giovedì 29 maggio 2014

TRIBUTI. Tasi. Oltre allo Stato anche il Comune ci mette lo zampino nel creare bailamme

Case opera alla ex filature De Schappe
loro non avevano questi problemi
La scadenza è il prossimo 16 giugno, ma a Rozzano, nonostante si sia deliberato sulle percentuali del tributo locale, non si è riusciti ad intercettare le necessità di informazione e contabilizzazione dei cittadini.
Grandi code alla reception del Comune nel tentativo di fissare l'appuntamento per il calcolo della Tasi, ma, dopo aver aperto per un giorno, si è subito chiuso. Non ne vengono più dati.
Il calcolo si basa sul software elaborato dall'Agenzia delle Entrate che mette in relazione i valori catastali con le aliquote delle imposte dei comuni. Questo, richiesto dal responsabile dei Tributi, non è ancora funzionante (è, leggiamo sul sito, in fase di elaborazione).
Ma, problema locale, non vi è abbastanza personale per erogare il servizio.
Il consigliere uscente (ma riconfermato lo scorso 25 maggio) Francesco Barbera, si sta interessando del problema e ci riporta che "il dirigente ha richiesto la possibilità di avere un monteore straordinari per i lavoratori da dedicare a questo servizio, che si sta rivelando più oneroso del previsto".

Certo è che qualche difetto nell'organizzazione si è palesato. E' sempre una sconfitta per l'Ente che genera code di cittadini, e non per erogare un servizio, ma per pagare dei tributi!
"Per risolvere il problema - continua Barbera - mi è stato riportato che, tacitamente, non verranno applicate le sanzioni". Quindi subiremo l'incremento dei costi per gli straordinari e la mancata riscossione delle sanzioni eventualmente dovute dai ritardatari, a causa di uno Stato confusionale e di un'approssimata gestione.
Per tutti, ricordiamo che il codice tributo per la Tasi comunale è il 3958, e viene calcolata come il 2,5 per mille del valore catastale, senza possibilità di detrazioni. Le seconde case pagano l'IMU, il cui codice tributo è 3918,  ed ha un'aliquota del 10,6 per mille (con detrazioni).
Oltre alla giungla anche lo zoo!
RF

2 commenti:

  1. "senza possibilità di detrazioni" vuol dire che non posso applicare neanche lo sconto di 50 Euro per figlio minore e convivente come invece si faceva con l'IMU?
    Se fosse confermato sarebbe un altro bellissimo esempio di politiche per la famiglia portata avanti dal nostro comune. (ironico!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermato... NESSUNA DETRAZIONE ! Essendo in un'appartamento ultrapopolare di 46 m.q. non avevo mai pagato tasse... non ho marciapiedi, scarsissima illuminazione, nessuna pulizia strade, nessun verde ecc. MA PIU' DI 80 EURO mi han fatto pagare! Una MULTA per avere un tetto, praticamente, GRAZIE Rozzano....

      Elimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.