giovedì 24 luglio 2014

COMMERCIO. Segnali dal DUC "Io DIco... Rozzano". Ritardi e omissioni

Il pergolato al Burlagiò: l'intervento per il DUC?
Il "Io Dico Rozzano", il distretto per il commercio (DUC)  di cui abbiamo lungamente parlato e denunciato nel passato, in due puntate dense di note, mostra oggi qualche segnale di vita.
Dopo l'apposizione geograficamente e commercialmente inusuale (e inutile in molte occasioni) della cartellonistica, in zone dove non serve proprio a nulla o a far favori a qualcuno, dagli ultimi mesi dell'anno passato hanno iniziato, sulla base di criteri ancora ignoti, a chieder conto ad alcuni dei partecipanti e vincitori del bando dei loro investimenti.
Sarà per questo che al Burlagiò, a due anni e più dal bando (che prevedeva la copertura di parte delle spese per un dehor esterno), in queste settimane, è nato un pergolato in legno!
Certo è che, invece, Autostore, in viale Monte Amiata, deve esser stato pesantemente redarguito, avendo partecipato per migliorare una concessionaria d'auto, poi diventata un Wok Restaurant!
Ma il caso più incredibile è quello d'aver chiesto conto e restituzione di denari senza verifica.

Il Wok al posto di Autostore
Nel caso di una attività che nel frattempo era cessata, si è ricorsi ad una comunicazione di immediata restituzione in dicembre 2013 soltanto a fronte di una SCIA (Segnalazione Certificata Inizio Attività) e senza la verifica delle reali motivazioni della chiusura e degli investimenti effettuati, in quel caso dovuti a problemi di salute.
Ma le questioni sollevate sul tema sono state molte, non ultimo l'eliminazione fisica della Cabina di Regia, mai più convocata dall'aprile 2013, nonostante le ripetute richieste della Confcommercio, evidentemente e giustamente interessata al rilancio degli operatori e ad una messa in opera di azioni ben più consistenti sul territorio.
Inascoltati, nei termini e nelle denunce, gli amministratori ed i burocrati continuano imperterriti nel loro compitino. Arriveranno, viste le richieste di "messa in ordine" della pratica, a relazionare alla Regione, ma che occasione persa per il commercio rozzanese, schiavo di un centro commerciale Fiordaliso che, pur di non perdere nessuna occasione, porta fornitori, promuove contatti e blinda l'Amministrazione.
RF

5 commenti:

  1. Ing.Masini,sono un commerciante di Rozzano, ho contattato altri colleghi chiediamo se possiamo fare nostro il suo articolo per porre in atto denunce l'ala procura e guardia di finanza, prima chiederemo un incontro con il segretario dell'Unione Commercianti.Da quanto abbiamo capito anche loro facevano parte della Cabina". Citeremo ovviamente anche Dirigenti,ex Sindaco e funzionari che hanno gestito i Fondi, ivi compreso l'ex Sindaco di San Donato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che si. Tutto ciò che è scritto è frutto di informazioni tratte da documenti, territorio ed indagini. Contattemi via mail imanageme@googlemail.com

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Per vedere lo Wok in versione Autostore (prima del trasferimento), ecco il LINK a StreetView di Google.
    E' stato commentato in modo poco appropriato che Autostore era altrove... Non è così. Era proprio lì.

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.