venerdì 6 febbraio 2015

ENERGIA. Semplificazioni per il 65% di detrazione. Basta comunicazioni per lavori pluriennali

Con una circolare dell'agenzia delle entrate è stata abrogata la comunicazione per i lavori che proseguono per più periodi d'imposta se relativi ai lavori per l'ottenimento della detrazione del 65%.
Questa sospensione delll’obbligo per chi effettua lavori per la riqualificazione energetica degli edifici che proseguono per più anni d'imposta e vuole usufruire della detrazione Irpef e Ires del 65% è una delle principali novità introdotte dal decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175 recante “Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata”, in vigore dal 13 dicembre 2014.
La novità è illustrata dall'Agenzia delle Entrate con la circolare 31/E del 30 dicembre 2014, che spiega le numerose semplificazioni introdotte dal D.Lgs n. 175/ 2014 in favore di persone fisiche, professionisti e imprese.
A Rozzano, invece della ulteriore costruzione di quartieri e quartierini, anche il comune dovrebbe agevolare e render possibile ancor più facilmente queste pratiche che innalzerebbero il livello di qualità energetica della città molto probabilmente più vicina alla classe G che alla B.

Ricordiamo, sommessamente, che potrebbero ancora trovare attuazione i PII del Parco delle Rogge (una colata di cemento nel parco), Valleambrosia Nord e Sud, con un grattacielo alla faccia dello skyline. Interventi sul risparmio energetico potrebbero invece essere una benedizione.
Insomma, ogni tanto qualche vera semplificazione arriva: approfittiamone!
RF

4 commenti:

  1. Scusi ma cosa centra questa notizia con le nuove costruzioni , che sono private
    Sarebbe più utile informare Aler di questa notizia , visto che Rozzano è il più grosso quartiere popolare in Europa.
    Utile quello che dice visti che il governo ha fatto qualcosa di utile , lei diventa pretestuoso quando poi fà questi commenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli amministratori di questa città possono incidere direttamente sulla scelta relativa alle nuove edificazioni e all'eventuale promozione delle ristrutturazioni.
      Ed anche quando possono decidere sulle scelte delle proprietà altrui, preferiscono tener le situazioni problematiche in essere per puntar l'indice e cavarsi fuori dalle proprie responsabilità. Si legga, ad esempio, il caso delle "gabbie" di via Mandorli (dove poteva esser utilizzato il potere di intervento sostitutivo per la sicurezza pubblica) o quello del costo del teleriscaldamento erogato da AMA!!

      Elimina
  2. Masini solo perché ti hanno estromesso dalla gestione del teleriscaldamento all'epoca, e quindi non ti hanno dato il cioccolatino, non puoi continuare a basare la tua crociata... scusa "corrida" contro rete chi la amministra e chi la gestisce e contro il comune. Stai perdendo credibilità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah... beati voi che pensate che il mondo sia fatto come dite. Noi no.

      Elimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.