martedì 1 luglio 2014

TERRITORIO. Territorio svendesi e svizzeri ingrassasi. Personaggi di "Mani Pulite" a Rozzano

Via Curiel 6 a Pieve: snodo immobiliare sospetto
E qualcuno si interroga ancora sul perché le "deleghe strategiche" come quella dell'urbanistica se le è tenute D'Avogliati?
Come verificammo qualche tempo fa, confermiamo che API, per tramite del suo ex amministratore delegato Giampietro Bellini, uomo di fiducia del sistema del Decaduto, sottoscrisse un accordo per l'utilizzo della cascina Follazza come deposito e magazzino senza oneri a patto che, in ordine di tempo:
1) il Comune cedesse al proprietario della Follazza, Residenza del Bissone srl, l'area di Ponte Sesto che avrebbe cancellato il campo di calcio e la piscina Targetti. A seguire, per necessarie modifiche: 
2) il Comune cedesse al proprietario della Follazza, Residenza del Bissone srl, l'area dei due campi di calcio di viale Campania, su terreni comunali.
L'operazione prevedeva la cessione come oneri a scomputo del terreno dove vi è il centro sportivo Targetti (di proprietà della SIN srl, incorporata dalla residenza del Bissone nel 2011).
Un accordo scellerato - non abbiamo trovato parole migliori, ndr - che ha messo un cappio al collo della città per gli oneri che ne sarebbero e che ne sono derivati, e che la priva di una grande area a verde ed attrezzatura sportiva in cambio di nulla: un misero spostamento con ricostruzione dei campi stessi!
Si tratta di un danno grave e premeditato!!!
Nel dettaglio, l'opzione (1) fu cancellata da una sommossa popolare, che portò il Comitato dei 610 a far sì che il consiglio comunale eliminasse l'opzione prevista nel Documento di Inquadramento delle Politiche Urbanistiche (DIPU) il 16 giugno 2008.  
La piscina Targetti, interno.
L'opzione (2) ha preso le mosse in uno degli ultimi consigli comunali della scorsa legislatura provvedendo a porre i campi di calcio nelle proprietà comunali destinate ad alienazione, in virtù di una previsione perniciosa del PGT denominata "Viale Campania". E qui non si è ancora mossa la città....
Rozzano, da questa malsana operazione, ne avrebbe in dono un'area residuale e da bonificare che nessuno sano di mente vorrebbe in cambio di un servizio pubblico (sportivo) e verde  generatore d'ossigeno.
L'affitto che API avrebbe dovuto pagare alla Residenza del Bissone, sarebbe stato di ben 300mila euro all'anno! Come se fossero noccioline, un fiume di denaro nelle casse di un amico, che nessun diritto avrebbe potuto accampare se non con la compiacenza dell'Amministrazione.
Il Comune si trova così nella situazione d'essere "connuto e mazziato" (dicono gli amici siciliani): qualcuno (Bellini e il suo ex "capo", quantomeno) ha posto sul suo capo una spada di Damocle da quasi 2 milioni di euro per, di fatto, obbligarlo a fare l'operazione pena il pagamento dell'affitto di un inutile spazio. 
Il Comune, come abbiamo spesso sottolineato, non aveva alcune necessità di quegli spazi, come non ne aveva dei capannoni della CRC del direttore generale di API (e proprietario della CRC stessa) Luigi Gianotti.
