venerdì 25 aprile 2014

ACQUA. Rozzano citata per "ingiusta causa" nella procedura di infrazione comunitaria

Un dettaglio degli ossigenatori dell'impianto
Negli scorsi giorni, è stato dato un certo rilievo all'ennesima procedura di infrazione comunitaria comminata all'Italia per il trattamento delle acque (Corte di Giustizia UE Sez.10^ 10/04/2014 Sentenza C‑85/13), che, per i cosiddetti agglomerati con più di 10.000 Abitanti Equivalenti in area sensibile, non sono risultati conformi a quanto previsto dalla Direttiva 271/91/CE.
Tale infrazione nasce, proceduralmente, il 25/05/2011, quando la Regione Lombardia ha ricevuto la lettera di "Parere motivato" dalla CE con l’elenco dei 55 agglomerati in infrazione. Il parere motivato è l'ultima fase della procedura che precede l'esame della Corte di Giustizia Europea al fine dell'emissione della sentenza di condanna.
In base al monitoraggio completato a fine 2011 risultavano ancora non pienamente conformi alla direttiva 36 agglomerati lombardi, tra cui quello di Rozzano.
In realtà, nel frattempo, Rozzano si è attivata, mettendo in ordine l'impianto e, a seguito della cessione del depuratore cittadino a Tasm nel 2007, per 3,5 milioni di euro, ha consentito l'opera di ristrutturazione completata recentemente da CAP Holding, con un intervento del valore complessivo di 18 milioni di euro.
Il ciclo di raccolta di acque reflue e della loro depurazione devono rispondere a quanto disposto dalla Direttiva 91/271/CEE sulla depurazione. In base alla Direttiva 91/271/CEE il 100% dei reflui generati nell’agglomerato devono essere adeguatamente trattati.

Al fine di uscire dalla procedura d’infrazione si doveva presentare, per ogni agglomerato risultato non conforme alla Direttiva 91/271/CEE, la documentazione di avvenuto collaudo delle opere realizzate per raggiungere la conformità (completamento reti fognarie, collettamenti e/o impianti depurazione). 
I vasconi di trattamento in costruzione
Nel caso in cui le opere non possano essere completate entro l’emissione della condanna da parte della Corte di Giustizia Europea è necessario presentare un cronoprogramma dettagliato degli interventi necessari per la risoluzione dei problemi di ciascun agglomerato; tutti i cronoprogrammi dovranno concludersi entro il 31/12/2015, data in cui la Direttiva 2000/60/CEE prevede il raggiungimento di obiettivi di qualità sulle acque.
In data 6 marzo 2013 la Commissione Europea ha presentato ricorso in Corte di Giustizia Europea per 21 di questi agglomerati, tra cui era ancora inclusa Rozzano, ed il 10 aprile è stata emessa la sentenza di cui sopra, che, a dispetto del lavoro realizzato (probabilmente ancora non comunicato), ha incluso Rozzano tra i cattivi. Era ancora vero nel 2010, quando ARPA Lombardia fece l'ultima rilevazione ("ACQUE REFLUE URBANE: Relazione Controlli anno 2010. Dati e Valutazioni relative ai controlli effettuati sugli impianti di depurazione dai Dipartimenti ARPA e dagli Enti Gestori"), dando una faccetta rossa e triste all'impianto rozzanese (ancora in fase di avvio cantiere), come impianto che presentava "molteplici criticità", ma poi la ristrutturazione è stata avviata e portata recentemente a termine. 
Bhe, questa volta no: Rozzano è tra i buoni!
Ancora nel primo quinquennio, quando il Decaduto si occupava ancora un pò delle cose pubbliche, i lavori necessari venivano fatti, e portavano anche qualche soldo al Comune....
Poi iniziò il teleriscaldamento.
RF


Ps. "Agglomerato": area in cui la popolazione e/o le attività economiche sono sufficientemente concentrate così da rendere possibile la raccolta e il convogliamento delle acque reflue urbane verso un impianto di trattamento di acque reflue urbane o verso un punto di scarico finale (art. 2 comma 4 direttiva 271/91/CE)
P.s.2: "1 a.e. (abitante equivalente)": il carico organico biodegradabile, avente una richiesta biochimica di ossigeno a 5 giorni (BOD5) di 60 g di ossigeno al giorno (art. 2 comma 6 direttiva 271/91/CE)

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.