mercoledì 16 luglio 2014

ALER. Bulbarelli: "Caro Renzi, le Aler non devono pagare l'IMU", e il Consiglio approva lo Statuto

Il consigliere Ferretti con l'ass.re Paola Bulbarelli
Il 9 luglio 2014 l'assessore Paola Bubarelli riferisce che "ho scritto una lettera al presidente del Consiglio Matteo Renzi e ai ministri Maurizio Lupi (Infrastrutture e Trasporti) e Piercarlo Padoan (Economia e Finanze), affinché le Aler siano esentate dal pagamento dell'Imu e della Tasi". Lo fa sapere l'assessore regionale alla Casa, Housing Sociale e Pari Opportunità all'indomani dell'approvazione in Consiglio regionale di una mozione presentata dai consiglieri Dotti e De Corato.
Secondo l'assessore Bulbarelli è però necessario che "tutti i Comuni, e in particolare quello di Milano, affrontino questo tema, tenendo conto che il loro patrimonio immobiliare non è soggetto ad alcuna tassazione".
"L'auspicio è che i proventi derivanti dalla tassazione Imu sul patrimonio Aler - prosegue Bulbarelli - vengano almeno reinvestiti dal Comune direttamente nell'edilizia pubblica sotto forma di fondo di solidarietà e manutenzioni, senza che vengano dispersi nel mare magnum dei Bilanci comunali.".
Vana speranza per un Comune ormai alla soglia del dissesto a causa delle partecipate come il Comune di Rozzano, dove l'assessore Paola Bulbarelli era venuta anche durante la campagna elettorale a presentare il piano di investimenti e di azione dell'Aler Milano ed il suo personale impegno nella materia.

Oggi alza il tiro, e riferisce (come riportammo qualche giorno fa) che nel triennio 2011-2014 le Aler hanno pagato 52.520.205 euro di Imu. Oltre la metà di questi (32.519.494 euro) li ha pagati la sola Aler Milano, che, proprio nei giorni scorsi, ha versato la prima tranche di oltre 6 milioni di euro per la Tasi e per l'anticipo Imu 2014. "Auspico che tali fondi - continua Bulbarelli - possano essere velocemente utilizzati per risistemare le numerose case sfitte che non possono essere assegnate, perché non a norma. In questo modo riusciremo anche ad accorciare le liste d'attesa".
L'Aler a Rozzano
Il prelievo fiscale sui beni immobili di un'Aler costituisce una sorta di anomalia giuridica. "Aler non ha come finalità lo scopo di lucro - spiega Bulbarelli - e non dovrebbe quindi partecipare al pagamento delle spese pubbliche, ma anzi esserne sostenuta, visto che morosità dilagante e occupazioni abusive rappresentano problematiche che stanno incidendo in maniera determinate sui bilanci dell'azienda. Gravarli ulteriormente di imposte rilevanti appare davvero un'assurdità".
"Rinnovo con forza il mio impegno e quello della Giunta - conclude - affinché si trovino le soluzioni adatte, per far sì che le Aler non paghino tali tributi e per porre termine, finalmente, a un prelievo iniquo e in grado unicamente di recare danni a un'azienda con evidenti funzioni a carattere sociale".
Il Comune di Rozzano, invece, nei precedenti bilanci, a dispetto dell'intenzione di salvaguardare l'Istituto, applicava una delle IMU tra le più alte della Lombardia, contribuendo, a suo modo, grazie a D'Avolio, a mostrare come tra il dire ed il fare c'è di mezzo un bilancio che deve tener in piedi le Partecipate disastrate dalla sua gestione.... La questione si è risolta "amichevolmente" con molti se e molti mah....
Nel frattempo il Consiglio regionale approva lo schema tipo dello Statuto, dove vengono introdotti la Consulta degli inquilini e l’Osservatorio per la legalità. Inoltre il Presidente Amministratore Unico sostituisce i vecchi Consigli di Amministrazione. Nel provvedimento “Approvazione dello schema tipo di Statuto delle Aziende lombarde per l’edilizia residenziale pubblica (ALER) ai sensi dell’articolo 14 della l.r. 27/2009”, la V Commissione consiliare, con Relatore il consigliere Martinazzoli, ha ricevuto in aula il 15 luglio l'ok da parte di PD con Lega e FI. Il Nostro Decaduto si è espresso in merito "non avendo partecipato ai lavori della commissione" ma visitandola di quando in quando al fianco del consigliere delegato del Pd Onorio Rosati.
Seguiremo i passaggi.
RF

3 commenti:

  1. Ma tutto cio' al Decaduto come lo chiama lei, Ing. Masini, poco importa, basta che a fine mese percepisca il lauto stipendio.Ho ricevuto, mio malgrado, vivirozzano,ovvero vividavolio & C. La vergogna non ha limiti, quando il Decaduto , ripeto senza alcun rispetto per i Rozzanesi fa una analisi ,tutta familiare, anzi autoreferenziale visto che si fa intervistare sul suo giornale e quello della consorte, aggiungerei mantenuto in vita con i soldi dei cittadini udite udite!: spurdortamente, fa una analisi di che cosa ha lasciato in eredità ai Rozzanesi. Si, ha lasciato un mare di guai di debiti, con il fallimento della Rudh, Api con debiti per 46 milioni di euro, 60 dipendenti a spasso cui è stato promesso il reintegro in Ama, che sta a galla per miracolo, dirigenti strapagati compresi quelli del Comune. Ma a lui che cosa importa, con tutti gli immobili che possiede non puo' fregargli di meno.Sempe sul vividavolio è stata presentata la Giunta: la farsa continua! Moro dopo vent'anni di Forza Italia passa in maggioranza mantenendo in vita la Giunta Davoliati, oggi è assessore, il riconoscimento è d'obbligo visto che le commesse. Per quattro denari! Conflitto d'interesse insanabile.La vergogna non ha limiti. Ercoli, assessore all'urbanistica , esercita la professione di amministratore di condomini, certo i suoi amministrati saranno felici, tutto sarà piu' facile.E pensare che aveva i mal di pancia quando dopo aver promesso ai condomini il teleriscaldamento che non decollava non sapebva che pesci pigliare.Ma si sà fra amministratori Comunali e condominiali ci si intende. Gli altri sono illustri sconosciuti o meglio, La Guardia è il dipendente modello di AMA braccio destro di Gianfry il sommo dirigente che si firma ....con procure. Ha tentato anche la via della panificazione, la carriera nei carabinieri non interessava, ma quella politica si! Presidente del Consiglio Cartia da Gela, profesoressa , anche lei, che ha beneficiato dei consensi del buon Gianfy e Pinardi. Ha optato per la carriera politica, ingrossando la famiglia si dico prorio famiglia .......Sarebbe utile che prendesse qualche lezione sulla pronuncia d'italiano, francamente ci è stato difficile comprendere cosa intendesse dire al primo consiglio comunale, figuratevi i suoi alunni. Pero' attendiamo tutti il prolungamento del 15, dopo 15 anni, insomma siamo una città moderna con trasporti moderni. Vedremo quanti utilizzeranno la linea , forse qualche pensionato che deve recarsi al Pam o al mercato del sabato Anzi, no, servirà per l'inauguarzione del prolungamento, dove in pompa magna verranno fotografati dall'Agenzia FanteLaura i manovratori per eccellenza e compagnia cantando con tutto il codazzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi piace molto quello che Lei ha scritto e tutto il discorso non fa una grinza complimenti

      Elimina
    2. Prepariamoci ad altri 5 anni di davogliate e c. col supporto del vividavolio sempre in foto

      Elimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.