martedì 27 gennaio 2015

ALER. Piano vendite in opera. Oltre 500 telefonate per interesse all'acquisto

Gianni Ferretti e Fabio Altitonante
Come preannunciato da RF lo scorso 15 gennaio, è ormai operativo il piano vendite straordinario di Aler.
A caldo, il commento del consigliere regionale Fabio Altitonante, delegato alla casa per FI: "La proposta di Aler stia raccogliendo il favore degli inquilini. L'azienda ha già ricevuto quasi 500 telefonate da persone interessate all'acquisto". Ma, ribadisce: "Quella di Aler è una proposta, non un obbligo. Chi non vorrà acquistare sarà tutelato".
Anche il capogruppo locale Gianni Ferretti, esprime soddisfazione in merito: "siamo stati avvicinati durante la campagna elettorale da moltissimi cittadini che chiedevano lumi sulla possibilità di patrimonializzare la loro abitazione. Dopo decenni di affitto pagato, avrebbero avuto la possibilità di rendere effettiva una possibilità che permette anche di portare garanzie per l'ottenimento di credito bancario".
L'ex assessore regionale Paola Bulbarelli aveva preannunciato l'iniziativa, e ne parlammo nei mesi scorsi. 
Oggi. con un piano divenuto realtà, Fabio Altitonante si bea dei vantaggi che deriveranno anche alle casse dell'ente: "Il piano straordinario di Aler, per la vendita di una parte del suo patrimonio immobiliare, offre agli inquilini un'opportunità unica: diventare finalmente proprietari della loro casa. Il progetto è stato avviato da Aler nel 2008 per rilanciare gli investimenti. Tra il 2008 e il 2012 Aler Milano ha venduto più di 1700 alloggi, riuscendo così a recuperare risorse per un valore pari a circa 100 milioni di euro. Il nuovo piano triennale consentirà, da una parte, di avere a disposizione più di 450 milioni di euro, che l'azienda destinerà prioritariamente agli interventi di manutenzione, bonifica dall'amianto e recupero degli alloggi sfitti; dall'altra, agli inquilini, che lo vorranno, di acquistare la casa in cui vivono. Abbiamo dato una risposta concreta all'emergenza casa, rilanciando un vero e proprio Piano Casa per la Città di Milano".
Capitan ventosa ancora senza risposte...
Ma, a fronte delle critiche che arrivano puntuali sul destino delle cartolarizzazioni, ribadisce: "Non strumentalizziamo questa occasione. Solo una minima parte del ricavato dalla vendita sarà destinato a ridurre il debito". 
La realtà di Aler continua ad essere campo di battaglia tra le opposte fazioni. Da una parte le necessità di risanamento di Aler Milano, che, negli atti della maggioranza in Regione, passa attraverso un percorso di "privatizzazione". Dall'altra le nuove possibilità determinate da una riduzione del gravame gestionale per il trasferimento degli immobili del Comune di Milano ad MM. 
"Insomma", conclude Ferretti, "è iniziato il percorso di verifica su ambo i fronti. I problemi di Aler potranno trovare soluzione per i cittadini, almeno sul fronte delle manutenzioni e della possibilità di diventare proprietari. Per i costi del teleriscaldamento e le gabbie di via Mandorli, ormai, sembra una battaglia persa con l'amministrazione!".
 RF

1 commento:

  1. Gli inquilini vorrebbero essere proprietari degli appartamenti che abitano da decenni e mi auguro che l'operazione possa avere buoni risultati a Rozzano per riqualificare il quartiere. E' diversa la mentalità di chi è inquilino e di chi è proprietario anche se non per tutti. Non mi dicano però che i 450 milioni che potrebbero essere raccolti serviranno per le riqualificazioni! Il buco era di 350 milioni già due anni fa e ora sarà sicuramente più alto. La gestione delle case popolari però in Italia è fatta veramente male!!!!

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.