giovedì 18 settembre 2014

AMBIENTE. Istituita l'oasi di protezione Parco delle Rogge

La parte cittadina del Parco delle Rogge
Con il decreto dirigenziale della Provincia di Milano 8724/2014 dell'8 settembre scorso, è stata istituita l'oasi di protezione della fauna selvatica Parco delle Rogge, in attuazione al nuovo piano faunistico venatorio provinciale.
Si tratta, in buona sostanza, della perimetrazione di un'area, che non corrisponde completamente ai confini del Parco delle Rogge cittadino istituto dalla precedente amministrazione, nella quale è vietata la caccia.
E' un successo ambientalista di vecchia data.
Già l'assessore Masini, nel lontano 1993, sindaco Giuseppe Foglia, finì su Rai3 per aver imposto un divieto di caccia sul territorio cittadino a causa dell'invadenza oltremodo eccessiva degli sparatutto locali e non, e per aver tentato, con Stefano Apuzzo, di chiudere il ritrovo cinofilo di via della cooperazione, dove venivano addestrati i cani per la caccia alla quaglia avvalendosi di prede vive (!).
Successivamente il tri-assessore Apuzzo è intervenuto a più riprese per estendere, definitivamente, l'area di divieto, sino al provvedimento odierno.
Ora, in quell'area, oltre alla superficie definita dal parco cittadino (vietato alla caccia per definizione), vi si aggiunge un bel pezzettino definito tra Torriggio e Moirago.

Catia Acquaviva, di APE, l'associazione che gestisce l'oasi naturalistica del Parco dello Smeraldino a Valleambrosia, commenta: "da sempre chiediamo il divieto di caccia su tutto il territorio rozzanese. Adesso, in collaborazione con coloro i quali hanno mostrato sensibilità in provincia, provvederemo alla perimetrazione dei confini, che rendono netto ed evidente l'atteggiamento che, in modo sempre più esteso, è entrato a far parte della cultura e dell'etica cittadina". Conclude con un ringraziamento all'assessore Apuzzo che, pervicacemente e contro la lobby dei cacciatori, da anni lotta per questo obiettivo.
Ricordiamo che, questa lotta, è anche intestina: Agogliati è una famiglia con tradizione di cacciatori, e non avranno apprezzato tale estensione delle aree protette!
RF


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.