mercoledì 18 febbraio 2015

ANIMALI. La comunicazione animalista. Critica e progresso

Prima conferenza dell’anno 2015 per APIDA (Associazione Per I Diritti Animali), il prossimo 27 febbraio alle 21 in Cascina Grande. Come sempre ad ingresso libero, con la proposta di un incontro sull’attivismo del movimento animalista.
Il titolo della conferenza, “Attivismo per gli animali: più risultati con buone strategie e buona comunicazione”, è un invito a far diventare un movimento di nicchia un fenomeno di massa, facendo esperienza del passato e guardando al futuro.
Il relatore sarà Claudio Pomo, responsabile campagne dell’associazione Essere Animali.
Il movimento animalista, nato per dare diritti e libertà agli animali, ha avuto al suo interno tante e diverse anime con strategie tutt’altro che uniformi. Oggi, con il senno di poi si può vedere criticamente cosa abbia portato benefici e cosa no, quali campagne abbiano riscosso successo e quali meno, su quali campi dello sfruttamento degli animali il movimento è riuscito ad incidere e su quali invece è ancora lontano dall’ottenere risultati concreti.

Impegnarsi oggi per gli animali significa anche essere consci del passato del nostro movimento, conoscerne la storia e analizzare criticamente e strategicamente ogni nostra idea e iniziativa” dice Claudio Pomo. “Per capire quale sia la strada giusta e come sia meglio percorrerla”.
Ed ancora, Fabio Bersani (APIDA): “Soprattutto adesso, nella cosiddetta era della comunicazione, significa essere consapevoli che non è solo cosa abbiamo da dire ma soprattutto come siamo capaci di dirlo che può fare la differenza”.
Certamente una buona comunicazione è uno dei modi per raggiungere le persone con il messaggio desiderato.
Alla fine della conferenza sarà offerto un rifresco  vegano  (senza alimenti di origine animale)

Per info: www.apida.it,  info@apida.it 347 8264012 (Fabio)


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.