolari, non abito nella reggia di Alboreto, e non guadagnò 10 mila Euro al mese. Dimenticavo, non sono mai stato nella mia vita indagato.
      Mariotto

      Elimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.