venerdì 21 febbraio 2014

Anche AREA SUD rinnova alla chetichella il CDA e da soddisfazione a Rizza (Maria): Carrara e l'ex vice sindaco sempre più vicini

Camion di Area sud, alla cui guida siede
anche Maria Rizza, sorella di
Dopo l'assunzione dell'ex vice-sindaco Salvatore Rizza in MioGas per evidenti meriti gestionali nel commercio rozzanese (ricordiamo, per tutti, le vicende AMAR dei mercatini, le vicende delle sale giochi, ...), Carlo Presidente Carrara rinnova la fiducia alla famiglia siciliana, originaria di Noto, in provincia della straordinaria città di Siracusa, cooptando nel Cda di Area Sud Milano la sorella Maria Rizza.
Classe 1967, nulla ha dato o detto in città, ma, si sa, un cognome una garanzia. D'altronde, con tutti i problemi politico gestionali di Area Sud Milano (la vicenda Colucci, partner d'impresa malfattore, e quella di Michele De Girolamo a Cologno), occorre tornare ai fondamentali, come dicono gli economisti, ma... alla rovescia. In questo caso, infatti, togliendo dal Consiglio di amministrazione qualcuno obiettivamente competente come Bianchini, lo storico Romeo del ruffo rozzanese, e immettendo chi deve accrescere le competenze per un sano scambio alla pari con un ex amministratore.
Per quale strana ragione?
Anche in questo caso, il socio più importante, AMA, nulla dice ma benedice.

E la città tira un sano sospiro di sollievo per la scapata comunicazione che avrebbe invece determinato l'invio di una selva impropria di curriculum per subentrare a quella poltrona. Tutto questo avveniva nel novembre 2013; sembra che sia stata una data importante per le aziende del Presidente!
Imbarcata nell'altro posto disponibile anche tal Renna Vincenza. barese residente a Corsico, Comune che detiene il 10% di Area Sud Milano.
Comunque, per quanto sopra, buone nuove per le prossime amministrative. Se "La sinistra" di Rizza e Riva si ripresenta, avendo piazzato tutti i famigli e loro stessi, possono prendere a bordo altri pretendenti ad un ruolo in città nell'amministrazione o nelle partecipate.
Insomma, questi sono i presupposti e le attese per un percorso di continuità che verrà garantito con il persistere della guida in essere...
RF

3 commenti:

  1. http://www.forumtools.biz/Corsico/upload/DECRETOSINDACALE17-2013CDAAREASUD_1.pdf

    RispondiElimina
  2. ANACLETO MITRAGLIA22 febbraio 2014 15:46

    MANDIAMO A CASA LA CRICCA !!!

    RispondiElimina
  3. In politica c'è chi riesce ad intraprendere una "brillante" carriera, collaterale all'impegno diretto, che spesso permette di "sistemarsi" per tutta la vita lavorativa. Quando a "scendere in campo" !! sono i parenti del politico, potrebbe significare che l'ex consigliere o parlamentare, abbia ancora un certo accreditamento presso il sistema. Una soggetto importante,cioè uno che conta, non deve essere necessariamente intelligente, colto e managerialmente capace, deve essere - invece - custode di segreti relativi a fatti discutibili da un punto di vista della normale etica. Deve, l'ex politico, avere grandi capacità di ricatto, poichè è a conoscenza di storie che potrebbero far "saltare" un intero sistema, non sempre scevro da fatti discutibili. Sempre un politico, per esempio, se fosse a conoscenza di come si gestiscono le concessioni di spazio pubblico, quale è stato l'iter per la concessione di licenze, di concessioni edilizie, ecc..., avrebbe un potere enorme e dirompente, tanto da accreditare presso enti e società: l'ex consorte, la sorella, se stesso; avendo "Titoli" di siffatta importanza, non sarebbe richiesta una preparazione specifica nel settore, per esempio: della rifiutologia e delle tecniche moderne adottate negli altri paesi del mondo. Naturalmente la mia è una considerazione generalizzata, e non ha nessun riferimento a persone. Sarà capitato a tantissimi cittadini di Rozzzano, recatesi presso i comuni della zona o presso società a capitale pubblico, di essersi ritrovati a sentir pronunciare cognomi omònimi di alcuni assessori, ex consiglieri, ex dirigenti. Certo, si tratta di pure coincidenze che, purtroppo, potrebbero ingenerare dicerie ingiuste, conoscendo la dirittura morale di certi personaggi casualmente coinvolti in storie di pura omònimia.
    Quanto a spedire a casa la casta, gregio Signor Anacleto Mitraglia, non sarà facile. Le motivazione sono ovvie, poichè è mutata la cultura di una parte dei Suoi concittadini, avvezzi ad una particolare gestione del potere.
    Rodrigo.

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.