sabato 20 settembre 2014

AZIENDE. Politicamente scorretto: Pugliese, pappatacio locale

Pappatacio rozzanese
Una scoperta incredibile è stata fatta dal consigliere Gianluca Palmeri (M5S) di Rozzano, spulciando i curricula dei candidati ai Cda delle aziende partecipate rozzanesi.
"Tutto mi sarei aspettato, anche scelte poco trasparenti e clientelari, tipiche della politica italiana" dice Gianluca. "Ma ciò che è successo nella scorsa legislatura e che solo oggi abbiamo portato alla luce ha dell'incredibile!".
Il consigliere rozzanese, dopo un'attenta lettura (e rilettura, perché non ci credeva) del curriculum di Liliana Pugliese, classe '77, traballante presidente di Sfera, società di proprietà al 100% di Ama, quindi pubblica, ha scoperto che, dopo la sua elezione del 2009, e successiva nomina assessoriale (giugno), è stata assunta a tempo determinato (a novembre) nelle farmacie del gruppo AMA...

"Tra le forme di conflitto di interesse e clientelismo abbiamo trovato una di quelle più perniciose e odiose, legate alla casta" dice Gianluca Palmeri. "Vista la denuncia al Prefetto già inoltrata per la nomina illecita nel cda di Sfera, per il momento ci limitiamo ad attendere le dovute risposte, salvo poi procedere diversamente se non verrà rimesso quel mandato a prescindere dalla risposta".
Il padre, figuro che si permise di esplicitare pubblicamente minacce ai consiglieri comunali avversi per altrettanti fatti esecrabili, ogni volta che si è tacciata la figlia di assenteismo (grave e reiterato, oltre che di inutilità) si ergeva a difesa della posizione. Posizione, evidentemente, impropria, ottenuta nell'uno (assessore assenteista) e nell'altro caso (assunzione clientelare ed illecita) senza alcun merito se non il titolo di studio.
Ringraziamo, per l'ennesima volta, il Decaduto D'Avolio per i regali alla città.
RF

1 commento:

  1. Perché non andate più a fondo per scoprire che all'interno di ama-ama sport-arco-sfera etc etc ci sono altri casi di parentele tra dipendenti, oppure, dirigenti e dipendenti... Per esempio un paio di dirigenti di Ama hanno parenti all'interno delle aziende del gruppo se non nell'azienda stessa...

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.