domenica 13 aprile 2014

Valli: "Ennesimo autogol di questa Giunta allo sfascio".

COMUNICATO STAMPA

Presidio territoriale con gestione... "a cappello di cinema"
La propaganda abbisogna di spazi, virtuali e fisici. La possibilità di farsi trovare nelle piazze della città permette a molti cittadini che non usano internet ed i social media di farsi trovare. Ecco perché è stata realizzata una delibera ad hoc sul tema, i cui contenuti son tale da prevedere la possibilità di richiedere spazi pubblici per l'occupazione del suolo indicando le zone disponibili con  apposita planimetria.
Le relative autorizzazioni erano state individuate come di competenza dell' ufficio Tecnico e del Comando di Polizia Municipale. Si indicava anche una disponibilità a partire  dal 10 Aprile.
Citiamo  testualmente (cfr delibera Giuntale):
"le richieste devono pervenire al servizio protocollo a partire dal 7 aprile , nel caso di sovrapposizioni sarà utilizzato il criterio di rotazione tra i partiti  secondo l'ordine cronologico di presentazione, ovvero data di protocollo".
NCD e Rozzano e Libertà, due delle liste a supporto della candidatura di Gianni Ferretti, riferiscono giovedì 9 aprile il funzionario incaricato, comunicava che "le domande dei partiti ed associazioni , protocollate con relativa richiesta di spazi, conformemente alle piantine predisposte, servono solamente alla Polizia Locale per l'individuazione delle postazioni. In buona sostanza, chi arriva sul posto prima degli altri ha il diritto di occupare lo spazio, e meglio si accomoda."
NCD e Rozzano e Libertà hanno dunque dichiarato che "è l'ennesima presa in giro, prima si cerca di regolamentare, giustamente, poi al contrario ognuno può occupare la postazione , basta che arrivi prima. Magari alle  quattro di mattina,  con la compiacenza di qualche mercataro che come noto, arrivano  all'alba depositando una sedia o un tavolino in un determinato spazio".
In effetti è una trovata a dir poco ridicola, in netta contraddizione con la delibera di Giunta.
Ermanno Valli, NCD: "E' evidente l'incapacità di gestire la cosa pubblica, è evidente che non esiste ormai da tempo una Giunta capace di dettare delle regole. Chiederemo chiarimenti ai Dirigenti e al Segretario Comunale".
Anche Annamaria Licata non è tenera: "E' comunque l'ennesima dimostrazione  che anche questa decisione è una palese attività amministrativa di disturbo, questa maggioranza occupa con arroganza non solo il palazzo comunale ma anche il territorio a proprio piacimento. C'è da  riflettere!
“Si usano anche metodi Istituzionali , costi quel che costi,per avere il controllo su tutto.
E questa è democrazia?"
E' stata intrapresa un'iniziativa di denuncia verso il Prefetto ed altri Organi Istituzionali, in cui è stata richiesto l'immediato ritiro della delibera di Giunta.
"Il candidato Sindaco Agogliati dovrebbe intervenire , visto che ha votato la delibera di Giunta - continua Valli. E' un atto dovuto, all'insegna di una democratica e serena campagna elettorale, altrimenti ed a ragione reggerebbe l'ipotesi, una riserva mentale , che potrebbe generare , con questi atteggiamenti,l'ipotesi di manovre e sospetti  controproducenti per tutti".
"Invitiamo la Giunta (ove esista) a definire con estrema velocità la questione - gli fa eco Annamaria Licata, di Rozzano e libertà - con la convocazione dei coordinatori politici dei partiti, urge una decisione democratica e collegiale"

La Redazione   

6 commenti:

  1. Fate un favore alla città: ognuno si rivolga la proprio "specchio" per "confessare" le propri responsabilità rispetto alla "tolleranza" manifestata nei riguardi delle utime due giunte municipali. Restituire i "piaceri" offerti ed accettati...;lasciare i posti di lavoro ottenuti per figli e parenti, e gli alloggi a buon mercato o in affitto, sarebbe un gesto da "Cavalieri della Tavola Rotonda". Recatevi presso un Magistrato per raccontare le male fatte di certi personaggi. Restituitevi la dignità, nell'interesse del futuro dei vostri figli e della città di Rozzano.
    Rodrigo

