lunedì 2 dicembre 2013

CCR, esercizio di democrazia in erba

Buona la partecipazione della giunta. Mattatore (per il ruolo
e la delega) l'assessore Caterina Mallamaci.

Stamane si è riunito in sessione plenaria il Consiglio Comunale die Ragazzi (CCR) di Rozzano, una delle iniziative civili più importanti della città. 
Patrocinato dall'amministrazione ha sempre visto la partecipazione dell'assessore Caterina Mallamaci, sempre molto attenta alle questioni afferenti la cultura ed il benessere dei nostri giovani concittadini.
Ragazzi delle quarte e quinte elementari, che, cercando di imparare quelle regole della convivenza civile che passano attraverso i meccanismi della partecipazione.
Nella giornata odierna hanno presentato i risultati della loro ricerca su una sperimentazione culinaria. In occasione della Giornata internazionale dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, sono stati preparati tre menù che hanno poi ricevuto un voto da parte di tutti i commensali delle scuole rozzanesi.
Alla domanda precisa "tornano le lasagne?" La risposta, categorica, e' stata:"si!"
Il contributo dell'assessore Mallamaci: "Sono più di dieci anni che operiamo nelle scuole. Oggi festeggiamo il diritto all'inclusione, con l'Unicef. E' un diritto che ne abbraccia molti, come quello allo studio". E continua. "Questo non è un diritto semplice da garantire, così come non è semplice garantire il diritto all'inclusione sociale, dobbiamo essere tutti fratelli, includendo anche, ad esempio, i nostri amici disabili".
Sul tema specifico: "Oggi abbiamo fatto inclusione di menù, menù diversi. Lavoriamo su questo argomento da anni e si è anche detto di far provare ad assaggiare menù anche stranieri. Una grande festa".
L'assessore ringrazia il dott. Brocca, Arco, il presidente del consiglio D'Errico, il vice sindaco Gaeta, e gli assessori Agogliati e Giuliano. L'unico consigliere presente era il sottoscritto, Marco Masini.
Un ricordo per l'iniziativa Unicef, che vende le pigotte per beneficenza era necessaria.
Dopo questa introduzione il presidente D'Errico, inizia il consiglio formalmente.
Gaeta: "quest'oggi è una delle giornate più belle dell'anno. Abbiamo dei giovani che si impegnano anche per capire cosa sono le istituzioni. Merito alle famiglie, ma anche ai bimbi che si impegnano in cose non scontate. Passione, ordine, ... Ottimo viatico per il periodo. Un ringraziamento anche agli operatori ed ai docenti".
Continua: "parlare dell'inclusione e' coraggioso in tempo di crisi. Affrontare questo tema da parte vostra mi rende felice, perché riuscirete a trasmettere queste idee anche ai genitori".
La presentazione del CCR all'uditorio...
Seguono i ringraziamenti di Linda Miccoli, Unicef.
Un importante passaggio è stata la lettura di Chiara, dell'Art 2 della Carta dei diritti dei bambini e degli adolescenti, relativo all'inclusione.
Dopo un giro di presentazione di tutti i rappresentanti del CCR si è parlato del processo di raccolta dati. 2000 schede distribuite. "Occuparsi dei gusti delle scuole non è semplice. Ci abbiamo provato" dice un'educatrice.
Un pò di cronaca.
Sono state poste agli studenti alcune domande.
Domanda uno: conoscete le ricette proposte? Non benissimo ma c'è conoscenza.
Domanda due: quale menù è' piaciuto di più? Sembra che il giallo (nord) ed il rosso (centro) abbiano avuto la prevalenza.
Domanda tre: quale piatto è piaciuto di più? Il salame Milano e il risotto allo zafferano. E' stato specificato che era un piatto ed un menù straordinario.
Domanda quattro: il piatto piaciuto di meno? Pasta e fagioli.
Inoltre, il CCR e' conosciuto? Si tutti lo conoscono.
I cibi che comunque a scuola piacciono di più, sono pasta e frutta, pizza hamburger e würstel.
Un cibo che non piace sono i finocchi, ...
Il CCR ha un rapporto costante con la commissione mensa, e, conoscendo i regolamenti, la maggioranza ha scelto lasagne e pizza, patatine...
Regolamento, no ai piatti unici e fritture.
E' stato proposto il cous cous dall'assessore Mallamaci, dopo la chiacchierata con un giovane studente e la proposta è stata subito accolta: resta il problema dell'assaggio.
Ci sono i problemi di cultura religiosa e di menù dedicati a ciò.
Però il problema del piatto unico resta anche se il punto e' l'alternativa. La Asl consiglia il piatto unico ma spesso non incontra il gusto di tutti.
Mallamaci: "Attenzione ai gusti per evitare gli sprechi! Lo spreco non è adeguato per nessuna ragione o tema".
Mi son permesso di introdure il tema dell'esercizio fisico abbinato alla dieta.
"Occorre ricordare che tolto il cibo spazzatura, si può mangiare più calorico a patto di fare più esercizio fisico. A Londra sono arrivati a proporre un piano di studio con 12 ore di sport alla settimana.... Mens sana in corpore sano". Applausone per le 12 ore di educazione fisica!!
Una votazione ed una risoluzione si son prese: Introdurre dei ragazzi in rappresentanza fissa in commissione mensa. C'è stato unanimità su questa partecipazione da far convivere con l'impegno dei genitori.

RF



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.