lunedì 6 ottobre 2014

ASSOCIAZIONI. La Giunta saluta alcune di loro senza idee e senza soldi

Vetri rotti e spifferi in sala
Giovedì scorso, la Giunta ha invitato (probabilmente) tutto l'associazionismo locale ad un incontro di saluto e benvenuto che si è tenuto nella sala consiliare. In realtà, non si capisce se l'invito è stato esteso a tutte le associazioni o meno, visto che alcune di loro (interpellate da noi direttamente) han detto di non averne saputo nulla.
Comunque, anche il fatto che fossero presenti soltanto circa una trentina di persone (di cui ben cinque dell'associazione Filo d'Arianna, che ha stanza in Comune, quindi lo sapevano di certo) la dice lunga su un'organizzazione che, anche voci interne alla Giunta, giudicano approssimativa.
Un inizio scoppiettante, con una pallonata che rompe uno dei vetri della sala e palesa, nel tentativo di individuare i responsabili, quanto segnalato dal consigliere Gianluca Palmeri in altra occasione, relativamente alle porte antipatico molto male in arnese, e che non si aprono!
Per l'amministrazione, presenti il sindaco Barbara Agogliati, Dario La Guardia (che si dice esser stato l'assessore incaricato per l'evento), Marco Ercoli, Stefano Apuzzo, Fiorella Imprenti. Mancava Stefania Busnari, assessore alla cultura (!), una delle deleghe in causa. "Arriverà più tardi" ha detto la sindaca. Attesa vana.
Come si è presentata la nuova Giunta ad un coacervo non omogeneo di associazioni del volontariato sociale, culturali, ambientali ed altro?
"Per quest'anno niente festa dell'associazionismo in Cascina. Non ci sono soldi!".

Quando c'era D'Avolio.... denari senza problemi!
Già, ma per i loro stipendi si. Come abbiamo visto, li hanno mantenuti al massimo, anche e nonostante non siano privi di reddito. Prendendo tre di loro (quelli che lavorano comunque e hanno redditi, come Ercoli, Moro e Busnari) e tagliando a metà la loro prebenda, si ottengono 2mila e duecento euro al mese che farebbero ogni trenta giorni gli introiti annui di molte associazioni....
La sindaca ha anche addotto il fatto che i tempi son limitati per una tale organizzazione. Con i criteri che utilizzò anche in passato per cassare proposte come la video ripresa in consiglio gratuita (perché secondo lei costava 20mila euro), si capisce come tutto sia sempre molto artificioso. Stampare dieci manifesti, fare un po' di grafica per le dem, comunicare (ma farlo davvero) dell'iniziativa con il tam tam delle associazioni, segnalare alla Cascina (...che è del Comune, o sbagliamo?) che vi sarà l'evento... et voilà! Les jeux sont faits!
Ma forse Agogliati pensava di dover spendere 50mila euro e avere tre mesi a disposizione...
Proposte operative non se ne son sentite.
Quella più forte e sensata, che circola nei media già da qualche tempo, è stata messa in campo dal consigliere di 6Rozzano/Sel Guido De Vecchi, venuto a sapere di "straforo" della riunione e partecipante interessato, per il suo appartenere operativamente alla rete del terzo settore.
"Occorre realizzare un tavolo permanente per le associazioni di consultazione continua. Questo garantirebbe un elevato livello di coordinamento e contaminazione che renderebbe ogni singola iniziativa territoriale costantemente allineata ad un progetto più vasto, a rete". Ha portato anche esempi concreti di coordinamento, che son stati rilevati ed apprezzati, ma dalla Giunta un semplice assenso generico. Vedremo.
Certo è che, vista la mancanza di contenuti proposti, pareva più una conta.
"Sulla scia del detto che con la cultura non si mangia, dove si va a tagliare? Su un aspetto fondamentale, proprio lì" dice il coordinatore di Sel Sud Milano Igino Gabriele. "O si investe in cultura - che significa anche cultura del sociale - o si rischia di rimanere agli infimi livelli a cui siamo stati portati!".
Sull'associazionismo tira anche il vento delle elezioni. A breve dovrà rinnovarsi al presidenza del CAV, il coordinamento del volontariato, che vede uscente Libera Judice. E ciò non sfugge a molti, vista anche come è stata condotta l'ultima campagna elettorale, a colpi di eventi in tante e tante associazioni che si son dette amiche.
Ancora Gabriele: "Le associazioni dovrebbero avere una loro autonomia ed indipendenza. Reagiranno compitamente scegliendo un presidente di qualità o saranno schiacciati su ciò che sarà apparsa come una propost caldeggiata dall'Amministrazione?".
Il tema non è peregrino.
Tra le associazioni presenti, ricordiamo, oltre alla già citata Filo d'Arianna, l'Unicef, il Circolo Fotografi, gli astrofili, l'Avis, ...
RF

