giovedì 22 gennaio 2015

SPORT. Contributi "mirati" nascosti in Ama. A qualcuno si, a qualcuno no...

Un confronto Rozzano - Varese di rugby
Anche in tema di sport, l'amministrazione insiste nel tenere "riservate" le informazioni relative ai buoni (gli amici?) e i cattivi (i nemici?), andando a distribuire quelli che ha definito "contributi mirati" ad un certo numero di associazioni del territorio che hanno manifestato difficoltà nel pagamento delle utenze ma senza dirne i nomi.
Con la determina n. 3056 del 22 dicembre scorso, la dirigente liquida ben 50.000 euro ad Ama, gestore degli spazi sportivi pubblici, per favorire soggetti ignoti a seguito della delibera della giunta n. 210 del 18 dicembre, che si assumeva la paternità di un atto sperequativo "intervento dell'amministrazione comunale a sostegno delle associazioni sportive del territorio tramite contributo mirato".
Questo andrà a costituire un pericoloso precedente. Si rischia, per chissà quali motivi, di premiare alcuni, permettendogli di sanare una situazione di difficoltà economica, e di abbandonarne altri.
A Rozzano ci sono oltre 50 associazioni registrate in Comune, ma la giunta, invece di convocare un tavolo di lavoro per chiedere a tutti qual'è la situazione e prendendosi poi la responsabilità di decidere a chi è opportuno dare un contributo, si nasconde dietro il "contributo mirato" secretato.

Nella determina è indicato il criterio (chissà se, per trasparenza, diranno poi se e come è stato rispettato) della sanatoria: le associazioni con più iscritti rozzanesi, con le "tariffe" più popolari, senza fini di lucro (perchè, ce ne sono alcune che speculano e gli si pagherebbero le utenze?) e che partecipano a progetti di supporto comunale...
Invece di fare una graduatoria pubblica, anche a beneficio della città, si fa tutto alla chetichella con Ama, a cui si trasferiscono i denari e si lascia discrezionalità di gestione!
La gestione dello sport è sempre piuttosto opaca, ma anche pericolosa.
Apprendiamo in queste ore del risentimento del presidente dell'associazione Rozzano calcio, Luigi Vajani, solitamente piuttosto cauto, che è sbottato lamentando problemi di ben altra natura. "Sono molto arrabbiato [traduzione libera di ben altri epiteti] con questa amministrazione incapace di intervenire per prevenire i continui atti vandalici, ruberie e altro nelle strutture di Valleambrosia". I campi assegnati all'associazione sono oggetto di continui assalti vandalici che distruggono le strutture, portando via attrezzature e abbigliamento sportivo e pochi spiccioli dalle casse del bar. "Ora Basta! Non ce la facciamo più - continua Vajani nel suo sfogo su FB. Questo posto diventerà una discarica per abbandono!". E in più ci sono le bollette....
Come abbiamo segnalato nella pagina FB di Rozzano Futuro, anhe i vigili lamentano gravi deficienze nell'attenzione alla sicurezza pubblica, e questa della ASD Rozzano Calcio è una ulteriore denuncia e segnale di poca attenzione alle vere problematiche del territorio.
Sport e sicurezza: due temi centrali che questa amministrazione disattende (tra gli altri).
RF

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.