lunedì 19 maggio 2014

POLITICA. Rozzano incontra l'assessore regionale ANTONIO ROSSI

COMUNICATO STAMPA

Da sinistra: Ferretti, l'ass.re Rossi, Perazzolo e l'addetto stampa
Fantastica serata ieri (domenica sra, ndr) in compagnia dell'Asssessore della Regione Lombardia allo sport e alle politiche per i giovani Antonio Rossi , per presentare i punti in materia predisposti dalla coalizione che appoggia Ferretti Sindaco quali istituzione dell'albo dello sport, di una graduatoria meritocratica delle varie associazioni sportive, costituzione della consulta dello sport e istituzione della "borsa per lo sport" e per spiegare quanto fatto da Regione Lombardia in un anno di governo nonchè le iniziative per il futuro. 
Il campione olimpico e mondiale nel kayak ha illustrato  le iniziative messe in campo da Regione Lombardia a partire dall'accordo di programma quadro che ha messo in campo oltre 20 milioni di euro a favore di sport, impiantistica sportiva, associazionismo, scuole anche in chiave di Expo.
Per noi lo sport soprattutto in una città come Rozzano assolve un' importante funzione educativa e sociale , con particolare riguardo all'ambito scolastico oltre che promozione del benessere psico-fisico delle persone. Occorre coinvolgere i giovani nelle diverse fasi della loro crescita.

Nel corso dell'incontro con l'Assessore Rossi, prendendo spunto dal suo discorso, la Lega Nord ha proposto anche se non inserito a programma sgravi sulle tasse locali per tutte le attività commerciali che intendano investire nell'attività sportiva trovando il plauso dell'intera platea e delle altre forze politiche.
L'assessore ha osservato come "per la prima volta a Rozzano il centro destra si presenta compatto"  e ha commentato "come nello sport solo uniti si vince!!!!"

Chissà che sia di buon auspicio!!....


Capogruppo e Capolista Lega Nord Rozzano Cristina Perazzolo

2 commenti:

  1. Brava Cristina ! Speriamo gli alleati siano "sani"

    Ambrogio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che coroggio!! vi siete eretti pilastri per sorreggere la giunta D'Avolio, quando il disastro politico stava aprendo prospettive nuove e travolgenti. La nomina di un commisario prefettizio, avrebbe consentito di chiarire tantissimi aspetti oscuri delle passate amministrazioni D'Avoliane. Vi consiglio di non specchiarvi nelle vicende nazionali, perchè correste il rischio di essere non credibili. Quanto alla Lega Nord, ricordo gli scandali non chiariti e le mutazioni di Umberto Bossi nei confronti di Berlusconi, certamente non motivate da problemi ideologici, considerando risolvibili i problemi materiali, le spartizioni, i pronto socorso nei casi di fallimenti e non certo quelli ideologici che un tempo dividevano la sinistra. Fate un favore agli elettori: abbassate i toni, siate umili.
      Diego.

      Elimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.