martedì 10 febbraio 2015

ALER. La cometa: osserviamo l'Osservatorio osservatore... per due volte l'anno

La sindaca, come comunicato dall'ufficio stampa dell'amministrazione, è stata nominata nell'Osservatorio per la legalità e la trasparenza di Aler Milano.
Cosa potrà fare (al di la di quello che già non si fa) in quel consesso?
Dalle sue dichiarazioni sembra che, grazie a questo titolo, ella possa cambiare la vita dei cittadini rozzanesi: "Per questo è fondamentale che si agisca senza incertezze sul tema dell'emergenza abitativa, della legalità e del contrasto all'abusivismo". Ed ancora l'assessore La Guardia:"L'Osservatorio garantirà la piena partecipazione del nostro Comune nelle questioni relative agli alloggi Aler e penso sia un'ottima soluzione per agire, in assoluta trasparenza, a tutela dei cittadini che chiedono il nostro aiuto".
Ma cosa fa e come questo istituto? Dall'Art. 19 ter della Legge Regionale 2 dicembre 2013 , n. 17 (modifiche alla legge regionale 4 dicembre 2009, n. 27, testo unico delle leggi regionali in materia di edilizia residenziale pubblica, pubblicata sul BURL n. 49, suppl. del 03 Dicembre 2013 ), si dice che l'Osservatorio si riunisce DUE volte all'anno!

Essendo un osservatorio, verranno illustrati i dati relativi allo stato di fatto, agli andamenti ed alle proposte e proiezioni inerenti le tematiche dell'abusivismo e della morosità, producendo dei report...
Fanno parte dell’osservatorio:
a) il presidente dell’ALER;
b) il direttore generale dell’ALER;
c) cinque sindaci o loro delegati dei comuni delle ALER di competenza;
d) tre comandanti della polizia locale o loro delegati;
e) un rappresentante del coordinamento dei comitati inquilini;
f) due rappresentanti delle organizzazioni sindacali più rappresentative sul territorio.”
Da cotanto consesso non è uscito mai alcunché, nulla si trova o è disponibile. UN organismo sicuramente importante.
La buona notizia è che non ci costa nulla: la partecipazione è a titolo gratuito!
RF


2 commenti:

  1. MI sembra che appunto come scritto a conclusione del post il costo zero di questo consesso abbia già di per sè un bel valore, cosa poi vedano osservino e si raccontino 2 (due !! ? !! ) volte l'anno proprio non capisco. Si trovassero una volta al mese, avrebbe più senso, se poi i report dessero seguito ad azioni concrete, ma così mi pare solo aria fritta. Come dire: guarda io mi riunisco, ma poi se i problemi restano insoluti, è il destino che non vuole si risolvino, non è colpa mia.

    RispondiElimina
  2. Propongo: la seconda volta che si riuniscono, li chiudiamo in una stanza, forniamo loro delle bottiglie d'acqua, un po di pane e................nascondiamo la chiave. Quando avranno deciso (loro) per tutti i comuni mortali, busseranno e noi apriremo e li inviteremo a comunicarci le decisoni.
    Ma seriamente pensiamo che dopo i due,due ,incontri noi sapremo che cosa hanno deciso? Spero che la Sindachessa sia accompagnata Ancora, in questa fatica dal fido Valla, vassallo per antonomasia, suggerisco di chiedere prima lumi ai due Scilipotiani, in primis per assicurarsi interventi mirati in caso di mancanza della corrente, e da ultimo avremmo velocemte le notizie,
    evitando ritardi nella consegna della posta.Questo è quanto!

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.