mercoledì 26 marzo 2014

Agogliati pulisce le strade rozzanesi. Un conflitto di interesse che affonda nel ruffo

Il manifesto Pd con i mezzi dell'Agogliati
I potenti mezzi per la pulizia stradale della consociata di Ama, Area Sud Milano di Carlo Presidente Carrara, da cui compriamo il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti (che i cittadini rozzanesi pagano salato) , sono in parte prodotti, venduti e manutenuti per interposta fattura, dal marito di Barbara Agogliati, l'ex assessore alle partecipate ed oggi candidato sindaco del Pd.
Fino a maggio 2013 Ella ha detenuto (su incarico del Decaduto, certamente non ignaro) le deleghe a quella società, Ama, che controlla le vicende della monnezza locale, grazie al 40% di proprietà delle quote azionarie di Area Sud, senza batter ciglio.
I mezzi del marito della D'Avogliati, hanno fatto bella mostra di loro anche durante la manifestazione di protesta dello scorso dicembre, e potrà sicuramente osservarli dalla finestra del suo ufficio quando, il sabato, puliscono l'area di piazza G. Foglia.
Il marito è amministratore unico e socio di un'azienda con sede a Rozzano, di circa 6 milioni e mezzo di fatturato  e 11 dipendenti, che produce e commercializza mezzi per lo spazzamento stradale e tutto ciò che serve anche ad Area Sud.
Area Sud non li compra direttamente, ma usa il tramite di società finanziarie che rimangono proprietarie sino al riscatto dei mezzi al termine del periodo di locazione. Insomma, Area Sud decide che i mezzi devono essere quelli, fa fare la transazione alla società di leasing e li riscatta assumendosene la "paternità" alla fine dell'affitto.
Con un tale problema, riteniamo che il Pd debba seriamente (uso un eufemismo) valutare se continuare a mantenere una candidata come Barbara Agogliati, che, senza vergogna, è vissuta in un acclarato conflitto di interesse nella nostra amministrazione.
Con che faccia tosta si è presentata alle primarie e prima ancora detenere le deleghe alle partecipate?
Ed il vice sindaco Errico Gaeta, con che ardire si è permesso di defenestrare Caterina Mallamaci?
Ed il segretario Antonio Lo Preiato, con che pelo sullo stomaco Le ha permesso di partecipare alle primarie?
Tralasciamo, per pietà, il Decaduto, uno che ha avuto (egli stesso) la sfacciataggine di costituire una società con la moglie, Vito Ancora e Carrara per ricavar utili dalla costruzione del teleriscaldamento (ecco il link della vicenda Sauter Energia e Servizi Italia).
Il granducato Agogliati
Barbara Agogliati, è anche socia della Val d'Aveto srl, la cassaforte immobiliare delle proprietà rozzanesi degli Agogliati, dove siedono tutti i parenti, con sede in provincia di Piacenza. Proprietaria dei terreni in viale Umbria (dove opera la G e A spa, degli Agogliati/Gavio, trasporti prodotti petroliferi, dove opera come consigliere il papà di Barbara) e via Marconi, ha un patrimonio, a bilancio, di oltre 6 milioni di euro.
A livello personale, e leggendo la sua dichiarazione dei redditi, Barbara Agogliati, sembrerebbe sostanzialmente un'indigente, ma farsi fare la dichiarazione da un consulente come LTA Advisory (il cui membro fondatore, dott. Eugenio Valla, nominato, insieme al segretario Giovanni Sagaria, nel Nucleo di Valutazione dall'Agogliati stessa con la delibera di Giunta n. 15 del 23/01/2013, per decidere dei premi di risultato dei dirigenti comunali, e che, magari, gli avrà fatto la denuncia gratuitamente), per mostrare 17mila euro di reddito, quello da assessore, si capisce che qualcosa non torna. In particolare si nota come la stessa sia co-titolare di vaste proprietà immobiliari (terreni, case e capannoni), tra Agazzano, Ferriere, Nibbiano, Piacenza e Pianello Val Tidone. Un valore catastale notevole che solo in parte finisce nella dichiarazione succitata (compaiono Piacenza - 11,5 vani, Agazzano - 16,5 vani), mentre non compaiono le quote relative a circa 30 ettari di terreni tra boschi, vigneti e seminativo. In agricoltura vige un particolare tipo di tassazione, detto forfettario, su base catastale. Il reddito viene automaticamente calcolato in base alla superficie dei terreni e al tipo di coltivazione. Con qualche deduzione e non si paga nulla, quindi nemmeno la si dichiara. Ma, si sa, se di qualche comune detieni il controllo amministrativo.... e la terra non va mai a male. Anche i calciatori ed i ricconi italiani si compran sempre terre, che poco frequentemente vengon denunciate!
I "mezzi Agogliati" a Pieve Emanuele (26/03/2014)
Per il bene del Pd, sarà il caso che Barbara Agogliati si ritiri subito dalla corsa alla poltrona che non le potrà appartenere, per demerito morale, prima (mancata denuncia del conflitto di interesse), e inopportunità (o altro, che verificheremo e faremo verificare) legale e amministrativa, poi.
Resta ancora da capire se c'è qualcuno privo di conflitti di interessi ed interessi nella cricca dell'Amministrazione rozzanese...
RF


