martedì 8 ottobre 2013

Salta la riunione di maggioranza. La crisi è sempre più nera e manifesta.

L'incontro che doveva tenersi ieri della maggioranza consiliare, Giunta e digerenti (ehm, dirigenti) è saltata per motivi ai più ignoti....
D'altronde, i celeberrimi risultati prodotti dagli ultimi anni di (s)governo D'Avolio, stanno procurando enormi grattacapi al successore FF (Facente Funzioni) Gaeta & company.
Prendersi la responsabilità di disastri finanziari ed umani di tale portata implica una solidità ed una fiducia granitici nell'operato dei "boiardi" che hanno devastato le partecipate in primis, il territorio in secundis (e stiamo idagando su alcune altre questioni di rilievo) e, a breve, il Comune nella sua intierezza.
I segnali del disagio sono sempre più evidenti.
Alle denunce ormai quasi quotidiane delle opposizioni si sommano i mal di pancia di molti consiglieri che finora hanno saldamente retto il bastione.

Angelo Carucci (Rozzano per D'Avolio), come abbiamo già riportato nel post relativo all'ultimo tentativo di convocazione del Consiglio, ha postato addirittura su Facebook i segni del proprio disagio.
Di Marco Ercoli è nota la posizione.
Di Leonardo Piras non ci sono tracce.
Di Pasquale Santoro, oltre al fatto che ha cambiato casa, potrebbero esserci disagi "verdi" (intesi come la gestione del verde via cooperativa)...
Insomma, i due conniventi dell'ultim'ora Pietro Moro e Mauro Caraccini (gli acquisti del "decadente" dell'ultimo minuto prima di andare a scaldare la lussureggiante poltrona  regionale) non bastano più...
Ahi, ahi, ahi.... la mancanza di un'arma numerico-politica di "condizionamento" sarà ora un dramma di poco interesse.
Attendiamo fiduciosi!
RF

1 commento:

  1. Pasquale Santoro ci ha tenuto a farci sapere (e a pubblicare) che lui ed Helios - la società che a lui fa riferimento - non hanno interessi o necessità a Rozzano in data odierna

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.