sabato 23 novembre 2013

Ambrogino al presidente nazionale ANPI Carlo Smuraglia. Un ricordo personale

Sono stato molto soddisfatto del riconoscimento del capoluogo a Carlo Smuraglia, classe 1923, partigiano, oggi presidente nazionale dell'ANPI, con l'importante premio culturale "ambrogino d'oro".
Ebbi occasione di conoscerlo ed apprezzarlo durante una delle sue ultime "battaglie politiche" a Rozzano, sul fronte dell'allora PDS.
Nel marzo 1992, venne nella nostra città per le elezioni di quell'anno. Si presentava per il Senato della Repubblica, ed io, giovane attivista di alcune associazioni cittadine, mi adoperai per realizzare la presentazione alla città di cotanto personaggio, nella quasi totale distrazione, anche della politica.
Era il momento delle prime avvisaglie di mani pulite (il 17 febbraio di quell'anno era stato arrestato Mario Chiesa, presidente socialista del Pio Albergo Trivulzio, colto in flagrante a Milano mentre riceveva una tangente di sette milioni di lire), un'operazione che si sarebbe poi rivelata foriera di eventi morali e culturali di una tale portata che avrebbe poi costituito un lascito culturale importante, segnalando e portando all'attenzione di tutti questioni ancora oggi irrisolte.
Un palco allestito in piazza Giovanni Foglia, e il sottoscritto ad introdurlo ad una piazza semi-deserta. Peccato. Un occasione persa.

La statura di Carlo - mi permise di dargli del "tu" (!) - era tale che, per un giovane laureando, parlargli alla pari mi sembrava incredibile. Ma era ed è molto alla mano. E questo ne aumentò ai miei occhi il suo "peso".
La motivazione del premio sarà declamata il 7 dicembre, nella cerimonia ufficiale.
Non sarà stato difficile trovare buone ragioni...
RF


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.