9 commenti:

  1. Che merdaio !!! sono stato fottuto dal mio romanticismo. Ho offerto l'opportunità del riscatto morale a Barbara Agogliati, libera di sorridere ai figli senza fissare lo sguardo nel vuoto, per non incrociare la maestosa bellezza dell'innocenza. Ma stanti le scelte già assunte, come potranno i Rozzanesi fidarsi di una simile "faina"? Sono questi "gli argomenti" del cambiamento, che la Signora Agogliati adduceva nell'intervista rilasciata al patetico, ma ricco giornalino del decaduto? Vorrebbe arraffare altro, nel modo meno trasparente possibile? Da quale scuola di "arte e mestiere" è stata sfornata? Siccome frequento la Svizzera, in particolare le città di Bellinzona, Lugano e Ginevra, potrei scoprire qualche legame con quel sistema finanziario? Si interessa anche del settore economico che attiene all'eliminazione di campi sportivi, magari attravero una società di comodo? Certo, in un marasma generale tutto sarebbe possibile. La dipartita, si fa per dire, della Signora Mallamaci, ha qualche legame con gli enormi interessi? Ma che dilettanti della politica sarebbero , se nei Cda delle partecipate ci fosse un membro (sich) della Crusca ? Per essere alimetato, ecco di cosa ha bisogno il "sistema" Decaduto/Agogliati: circondarsi da imbecilli disposti a tutto per una libbra di carne; il voto di una massa di fessi da poter governare senza particolari problemi; connivenze; qualunquismo. Valutati i pro ed i contro, temo che c'è la faranno a raggirare i cittadini di Rozzano. Sarebbero gli enormi interessi ad aver indotto, almeno si dice, una temibile concorrente ad auto mollarsi. C'è qualche elettore di questa città che ha la forza morale di denunciare simili intrighi? Dimenticavo: la campagna elettorale è iniziata incendiando l'auto di un esponente "politico", già asservito al sistema del Decaduto. Il fuoco è ricorso spesso nella storia della città. Non restate indifferenti. Salvaguardate il futuro dei vostri figli. Non avete timore di incrociare il loro sguardo. Rodrigo.

