domenica 9 marzo 2014

"Un Paese per donne è un Paese migliore per tutti!"

Da sinistra: Titti di Salvo, Chiara Cremonesi
e Roberta Pergolini.
Sabato 8 marzo, durante l'impazzare della festa carnascialesca nella vicina piazza G. Foglia, nella sede di Sel Rozzano si teneva un interessantissimo incontro dal titolo "La strada giusta è la parità". All'incontro ha partecipato con grande disponibilità, l'Onorevole Titti di Salvo, deputata di Sel, che è venuta a Rozzano direttamente da Roma ed espressamente per questo notevole incontro.
Tra le relatrici, anche Chiara Cremonesi, coordinatrice regionale di Sel e Roberta Pergolini.
Un bel pomeriggio di politica, parlando di diritti, da quello al lavoro a quello di genere, per concludere con alcune riflessioni ed aggiornamenti sulla legge elettorale in discussione in queste ore alla Camera.
Esodati, diritto di sciopero, maternità e paternità. I temi che Titti di Salvo ha dovuto, con notevole preparazione, affrontare, hanno spaziato in tutte quelle direzioni sollecitate dagli ascoltatori, ognuno con questioni molto specifiche ma di notevole interesse pubblico.
Qualche passaggio anche sulla scuola, dove uno degli astanti ha chiesto alla Di Salvo di ricordare a Renzi che la scuola non è solo edilizia!
Ampio il dibattito sulla legge Fornero, che, sebbene redatta da un governo di tecnici, è stata capace di includere anche marchiani errori materiali, che ora è difficile cambiare perchè i costi associati non trovano copertura.

Il consigliere Igino Gabriele in primo piano, e la sala gremita
Chiara Cremonesi ha voluto, in un interludio, ricordare come "il senso dell'impegno politico e' e deve essere per un allargamento dei diritti, per un Paese migliore, e che, ad esempio, a dispetto di questa giornata di festa, vede molte persone riunite in una sala a discuterne con impegno". 
Mentre ferveva la discussione, qualche parola scambiata con il consigliere Igino Gabriele, coordinatore di Sel per il Sud Milano, ha riportato il pensiero all'attualità locale, che, su alcune questioni fa il paio con quelle nazionali: "Sarebbe interessante conoscere il pensiero della fronda Pd che, coraggiosamente, sta rompendo l'assedio del pensiero unico". E non solo. "Se si formasse una lista civica con Caterina Mallamaci capo lista, senza preconcetti, si potrebbe allargare il discorso anche localmente per riconquistare spazi di democrazia e di sincero impegno politico anche a Rozzano, e Sel sarebbe disponibile ad un confronto".
Ampia discussione sulla legge elettorale in termini di rappresentanza, i meccanismi di calcolo dei seggi, i meccanismi di scelta per l'elettore, rappresentanza femminile. 
Con l'italicum, però, si avrà il parlamento con il minor numero di donne che in passato. Ora c'è un accordo trasversale femminile per opporsi, quindi si chiede di impegnarsi per bloccare questa legge elettorale. 
La conclusione di Titti Di Salvo è decisamente la giusta apologia per la giornata: "La mia, la nostra intenzione è avere intorno una comunità che intenda cambiare l'Italia, non persone che vogliono prendere più voti!".
RF


P.S. I rapporti dei lavori parlamentari di Sel e dei suoi deputati sono disponibili al sito www.selmade.it

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.