giovedì 16 aprile 2015

ALER. Aler riapre il cantiere di via Mandorli. Assegnato l'appalto per eliminare le gabbie!

Ebbene si. Un filotto.
Uno dopo l'altro, sebbene dall'opposizione, i punti affrontati da Ferretti in campagna elettorale stanno trovando soluzione.
"Con una collaborazione di squadra fondamentale tra il livello locale e quello regionale, iniziata con Paola Bulbarelli, ex assessore alla casa, e proseguita con Fabio Altitonante, responsabile casa di Forza Italia - afferma entusiasta Gianni Ferretti, consigliere comunale -  abbiamo ottenuto un altro risultato importante per i cittadini Aler: il 21 aprile riapre il cantiere di via Mandorli!".
L'affermazione, perentoria, in tal senso viene proprio da Fabio Altitonante, che, dopo gli ultimi incontri con Ferretti, prima e il direttore generale di Aler, Lorella Sossi, poi, ha ottenuto conferma che "l'azione di sollecito costante e argomentata sulla necessità di riprendere i lavori e mettere in sicurezza il palazzo per arrivare ad eliminare una vergogna per la città di Rozzano ha trovato soluzione". Infatti, continua il consigliere regionale, "il direttore mi ha confermato proprio oggi che si è concluso l'iter per il bando di gara che ha portato all'individuazione di una nuova azienda che porterà a soluzione una vicenda pluriennale".
"I cittadini sono stati ingabbiati per anni" continua Ferretti, "e l'amministrazione, invece di intervenire con i poteri di surroga per liberarli, è rimasta in attesa di una soluzione che, guarda caso, ha dovuto trovare nell'opposizione un protagonista. Ne abbiamo parlato mesi fa su ""il Rozzanese", e finalmente, grazie al fondamentale intervento di Fabio Altitonante presso la nuova dirigenza Aler, abbiamo potuto realizzarla".

Gianni Ferretti: ispezione Aler
La triste storia, portò i cittadini, esasperati da anni di ombreggiamento e pericolose situazioni causate dalla mancanza, in taluni casi, financo del parapetto ai balconi, a chiamare Striscia la Notizia, che venne a render conto con Capitan Ventosa.
Dopo di ciò, un intervento deciso del Movimento 5 Stelle, con Gianluca Palmeri, usando un cavillo legato al mancato pagamento della Cosap da parte di Aler, portò l'ufficio tecnico ad emettere un'ordinanza che chiedeva la messa in mora di Aler se non fosse intervenuta a sanare il cantiere entro 60 giorni. Passato quel periodo, senza nessun altro provvedimento e nessuna sanzione comunale, grazie al continuo lavoro di Ferretti con i responsabili regionali e con Aler, si è arrivati a far diventare il problema centrale nelle priorità.
Con una verifica tecnica e successivamente con un intervento politico, si è giunti al risultato che, il prossimo 21 aprile (giorno più giorno meno) riaprirà il cantiere per mettere in sicurezza i palazzi e liberare i cittadini.
Prepariamoci a leggere il comunicato stampa della Pravda che, dopo anni di proclami, dichiarerà che "è sempre stato al centro del pensiero dell'amministrazione la soluzione del problema, perchè Aler è nei nostri cuori"... e nel loro portafoglio (con Ama!).
RF

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.