sabato 11 aprile 2015

COMUNE. KPMG: "Invece del fallimento, riorganizziamo le partecipate". Così MPS recupera i soldi!

Abbiamo già detto del vuoto assoluto, dal punto di vista industriale, del piano di ristrutturazione delle partecipate rozzanesi. Ma, nella prima delle commissioni risorse dedicate al tema, i consulenti KPMG, profumatamente pagati dall'amministrazione (50mila euro), han fatto sapere che la ristrutturazione/riorganizzazione è una sorta di piano parallelo (ed alternativo) al fallimento!
Già, il fallimento, il default dell'ente.
Però, visto che, come abbiamo segnalato in passato, KPMG è un advisory che probabilmente fa gli interessi (anche) del gruppo di proprietà e dei suoi clienti più importanti (tra cui il Monte dei Paschi), il primo obiettivo che si saran dato è quello di tutelarli: garantire il rientro della montagna di debiti che le partecipate hanno contratto per il progetto "di successo" teleriscaldamento.
"Riteniamo che KPMG non abbia lasciato all'amministrazione molti margini di manovra" dice Gianni Ferretti, presente alla commissione di venerdì. "La mancanza di alternative nella pianificazione di una ristrutturazione che avrebbe dovuto esser sottoposta al Socio, il consiglio comunale, è sintomatica ed imbarazzante".
Gli interessi di una banca ormai nazionalizzata ed in grande difficoltà, devono essere tutelati, e l'advisory sembra essersi dedicato a questo.
Presenti alla commissione per l'amministrazione comunale, oltre alla sindaca, i silenti vice sindaco Busnari, l'assessore Ercoli. Assente .... l'assessore alle risorse finanziarie comunali (su cui pende la spada di Damocle di decine e decine di milioni di debiti) Pietro Moro, il cavillatore legislativo delle precedenti consiliature.
"Si tratta di un "piano industriale" che prevede lacrime e sangue per i cittadini- continua Ferretti - e nessuna dismissione per far fronte ad una necessità di cassa che, invece, passa attraverso un indiscriminato aumento delle tariffe".
Durante la commissione il sindaco Barbara Agogliati si è evidentemente alterata per le comunicazioni di Gianni Ferretti ad una platea composta anche dai consulenti, dal dirigente con procure di Ama Sgambato e dal liquidatore Gambato.
"Questo piano, sebbene già vecchio perché confezionato con i dati della semestrale del giugno 2014 (dettaglio notato anche dall'ex assessore Aristide Rossi, presente alla seduta, ndr), non è completo: sono stati omessi i mancati introiti relativi ai contenziosi con Aler per i disservizi sul teleriscaldamento e, gravissimo, i mancati debiti di Api nei riguardi della municipalità, per l'omissione del pagamento dei tributi (ICI, IMU, Tares, ...) dalla sua nascita!".
La bomba deriva da una interrogazione del consigliere Francesco Barbera che, dopo una verifica documentale, ne ha chiesto conferma all'Ente. La risposta, lapidaria e stentorea nella sua semplicità, è stata dell'assessore Pietro Moro: "convocheremo il contribuente (sigh!, ndr), società in liquidazione, per accertamenti!". Incredibile, anche questo si riesce a verificare nel nostro Comune!
"Crediamo che la reazione della sindaca sia stata dettata dal fatto che probabilmente ha omesso questi "dettagli" ai consulenti (ed emissari delle banche): l'imbarazzo nella sua reazione era palpabile", afferma Ferretti. "Anche l'inconsulta affermazione sulla necessità di far mettere a verbale le mie parole, come se non fosse già previsto, è indice di forte debolezza".
insomma, la presentazione del piano (unico e senza alternative) è indicazione della grave difficoltà dell'ente retto, oggi, dalla Davogliati, che, se non dovesse passare, porterebbe al fallimento.
Ma Lei non c'era, e se c'era faceva altro...
RF

10 commenti:

  1. Queste notizie, forse incomprensibili a molti, mi angosciano terribilmente. In questi periodi di crisi, dove non c'è più nulla da vendere perché tutto è stato svenduto e i beni che erano passati ad API probabilmente sono tutti pignorati e andranno all'asta per quattro soldi, mi fa soffrire la situazione dei Rozzanesi che incolpevoli (non tutti perché hanno sempre votato questa amministrazione) saranno costretti a pagare debiti che non hanno contratto nè voluto.

    RispondiElimina
  2. Già' Montepaschi invia i suoi emissari .
    Mandiamo un bel Falcone a REPORT , questo e' un caso Nazionale.
    Sistema Rozzano? Sistema Rozzano con complicità l'istituto bancario e cassa depositi e prestiti, sostanzialmente soldi nostri.
    Non posseggo tutti i documenti, ma se non lo faranno i politici locali menzionati nel suo articolo lo farò' io, con il suo consenso Ing. Masini.

    RispondiElimina
  3. Fatemi capire: il consigliere Ferretti dice "... lacrime e sangue per i cittadini ..." Cosa c'entrano i cittadini di Rozzano con i debiti contratti dagli amministratori, presenti e passati. Vuoi vedere che quei figuri hanno saccheggiato la città e ora i rozzanesi saldano i debiti ? Cornuti e mazziati ? Qualcuno mi tranquliizzi, per favore, ho le coronarie in cattivo stato. Non sto scherzando.

    RispondiElimina
  4. probabilmente qualcuno è sicuro che non ci saranno conseguenze nel prosieguo di questa storia visto che i giorni ,festivi, di pasqua e pasquetta, gli ex dirigenti API vanno da privati a tagliare erba e piante. Con quali mezzi e quali uomini ? Comunque dispiace per il personale API , ma perche' non portano il caso al TG 3 ?I sindacati, dove sono ? non vogliono ? perchè ?

    RispondiElimina
  5. Ottima idea, mettiamo in piazza la vergogna di questo comune e le sue partecipate
    Facciamo in modo che i colpevoli vengano puniti

    RispondiElimina
  6. Decurtiamo gli stipendi alla super-Dirigente e al dirigente con procure di AMA, strapagati!! neanche i manager delle multinazionali hanno di questi stipendi!!!

    RispondiElimina
  7. Sig Masini lei la verità non la vuole proprio dire . Per quanto riguarda di far sapere all'opinione pubblica nessuno ha il coraggio di chiamare le TV nazionali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi abbiamo coinvolto alcuni quotidiani, in particolare Il Fatto (recentemente, daqndo tutte le informazioni del caso.
      Abbiamo reso edotta la redazione di Report.
      Sono allertati (e se ne stanno occupando) le redazioni milanesi di Libero e del Corriere della Sera...
      Di più.... magari! Ma l'Italia, in questi ultimi anni, è sotto attacco da parte di moltissimi lestofanti!

      Elimina
  8. Tutto andrà a finire nel nulla come sempre perché nessuno ha il coraggio di dire la verità. fanno bene a prendere stipendi da super manager e quello che ci meritiamo buonasera Sig Masini

    RispondiElimina
  9. Buonasera Sig Masini mi è sembrato di capire che lei è un ing come può essere che il teleriscaldamento risultati un fallimento visto le cifre che incassa e che avete illustrato sono spaventose .fFinché nell'azienda del comune ci sono manager che se fosse vero quello che ho letto sul suo siTo non si può far altro che fallire

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.