sabato 22 marzo 2014

Politica in movimento. Destra compatta, sinistra sparsa, M5S indiviso.

Agogliati, assessore e sindaco abusivo!
Insomma, non si può certo dire di annoiarsi in questo periodo a seguire la politica rozzanese.
Intanto prendiamo atto che D'Avogliati si ritiene già sindaco. L'ha scritto sui manifesti ("Agogliati Sindaco", non, in maniera più appropriata "Agogliati candidato Sindaco"!), e, grazie ad un ufficio comunicazione istituzionale di carattere servizievole, lo riafferma con una foto già in fascia tricolore sul sito istituzionale!!!
L'uso della fascia tricolore da parte dell'assessore candidata sindaco in una manifestazione per il ritiro di un premio (per quanto importante) afferente alle sue deleghe è assolutamente improprio, per almeno due ordini di motivi. Il primo, legato al fatto che Ella, detentrice delle deleghe appropriate, non necessitava di presentarsi in supplenza del vice Sindaco. In secondo luogo, a prescindere, la normativa in materia è ormai chiara: la fascia tricolore è segno distintivo del Sindaco nella sua veste ufficiale. Su questo è stato presentato un formale esposto al Prefetto.
L'unico attento, o, per lo meno, il più veloce a vedere il post, poi sparito dal sito (!!!, ndr) è stato Gianni Ferretti, FI, e dichiara che "si è superato ogni limite, occupando ruoli e funzioni che si dovrebbero ricoprire una volta eletti. Chi ha autorizzato questa abusiva vetrina? Evidentemente si pensa che le elezioni serviranno solo a ratificare quanto già stabilito e deciso. Ma sono certo che i cittadini non la pensino così!".

Insomma, stratagemmi supportati da qualcuno che se di esposto ferisce di esposto perisce.... con le proprie mani.
Serata di presentazione di Guido De Vecchi
Ma, sempre sul fronte "sinistro", dopo la presentazione di Guido De Vecchi a candidato sindaco della coalizione SEL e 6Rozzano, ci sono un gruppo di persone e gruppi che si son ritrovati con un bel problema. Il millantato ritiro di Caterina Mallamaci sembra ormai un dato di fatto.
Abbiamo quindi Rifondazione Comunista alla ricerca di una casa, così come un gruppo di ex Pd che si stanno riorganizzando. Vi son poi i referenti di una lista che avrebbe fatto riferimento all'area di Ambrosoli ed un'altra civica che ha perso il coordinatore nelle fiamme della sua auto (che si viene a sapere, per fortuna, non potersi riferire a malavita).
A destra, il fronte è invece molto compatto, e, direi, unico a livello di panorama nazionale. Un raggruppamento che, oltre a FI, Lega, Fratelli d'Italia, include anche l'NCD, il partito che fa riferimento ad Angelino Alfano, che avrà un popolare esponente locale.
Gianluca Palmeri, candidato del Movimento 5 Stelle
Insomma, per la prima volta nella storia recente, a Rozzano il centro destra è unito e molto determinato.
In Forza Italia sembra confluito anche Barbera, noto consigliere comunale, diventato personaggio per i simpatici siparietti con l'assessore Ciro Piscelli sui temi dell'organizzazione del territorio per i cari estinti.
Sul fronte del M5S massima determinazione. Chiarita la scelta del candidato sindaco con il voto on line, che ha premiato Gianluca Palmeri verso Gennaro Amiranda (che sarà capolista), è stata presentata venerdì sera tutta la lista dei volti nuovi per Rozzano.
Un week end di pausa e poi, giovedì 28 e venerdì 29 prossimi, due nuove presentazioni: quella del candidato sindaco del centro destra (Gianni Ferretti?) e del Pd con le frattaglie della "sinistra" (Verdi = Sergio Orlando e PSI = Emilio Locatelli), la teleguidata e portatrice di interessi d'altri Agogliati.
RF

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.