    RispondiElimina
  2. potrei candidarmi io ,ho dei debiti ma moralmente nessuno può giudicarmi in malo modo , mi sentirei di poterlo fare volendo ,ma vedi giusto perché ho della morale non mi candido , lascio la candidatura a quella gente immorale senza principi e come una piovra vuole mettere le mani dapertutto ,scusa la mia scrittura ma sono un cosiddetto borgataro e scrivo come parlo .A proposito un saluto Dar Monnezza

    RispondiElimina
  3. non ho parole!!!! è da tempo ormai che non mi fido più dei partiti!!! c'è sempre qualche cadavere nei loro armadi che alla fine esce fuori!! ma avvolte è troppo tardi!
    Enza Capriati

    RispondiElimina
  4. Perfetta analisi Ing. Masini,il cerchio magico si chiude.Ma si può sempre aprire nella vicina Svizzera! Quindi: D'avolio,Tessera di lui Moglie, Pinardi,di lei madre, Agogliati Senior di lei marito, Figli , delfini del potere feudatario, CarloCarrara , suvvia prima o poi dovrà uscire allo scoperto, CMB , Cooperative,Gavio, CRC,partecipazioni di AMA nel gruppo di altre Cooperative,negozi,appartamenti in Alboreto, panetteria aperta della famiglia La Guardia, consigliere e dipendente AMA , negozio di abbigliamento, profumeria, negozio di estetica ( Bernasconi?) sempre di proprietà dell'Innominato, ora club bianconero, Sgambato , (galoppino PROCACCIATORE DI CONSENSI PER D'AVOGLIATI/PINARDI DA SEMPRE) .Vi invito a leggere la pubblicazione degli ammessi alla selezione del personale di AMA, un predestinato sarà SCAIANO consigliere Comunale sarà a tutti gli effetti un dipendente di AMA per garantire la continuità (dove?) figlio d'arte dei Tal padre Scaiano all'epoca Consigliere comunale del PPì. Per concludere, ma quando questa piramide di potere andrà, o sarà mandata a pascolare nel piacentino? Grazie Ing.Masini, farò mie le sue verità, e le invierò alla redazione di Report.Ed anche agli agenti in GRIGIO E GIALLO. Cari compagni, e lo sono, piuttosto mi turo il naso e voto altrove, ma questa "cricca" approdata in Rozzano con le pezze sul sedere , deve andarsene. Grazie ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indovinato !
      w Scaiano

      Elimina
  5. Sabato ci sarà la presentazione della candidata sindaco per la salita allo scranno più importante della città di Rozzano. Magari dopo queste notizie ora rese pubbliche avrà il pudore di rinunciare. Se non rinuncia da sola dovremo batterla politicamente e in questo caso dovrà essere un coro unanime a dire NOOOO

    RispondiElimina
  6. Complimenti per l'analisi dettagliatissima dell'ing. Masini. Premetto che non credo possa essere considerato un elemento negativo avere delle proprietà immobiliari, anche importanti, sul territorio rozzanese. Credo invece sia cruciale evitare, da parte di chi si vuole occupare dell'amministrazione della cosa pubblica, conflitti di interessi che difficilmente potrebbero essere compresi dagli elettori.
    Mi piace sempre ricordare che, quando personalmente collaboravo nella gestione di una società sportiva dell'oratorio, avevamo introdotto la regola che un allenatore non poteva allenare la squadra del proprio figlio. Quando collaboravo invece nella gestione di un festival musicale (Quintorock) avevamo introdotto la regola tale per cui gli organizzatori non potevano essere menbri di band che partecipavano al concorso.
    Nel nostro piccolo avevamo capito subito le problematiche che un conflitto di interessi possono generare.
    Credo anche io quindi che l'ing. Agogliati debba, in buona fede, fare un onorevole passo indietro dedicandosi alle aziende di famiglia ed eventualmente collaborando con passione, ma da una posizione defilata, alla politica rozzanese.

    RispondiElimina
  7. É possibile sapere come é stato vinto l'appalto per la fornitura e la manutenzione, dei mezzi? C'è stata una gara d'appalto pubblica o una trattativa privata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Area Sud Milano usa ogni tipo di strumento: affidamento privato, verifica di mercato (!) e gara ad evidenza pubblica. L'appalto è un 2004. Da verificare.

      Elimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.