5 commenti:

  1. Come al solito, Marco, commenti per sentito dire, sentenzi sulla base di cose riportate, mai completamente aderenti alla realtà. Non credo che tu fossi presente alla riunione, quindi mi chiedo chi possa averti riferito certe cose. Forse è bene che tu, da "buon" cronista locale, proceda alla verifica puntuale delle tue fonti prima di pubblicare un "articolo". Riportare informazioni di singoli potrebbe rivelarsi una cattiva prassi per chi si batte per la verità. Ma forse la verità ti interessa poco. Quella a cui tieni è sempre e solo la salvaguardia della tua personale verità. Che sia chiaro, non mi importa del tuo personale giudizio. Quello che conta è, quantomeno, che la gente sappia cosa sta leggendo e chi sta scrivendo. Proprio come chi legge L'Unità o Libero. Questi, infatti, lo fanno consapevolmente, conoscendo le posizioni schierate delle redazioni.

    Sulla questione della festa del volontariato non abbiamo mai sostenuto di non volerla fare per questioni economiche (che pure esistono in maniera generalizzata per tutti i Comuni).

    Sul Consigliere De Vecchi, invece, voglio personalmente esprimere un giudizio più che positivo. Con lui, sin dal primo consiglio comunale, ho avviato un dialogo che va oltre gli schieramenti politici. E' una persona, contrariamente a molte altre, con la quale credo si possa lavorare per migliorare la nostra Città. E' nostro dovere valutare ogni idea, specialmente quelle provenienti da persone che si propongono di collaborare attivamente e non di ostacolare sempre e comunque senza proporre nulla di concreto.

    Sulla questione degli inviti, mi sembra difficile che non sia stato ufficialmente invitato poiché a tutte le associazioni di volontariato presenti in anagrafica è stata inviata una mail. In caso contrario, potrebbe essersi trattato di un mero errore. Mi riservo, comunque, di verificare. Come diceva qualcuno, "chi lavora, (può) sbaglia(re)".

    Tutto quanto ho espresso in questa risposta, posso anche approfondirlo dal vivo anche fornendo maggiori dettagli (difficili da affrontare all'interno di una risposta scritta).

    Aspetto di vedere pubblicata la mia risposta. In caso contrario pubblicherò su FB quanto da me scritto in calce al tuo "articolo". ;)

    Ass. Dario La Guardia

    RispondiElimina
  2. Venerdì 3/10 le associazioni del CAV hanno deciso di fare la Festa annuale l'8 ed il 9 novembre alla casa delle associazioni. La data è stata comunicata all'Amministrazione che avrà, forse, abbastanza tempo per organizzare la comunicazione!

    RispondiElimina
  3. Ancora una volta, riporti informazioni errate.
    Il CAV ha avanzato una richiesta ufficiale, durante l'incontro che si è tenuto qualche giorno fa e di cui esiste un verbale, per il 18 e 19 ottobre.

    La Guardia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dario per il Tuo intervento.
      E' importante ogni tanto che la città sappia che ci sono documenti e posizioni della Giunta che non afferiscono solo al "silenzio".
      Se guardi nella mai, proprio questa sera avrai ricevuto l'informazione che riporto qui sopra.
      Gli errori si fanno ci mancherebbe altro, però mi risulta che la scarsa partecipazione potrebbe proprio esser dovuta al fatto che l'incontro sia stato posticipato per due volte.
      E poi, nella Tua comunicazione non trovo gli errori di cui parli: a cosa Ti riferisci? Al fatto dei "problemi economici generalizzati" che non consentono una festa importante o al fatto che occorre troppo tempo per l'organizzazione?
      Gli articoli si fanno anche dopo aver parlato con qualche protagonista.
      Apprezzo il tuo apprezzamento per De Vecchi. Magari aiuta la relazione con Voi nel complesso, visto che sulle cose che contano non date risposte...
      Trasparenza, Ti appartiene.
      Ci sentiamo certamente.
      Buona serata.

      Elimina
  4. Buonasera, io ero presente alla riunione e posso dire che si è parlato soprattutto delle problematiche inerenti la Casa delle Associazioni. Per la festa si è solo detto che il tempo era breve per organizzarla nelle date proposte di fine ottobre e quindi si proponevano altre date . Che altro dire? che se si pensasse meno al proprio io e un po' di più al bene comune costituireste anche voi un'Associazione..

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.