Il DIPU 2006
Un vero e proprio taglieggiamento del territorio e delle risorse pubbliche.
Chi sono gli attori di questo scempio ai danni dei cittadini?
Ebbene, tanto per cominciare l'ex sindaco D'Avolio e l'ex assessore all'Urbanistica Danila Pinardi, in carica ai tempi della redazione del DIPU, e, a seguire, lo stesso D'Avolio, l'ufficio tecnico e, con continuità tra le due consiliature, Giampietro Bellini e tutto il Cda di API. Oltre, resta inteso, il sodale amministratore della Residenza del Bissone ed altri che incontreremo tra poco. E ricordiamo che Barbara Agogliati, dal 2009, è stata assessore alle partecipate.... ed ora se le è riprese.
Ma guardiamo le date.
Il DIPU è del luglio 2006, presentato ad una conferenza di maggioranza a Courmayer dal 18 al 20 settembre 2006.
La Residenza del Bissone compra la Follazza il 3 aprile 2007.
API fa il contratto con la Residenza del Bissone 23 aprile 2007.
Il DIPU viene presentato alla città, e Ponte Sesto, con i 610, lo blocca a novembre 2007 (confermata dalla delibera consiliare del 16 giugno 2008).
API aggiorna il contratto di "affitto" il 30 aprile 2010 con la Residenza del Bissone, con il nuovo obiettivo dei campi di calcio di viale Campania, con nuova scadenza al 23 aprile 2013, altrimenti API paga.
Si approva il PGT il 10 dicembre 2012.
Non si riesce a rendere operativo il piano entro il 23 aprile 2013, ecco quindi un ulteriore aggiornamento del contratto API/Residenza del Bissone, che chiede un aggiornamento al 23 aprile 2014.
Il Romantik Hotel villa novecento di Courmayer, sede
della conferenza di maggioranza 2006.
Si è tenuta una Commissione Territorio e Bilancio il 27 marzo, e consiglio comunale 31 marzo 2014. Approvato il piano delle alienazioni che include viale Campania, così che, per gli accordi contrattuali, API ha dovuto (probabilmente) pagare solo 300mila euro, che si sommano a tutti i debiti in essere.
Insomma, hanno giocato a monopoli con i denari della città a beneficio di un privato.
Ed il privato (la Residenza del Bissone) ha avuto, come amministratore unico che risultava noto alla magistratura ai tempi di Mani Pulite, per tangenti all'ufficio del registro per alterare i valori degli immobili. Come Greganti, a volte ritornano.
Nel 2005, l'amministrazione va a tal Gilardi Natale.
La proprietà resta saldamente nelle mani del Gilardi stesso e famiglia e di Bertacchini Gaetano e moglie (Facchetti Maria). 
Maledettamente artefatte, quasi tutte le società hanno sede in via Curiel 6 a Pieve Emanuele, e odorano di losco per costituzione lontano un miglio....
Ed in più ci sono gli svizzeri, che potrebbero intercedere per un conto corrente utile in sede elvetica.
Si tratta di un intreccio che la stessi operatori della Guardia di Finanza indica spesso come uno degli elementi chiave per la valutazione di situazioni sospette, e dalle quali un Amministratore pubblico (un sindaco e un assessore, ad esempio) e un funzionario comunale (un dirigente del territorio, ad esempio) dovrebbero disincentivare, non agevolare!!
RF 

