domenica 9 febbraio 2014

Un successo la serata operese di Lotta alla mafia, da sud a nord. Presenti Sindaci e Assessori

La partecipazione alla serata di VivOpera al cineteatro operese
E’ stata un successo la serata anti mafia organizzata venerdì sera a Opera, cittadina nota in Italia perché ospita il supercarcere nel quale sono detenuti alcuni tra i più pericolosi boss mafiosi. 
Sul palcoscenico del cinema teatro “Eduardo” si sono confrontate le esperienze di Napoli, Milano e Palermo, ma anche di Lamezia Terme, grazie alla presenza dei rispettivi Sindaci e Assessori.
La serata è stata animata dal giornalista de Il Fatto Quotidiano, Mario Portanova.
Si è trattato di una occasione di confronto tra diverse esperienze amministrative, tutte condotte in “terre di mafia”: al sud dove si spara e si chiede il pizzo e al nord dove si spaccia e si “lavano” e reinvestono i soldi sporchi.
Dopo il saluto e il breve intervento degli organizzatori, tra cui il Presidente di VivOpera, l’ex assessore all’ambiente di Opera, Augusto Sandolo e del Sindaco della cittadina, Ettore Fusco (il quale ha ricordato come, a suo avviso, la mafia al nord ha iniziato a insediarsi con i soggiorni obbligatori dei boss negli anni ’80), ha avuto inizio la serata. Leoluca Orlando ha fatto la parte del leone e del matador  ricordando come la mafia sia un fenomeno criminale trasversale a tutte le classi sociali. Il Sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, ha sottolineato come la mafia sia si bene insediata e con un rigido controllo territoriale al sud ma anche al nord dove “gioca sporco con il volto pulito” e dove reinveste i soldi del narcotraffico.  In sostituzione del Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, è intervenuta la giovane assessora Alessandra Clemente figlia di Silvia Ruotolo vittima innocente (colpita da un proiettile vagante in una sparatoria), della camorra nel 1997. L’assessora ha ricordato come, alla luce della propria drammatica esperienza, ognuno può diventare vittima delle mafie.
Il tavolo dei relatori. Da sinistra: Gentili, Orlando, Portanova
Clemente e Speranza
David Gentili Presidente della commissione antimafia del Comune di Milano, ha sostituito egregiamente il Sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, intervenendo sui ritrovamenti di rifiuti nocivi nelle terre del sud Italia, quasi sempre provenienti dal nord Italia.
Ancora una volta VivOpera colpisce nel segno ed organizzando un evento di successo. Grazie a tutti coloro che hanno reso possibile questa interessante serata. Per la prossima primavera stiamo  organizzando un evento focalizzato alla tutela e valorizzazione del territorio operese e del Parco Sud”, ha concluso Augusto Sandolo.
Presenze numerose da Pieve Emanuele, Opera, ed altri comuni. Ma poche persone da Rozzano. Intravisti il rozzanese di Opera Stefano Apuzzo, il candidato sindaco del M5S rozzanese Palmeri e pochi altri.
La Redazione 

P.S: un post a parte tratterà i temi toccati da David Gentili, di particolare significato per la costruzione di una sentita proposta antimafia locale a partire dall'esperienza milanese.

Un onore aver partecipato a questa serata.
In posa con Leoluca Orlando


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.