    RispondiElimina
  2. Egregio anonimo Rodrigo, parrebbe che la Magistratura,è in possesso di tali e tanti fascicoli che non basterebbe a contenerli l'ufficio presidenziale del suo amato ex Sindaco.Comunque rifletta: Un vice Sindaco si dimette, un assessore si dimette, a due assessori viene tolta la delega, ivi compresa la D'Avogliati per quatrro lunghi anni con delega alle partecipate, la aggiorno, anche in questo caso parrebbe consuntivare 46 milioni di debiti per quanto riguarda API, per non parlare degli sttipendi dei cortigiani, e le altre partecipate? Ho assistito a qualche consiglio comunale.E lei "el cid Capeador" dov'era?
    Simpatico Roderik , accolga benevolmente questa frase:
    ALIENA VITIA INOCULIS HABEMUS,A TERGO NOSTRA SUNT.
    Dimenticavo nell'eleco il suo Assessore Regionale che dall'alto dei suoi dodici vani Alboretiani osserva tutti.
    Virgilio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve dotto Virgilio,
      Io non sono Rodrigo Dìaz conte di Bivar, pur avendo discendenze, non remote, di origine spagnole. Non partecipo alle consultazioni elettorali del suo Comune, quindi non potrei vantare il "privilegio" di sostenere una giunta municipale così ben delegittimata con le sue citazioni. Non provo particolari sentimenti nei riguardi di chi non ho concorso ad eleggere e che, soprattutto, non stimo. Nelle sue contraddittorie citazioni, appare, comunque, una sorta di criticità nei confronti dell'operato dei politici locali: criticità che mi ritrova concorde. Non giustifico, quindi, il senso della sua citazione in latino. Lei, Virgilio, non è l'obiettivo delle mie rimostranze, essendo, le stesse, rivolte allo scellerato modo di gestire la cosa pubblica da parte dei politici Rozzanesi, destra compresa. In considerazione della mia attività, di natura riservata, taccio rispetto alla domanda postami circa i luoghi frequentati in concomitanza con la tenuta dei consigli comunali, che l'hanno avuTa come gradito e silenzioso spettatore. Rodrigo..... .

      Elimina
  3. Gia' piu' volte il consiglio comunale e' stato spodestato del suo ruolo di controllo politico e amministrativo e ora anche la Giunta per sua stessa mano. Vengono fatte delibere pubblicate all'albo pretorio che puntualmente vengono disattese. E' ora di cambiare marcia! Rozzano decide!! Tu decidi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deciderei ma mi spiace pero' che la Lega (di cui ho firmato la lista) si sia ancora una volta apparentata con coloro che hanno le mani in pasta col centro-ex sinistra per non dire degli ex alleati NCD
      Il ricordo della candidata Maiolo è ben presente ancora
      Ci voleva coraggio a presentare n proprio candidato


      Saluti
      Andrea

      Elimina
    2. Egregio Andrea, basterebbe effettuare alcuni calcoli, per stabilire qual'è stato l'esito del travaso di voti dalla Lega e da F.I. alla coalizione capeggiata da D'Avolio. E poi, Andrea, in uno dei momenti più tragici, quando il centro destra avrebbe potuto infierire contro la giunta D'Avolio costringendola alla resa dei conti, un vero e proprio accordo politico ha produsse l'appoggio di 2 consiglieri passati dal C.D. alle corte di D'Avolio.Sospetto che la pastetta non sia stata a costo "zero". E' spiacevole constatare che persone oneste, appartenenti ai due maggiori schieramenti politici, non riescano a gettare in un cespuglio di ortiche una massa di mascalzoni.
      Andrea, mi auguro che prevalga la correttezza; le battaglie tra soggetti leali e rispettosi delle regole, sarebbero uno spettacolo utile e gradevole. Ma temo che "l'inquinamento" abbia raggiunto dimensioni non più gestibili: le sue perplessità e il mio senso di disgusto, ne sono, amaramente, l'enesima riprova. Rodrigo

      Elimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.