sabato 14 dicembre 2013

SOTTO SCACCO: i lavoratori di Area Sud e AMA alla mercè dei pataccari

....finisce tutto nella monnezza.
Per raccogliere informazioni di prima mano dai lavoratori di Area Sud, mi son recato in piazza Foglia durante la fase delle pulizie alla fine del mercato del sabato.
Mi aspettavo di poter ricevere qualche commento alla squallida vicenda. Invece…
Mi son trovato di fronte ad un muro di gomma, che, per certi versi, mi è parso omertoso. Dopo l’accertamento dei fatti – come raccontato nel precedente post – mi è parso più legato alla paura di generare problemi e di non percepire il promesso.
Appena arrivato in piazza ho notato che le pulizie erano in corso. Quindi era chiaro che le rassicurazioni hanno sortito il loro effetto.
A coordinare i lavori era presente il lavoratore di Area Sud e consigliere comunale Giovanni Sità. Mi son quindi rivolto al collega consigliere: “Come è andato l’incontro dei lavoratori di Area Sud con Sgambato?
Sità: “Mah, io non c’ero. Marco non me lo chiedere… Parla con i delegati sindacali
Masini: “Tra lavoratori in piazza c’è nessuno di loro?
Sità: “No. Non c’è nessuno
Masini: “Mi dai il nome e il cellulare di qualcuno per poterci parlare?
Sità: “No, non li conosco!” (?!?!?, ndr)
Masini:Ma qual è la questione?
Sità: Nulla, solo di un piccolo ritardo nel pagamento degli stipendi, forse…

Allora ho provato con gli operai al lavoro. “No guardi, non sono iscritto al sindacato”, “Io non c’ero, ero in ferie”, e altri si allontanano per non parlare.
Insomma, nonostante i problemi, ovviamente noti a tutti, dal primo all’ultimo dei dipendenti di Area Sud non si sbottona. Avranno ricevuto l’ordine di non parlare per non compromettere il pagamento.
La cosa grave è che Sità è un consigliere comunale. Non denuncia i fatti perché direttamente coinvolto. Ne va del suo stipendio, che è nelle mani di Sgambato dirigente del suo partito e amministratore di AMA!
A maggior ragione verrà replicato il problema nell’aula del consiglio comunale lunedì sera, quando Dario La Guardia, Vito Gallicchio e gli altri dipendenti di aziende pubbliche controllate più o meno direttamente dal partito-azienda, nel cui direttivo siede lo Sgambato di cui sopra, dovranno rispondere o giustificare tali comportamenti scriteriati. Stando sotto scacco per evidenti ragioni come possono sedere in quell’aula discutendo del bilancio comunale, dove dovrebbero afferire i denari generati dai servizi delle Aziende dove lavorano e che invece stanno producendo disastri.
Foto del comitato Occhi Aperti (FB)

Non ci sono parole....
RF 

2 commenti:

  1. e secondo te uno di Areasud e consigliere comunale pd sputa nel piatto proprio ?
    Più smart Masini !

    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...credo d'essere stato tanto "smart" da aver usato una tautologia che non pensavo consentisse questo commento!
      Comunque grazie.
      Aspettarsi, prima o poi, un guizzo di dignità non è mai troppo tardi.

      Elimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.