domenica 24 novembre 2013

DOMENICAMIA. Riflessioni sul costume e la politica del fine settimana.

Senza retorica e lontano temporalmente, affronto oggi il tema dei Diritti (spesso rubati) dei bambini, la cui celebrazione, con la festa per la "giornata internazionale per l'infanzia", si è tenuta il 20 novembre, mercoledì scorso.
Retorica ne abbiamo vista a catinelle sul media per eccellenza del momento: "FacciaLibro", dove, senza pudore e vergogna, chiunque ha osato postare foto e frasi fatte o "di scopo" per la giornata.
Dico sempre che bisogna avere un pò di modestia, contegno e coerenza, quella che dovrebbe far riflettere le persone prima di aprir bocca o sbatacchiare i tasti del proprio PC o tablet (in quest'ultimo caso alterare la capacità della superficie vitrea per generare una variazione di conduttività....).
Parlando qualche sera fa con un "padre di famiglia" che ha piazzato la figlia in una delle aziende comunali vendendo così la sua anima rossa  di combattente rivoluzionario, e prestando la sua simbologia alla causa del "siamo una amministrazione di sinistra" (ouch, che male, che male .... ndr).... insomma, mi sento di dire che sui diritti dei bambini - che prima di tutto sono figli - abbiamo ancora molta strada da fare.
Nell'Italia e nella Rozzano della raccomandazione, bisogna cominciare a riconoscere che l'interesse particolare lede l'interesse generale. Soprattutto se non si selezionano le migliori risorse. E' ragionevole che un padre di famiglia abbia a cuore le sorti del figlio o della figlia, ma influenzare la scelta comporta l'alterazione spazio-temporale degli eventi benefici! 
Quella singola mutazione ed influenza, apparentemente insignificante, determina una inefficienza almeno nel processo, che, a cascata, secondo quanto ha ricordato all'ignorante popolazione mondiale il dott.Ian Malcom nel film Jurassic Park (il cui frammento vi invito a riguardare sotto), professore di matematica - nella finzione - ed esperto di teoria del caos, determina uragani in altra parte del globo. E questo è tanto pù vero nelle scienze sociali, dove i comportamenti delle masse possono essere solo statisticamente determinati.
Insomma, far del bene a se stessi e alla propria genia è di pessimo effetto per l'intero sistema, che prima o poi collassa fragorosamente.
Se si mette in un pendolo due masse, si comporta in modo caotico. Tecnicamente, questo significa che se si modificano le posizioni di partenza solo leggermente, lo stato del sistema dopo poco tempo può cambiare drasticamente. Il clima è caotico, un piccolo errore nella misurazione oggi potrebbe essere la differenza tra la pioggia e non pioggia in una settimana giorni di tempo. Guardate questi due sistemi a pendolo rapidamente divergono, anche se entrambi iniziano con quasi le stesse impostazioni. Le raccomandazioni personali alterano lo stato complessivo della società impedendo il decorso ordinato del comportamento sociale, con la crescita delle prevaricazioni.
Il progresso collettivo, la civilizzazione, si è coltivata nel tempo attraverso regole, che partono da alcuni presupposti: per governare la collettività occorre un minimo di ordine e di rigore. Le leggi dovrebbero darne una parte. L'etica ed il buon senso l'altra.
Il problema se lo son posto anche le religioni, che hanno di fatto rappresentato l'unico baluardo all'anarchia ed alla mancanza di una direzione temporale univoca alla ricerca di punti successivi di stabilità, con la redazione di codici, i libri. Le tavole della legge bibliche, alle quali si riferiscono le principali religioni monoteiste post-egiziane (i primi ad adottare per un periodo limitato di tempo la devozione ad un unico dio, Ra, il sole), sono un esempio di sintesi. Dieci regole che consentono la coabitazione tra eguali, altrimenti "barbari".
La sintesi, la massima sintesi sinora disponibile in quel campo, è quella di Cristo con lo "ama il prossimo tuo come te stesso"; si tratta di una legge di simmetria speculare che, se adottata, permetterebbe quello che viene chiamato un esperimento mentale, lo stesso adottato da Democrito per formulare la prima teoria atomica. Se prima d'ogni azione si pensasse all'effetto che essa avrebbe su di noi nel caso in cui quel comportamento fosse adottato da un nostro simile, probabilmente molti, anche il "padre di famiglia" di cui sopra, avrebbe desistito dall'imporre una regola per un beneficio a proprio unico vantaggio.
I diritti dei bambini sarebbero salvaguardati soprattutto in assenza di egoismi. Adottare criteri di comportamento che consentano un equilibrato ed equanime approccio nella selezione delle figure per l'adozione di compiti socialmente rilevanti, sarebbe un ottimo viatico per proteggerne il proprio e dei loro coetanei e coscritti futuro. 
Sono poche le regole e le leggi necessarie.
Ecco perchè mi piacerebbe capire le ragioni dell'occupazione abusiva di poltrone nelle aziende pubbliche, del nepotismo, dell'invasione del campo della politica con interessi personali, con lo spasmodico bisogno di perpetrare il proprio controllo oltre ogni logica, e molto altro.
Ormai sono anni che dalle "pagine" di RF riportiamo un profluvio di comportamenti quanto meno inopportuni, facendo nomi e cognomi. E non abbiamo certamente finito. 
Mi piacerebbe sapere se tutti costoro credono di proteggere i bambini (non i loro, ma tutti), non rendendosi invece conto che stanno stuprando il diritto naturalmente evolutosi per tutelarli. 
Se si riferissero almeno a quelle poche regole della religione locale, che ha avuto quel profeta che tutti pregano nel tempio cattolico ricordandone la vita e la testimonianza, starebbero umilmente lontani dal praticare raccomandazioni ed invasioni di spazi impropri.
Piuttosto, un’educazione fondata sull’incoraggiamento del senso di avventura e dello spirito di ricerca che anima il bambino sarebbe raccomandabile, senza prefigurare o fargli percepire privilegi, che ne distrarrebbero il suo divenire persona consapevole e utile alla società per un'evoluzione sincera e utile.

RF   

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.