8 commenti:

  1. A volte penso che la gente non abbia voglia di capire perché ha paura che la combutta sia così grande da provocare un terremoto. E di terremoto o grande eruzione di un vulcano ci vorrebbe ora in Italia e, nel nostro caso a Rozzano. Cosa aspettiamo per impedire che anche questo fattaccio si avveri?

    RispondiElimina
  2. Tra le proprietà della Residenza del Bissone vorrei ricordare il capannoncino su via Isonzo a fianco dell'ecomostro di nuova realizzazione.Un dubbio cambio di destinazione d'uso ha permesso la realizzazione (non ancora completata) di un numero imprecisato di appartamentini.

    RispondiElimina
  3. Oggi 13 febbraio apprendiamo che il contratto criminale fra API e le fatine bianche unite è stato stracciato e i rozzanesi possono tirare un respiro di sollievo. Che non sia l'inizio della fine di una terribile storia rozzanese?

    RispondiElimina
  4. Terrificante!!!!!! Spero da cittadino che ha perso il posto di lavoro, e che ha votato
    oggi dico purtroppo da due lustri ,questa indicibile combutta affaristica,lobbistica, sinistra/margheritosa , siano presi con le mani nel sacco!
    Vergognosi,vergognosi, ma a quanto ammonta l'arricchimento di tutte queste manovre? Restituiteci la dignità, restituiteci i soldi! Pinardi/Agogliati/D'Avolio, Bellini/Carrara/CDA di Trombati, Assessori Scilipotiani,consiglieri ignoranti sino a tal punto da approvare anche la carta da burro, come diceva un consigliere sempre attento,e l'ufficio tecnico? andate a nascondervi!senza far mancare nulla alla Dirigenza del Comune che in media succhiano dagli 80 ai 90 mila euro per anno. Sto leggendo il suo articolo con alcuni amici, domani devo pagare il gas, dopodomani la luce,dopodomani la refezione, dopodomani la retta asilo, dopodomani l'affitto, dopodomani il riscaldamento,dopodomanil'assicurazione auto,dopodomani il Tiket dlle medicine che assolutamente devo prendere,dopodomani,(ma non ho i soldi) dovrei fare un apparecchio dentale al figlio, etc. Direte ma sei proprio sfigato.
    NO! sono un comune mortale cittadino Rozzanese incazzato!
    Pinardi , Agogliati, D'Avolio mi avete rotto i cosidetti per votarvi, per cercare i voti! Vi manderà il conto a casa, mi riferisco a quello morale! Chiudete definitivamente il conto che avete nei confronti dei Rozanesi, andate anche voi a Cuba, o ritiratevi nel palazzo di Alboreto, o nel castello Giannottiano, o meglio sarebbe che intervenisse chi di dovere per mettervi tutti a pane ed acqua.Speriamo , confidiamo nella giustizia che prima o poi renderà merito agli onesti.Vergogna!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Masini, la ringrazio, come ho avuto modo di ringraziare per la chiarezza e schiettezza in qualche riunione del consiglio quando parlavate di API un consigliere che parlava chiaro! Conti alla mano aveva ragione. Continui, prima o poi qulacuno si deciderà a portare alla Curmayur Operese questi galantuomini di amministratori. O No?????

    RispondiElimina
  5. Incredibile !! semplicemente incredibile che queste losche e truffaldine manovre siano possibili. E intanto i rozzanesi , non tutti per fortuna perchè qualcuno che aveva sentito puzza di bruciato ha cercato di "aprire gli occhi" agli altri, ma non è bastato, dicevo i rozzanesi hanno votato e rivotato per questi personaggi e ancora votano per gli epigoni. Che ingrassano alla faccia degli elettori, che tirano la cinghia e non hanno i soldi per aarivare fine mese. E chissà quante altre cose losche ci sono nel pentolone di Rozzano. Avanti: chi sa parli !

    RispondiElimina
  6. Questo blog è alla portata di tutti. Chiunque può leggere certe accuse. I protagonisti (nel peggio) non replicano, non querelano, non difendono il loro nome. Sarà perchè hanno la coda di paglia e hanno paura di bruciarsela? O sarà perchè come nella Divina Commedia dicono "non ti curar di loro ma guarda e passa" ? Straffottenti al punto di essere sicuri di sfangarla? Dai GDF ! Su forza: affonda i colpi e mettili in galera non prima che abbiano reso i soldi rubati.

    RispondiElimina
  7. Targetti? Vice sindaco Busnari, margheritosa e sempre pronta a magnificare in Consiglio le gesta dei due Scilipotiani Moro l'elettricista e Caraccini il postino,se ci sei batti un colpo.
    Ma quale colpo, fatti dieci vasche con i tuoi soci, magari prendi il volo con il tuo
    Aliante ( sich) attenzione però' alla zavorra, imbrachi tutti .
    Partenza: Da piazza Alboreto?Da piazza foglia? Dalla Targetti?
    Destinazione: Opera, senza prima aver restituito il maltolto, ivi compreso la società' ed i componenti, Pinardi,Agogliati, Sgambato, Dirigenti, CDA, Bellini, Ufficio Tecnico, il super presidente di Serracapriola e famiglia, per non parlar e del super politico locale, il musicante Lo Preiato ,che suona e se la canta.
    A proposito la famiglia Lo Preato e' molto ben inserita non solo musicalmente.
    Quindi, imbarcate i sul bimotore, destinazione Opera.
    Vergognosi!,,,,, '!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Ladri e maneggioni di tutti i tipi sono qui a Rozzano capitanati dal Decaduto e dalla sua cricca ... preghiamo che li mandino a Opera a fare un giretto per qualche anno (speriamo prima rendano il maltolto) ... nell'antichità sarebbo esposti in piazza al pubblico ludibrio e poi cacciati dalla città ....

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.