mercoledì 3 dicembre 2014

AZIENDE. Abusivi! Carucci, Pugliese e Caraccini devono lasciare

Non dimentichiamolo. Come già denunciato i nuovi Cda di Sfera e Ama Sport hanno visto la nomina abusiva, da parte del sindaco Barbara Agogliati, di tre ex consiglieri e assessori, che, per poter avere l'incarico, hanno firmato illecitamente l'atto notorio di insussistenza degli impedimenti di cui al Decreto Legge n. 39/2013.
Infatti, in tutti i bandi recenti, al punto 2 dell'elenco dei documenti richiesti, si specificava una "dichiarazione del candidato che non sussistono a suo carico motivi generali o speciali [...] di cui al Decreto Legislativo 8/4/2013 n. 39 di inconferibilità  e di incompatibilità allo specifico incarico a cui la candidatura si riferisce".
Ma a cosa facciamo riferimento?

Semplicemente al comma 2 dell'articolo 7 della norma, che vieta a chi è stato consigliere o assessore di poter entrare negli enti di diritto privato in controllo pubblico da parte di un Comune!
Un passaggio, la firma di un atto come quello, di non poco conto, che prevede anche sanzioni all'interno del codice di procedura penale.
Si tratta delle "Disposizioni in materia di inconferibilita' e incompatibilita' di incarichi presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti privati in controllo pubblico", a norma dell'articolo 1, commi 49 e 50, della legge 6 novembre 2012, n. 190. (13G00081) (GU n.92 del 19-4-2013 ), entrate in vigore dal 04 maggio 2013, proprio ad evitare ciò che si è verificato: il reiterare dei trombati o per ringraziare irregolarmente chi, alla politica, dovrebbe dare, e non ricevere.
"Per poter dare loro una mano a prenderne atto e far riflettere i segretari comunali incompetenti o conniventi, dopo aver presentato una denuncia alla prefettura, che ha confermato il fatto, ma che si è dichiarata non competente, è stata ora interessata la Procura - dicono dal gruppo di Forza Italia -  in modo tale che non vi siano scuse per chicchessia".
Insomma, ora, senza attendere politicamente (quella politica che ha sempre e solo bisogno della Magistratura per decidere) il giudizio dell'organo delegato su una questione chiarissima a norma di Legge,  potrebbero fare le cose per bene, magari selezionando con cura i candidati sulla base delle competenze e delle esperienze, e, perché no, fare un Amministratore Unico, per risparmiare un po di quattrini per chi ne ha realmente bisogno.
RF

P.s. Ecco l'art. 7 comma 2 della norma citata:
"2. A coloro che nei due anni precedenti siano stati componenti della giunta o del consiglio della provincia, del comune o della forma associativa tra comuni che conferisce l'incarico, ovvero a coloro che nell'anno precedente abbiano fatto parte della giunta o del consiglio di una provincia, di un comune con popolazione superiore ai 15.000 abitanti o di una forma associativa tra comuni avente la medesima popolazione, nella stessa regione dell'amministrazione locale che conferisce l'incarico, nonche' a coloro che siano stati presidente o amministratore delegato di enti di diritto privato in controllo pubblico da parte di province, comuni e loro forme associative della stessa regione, non possono essere conferiti: a) gli incarichi amministrativi di vertice nelle amministrazioni di una provincia, di un comune con popolazione superiore ai 15.000 abitanti o di una forma associativa tra comuni avente la medesima popolazione; b) gli incarichi dirigenziali nelle medesime amministrazioni di cui alla lettera a); c) gli incarichi di amministratore di ente pubblico di livello provinciale o comunale; d) gli incarichi di amministratore di ente di diritto privato in controllo pubblico da parte di una provincia, di un comune con popolazione superiore a 15.000 abitanti o di una forma associativa tra comuni avente la medesima popolazione".
 

1 commento:

  1. Non scherziamo,ma da quando esiste la legalità' nel sistema clientelare e politico a Rozzano? È la nuova Segretaria Comunale appena nominata,parrebbe ancora impegnata nel suo ruolo ,distrattamente, in quel di Assago.I nuovi componenti dei CDA ,inutili, servono solo a premiare la fedeltà' politica stampelloria che ha mantenuto in vita una amministrazione precedente dedotta. Abbiamo il fedele parrucchiere Carucci presidente e grande conduttore dello sport, un incomiabile Fedele Berlusconiano da anni, approdato alla corte Davogliati, che si occuperà' del buon andamento degli Asili, dell'educazione dei nostri figli, (Sfera) poveri noi! poi la famiglia Pugliese la sempre presente Liliana. Farmacista ma dedita ad altri incarichi. Poi abbiamo il Fassone,già' difensore civico, pensate ha inventato una associazione più di presenziare nel palazzo con ufficio scrivania,telefono,e collaboratrici.In seguito scopriremo la nobile azione e la finalità' di questa associazione. Intanto l'ex Forzisat Moro e' alle prese con i conti che non tornano.Poi abbiamo il duo SgambyTodisco che manovrano l'impero di Ama, per non parlare di Api. Tutti ANCORATI a progetti fallimentari fautore dell'impero del teleriscaldamento e responsabile con tutti i CDA dei fallimenti milionari che pesano sulla testa dei cittadini.
    Insomma un impero. Per non parlare della galassia delle Cooperative ed Associazioni. Presto anche a Rozzano verranno tolti i coperchi dalle pentole incandescenti. Prestissimo ne vedremo delle belle, da Roma, passando per Siena,Bologna ,Milano, e ora a Rozzano..transitando per la Regione.Cooperatve che gestiscono appalti senza una gara, o meglio con gare pilotate,idem dicasi per i concorsi tarocchi.I rozzanesi si accorgeranno di quanto fiume di denaro si è' sprecato per non dire altro.Tutto ruota attorno ad un sistema ben congenito da anni ma che a breve farà' il botto.Insomma un impero che ha comandato,amministrato Rozzano. Per non dimenticare altri fiumi di denaro alle associazioni e circolini vari.Ed i controlli? È' lecito domandar si che chi sta in alto non si degni di guardare in basso per verificare come e dove finiscono i quattrini dei Rozzanesi?

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.