martedì 25 marzo 2014

No bigino? No party! Sulle criticità di bilancio la Giunta sopprime il Consiglio

Nella Filosofia del diritto hegeliana l'idea etica, definita pure come
idea del diritto
, è rappresentata come il prodotto della volontà libera.
La democrazia non è un accessorio. E, per quel che riguarda il Comune, il Consiglio Comunale è la rappresentanza dei cittadini ed organo deputato primo a farlo.
Nelle note della sentenza della Corte conti – sez. contr. Lombardia – deliberazione 20 settembre 2012 n. 408, si chiedeva al Comune di Rozzano, e venivano segnalate, di risolvere le criticità legate alla gestione dei residui attivi e passivi rilevabili dal bilancio consuntivo.
In questo senso il Consiglio Comunale, il 21 gennaio del 2013, deliberava la costituzione di una commissione di inchiesta consiliare per la verifica della questione.
"Si trattava di un passaggio fondamentale" ci dice il consigliere Ermanno Valli. "La responsabilità oggettiva dei consiglieri per le votazioni che attengono alle questioni patrimoniali sono di assoluta importanza. Un consigliere può arrivare a dover contribuire di tasca propria se si dovessero manifestare ammanchi nelle casse pubbliche!".
Su sollecitazione di Valli, che ha mantenuto l'attenzione sul tema, si viene invece a sapere che è stata istituita una Commissione dirigenziale presieduta dall'assessore Aristide Rossi, che, in quanto nominato, non ci metterà nessuna responsabilità, al contrario dei consiglieri.
"Da quel che abbiamo saputo, Rossi intende relazionare, con uno dei suoi soliti bigini, alla Commissione Risorse. Si tratta di una vera e propria usurpazione di competenze che non soddisfa il mandato del Consiglio" tuona Valli.
Disattendendo il mandato, sollecitato dalla Corte dei Conti, si rischia molto.
Una questione apparentemente legata alla sfera contabile, alla quale Valli dedica sempre molta attenzione, ma che trova riflessi nella sfera politica e della possibilità di realizzare i programmi: debiti risultanti da residui non gestiti opportunamente, possono mettere a repentaglio il patto di stabilità e la possibilità di ottenere quei pochi trasferimenti che ancora oggi arrivano dallo Stato.
RF




Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.