sabato 21 settembre 2013

Quando gli imprenditori abbindolano l'Amministrazione pubblica: Language Point

Tornata da scuola, mia figlia mi ha presentato un volantino distribuito a tutti nella sua scuola (via Milano) di un "corso di lingue" che si tiene a Rozzano.
Colori, marchio e ogni cosa ad una prima occhiata sembrava provenire dall'amministrazione comunale. Invece...
Invece si trattava di un progetto PRIVATO e solo PATROCINATO dall'amministrazione!
Ora, a parte il fatto che non si capisce perchè l'amministrazione dovrebbe patrocinare iniziative private (amici di qualcuno?) per dargli una parvenza di autorevolezza che altrimenti non avrebbero, ma che queste iniziative approfittino pure dell'immagine del pubblico è allucinante!
Torniamo al punto specifico.

A Milano, solo per fare un esempio, è direttamente il Comune che offre scuole di lingua a prezzi decisamente popolari (se non gratuitamente). Ed in questo caso l'uso di un'immagine con il logo del Comune in primo piano è più che giustificato.
La pubblicità del
COMUNE DI MILANO
Trovo di dubbio gusto che l'amministrazione patrocini iniziative PRIVATE che hanno (giustamente) scopi altri - remunerazione dell'investimento - e non sociali, perchè, se parliamo solo del fatto che offrono servizi "utili" (e sul concetto di utilità ci potremmo dilungare), ce ne sono molti altri: così fatto si tratta di una "distorsione del mercato", e di un indebito favore a QUALCUNO!
RF









ecco l'azienda somministratrice
dei corsi... NON IL COMUNE1!

2 commenti:

  1. da due anno almeno che esiste la convenzione, mai notata prima ?
    Milano puo' permettersi i corsi poi è da vedere la qualità , mi auguro che Rozzano non abbia speso soldi o ricevuto favori per il patrocinio....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne ero al corrente, dunque l'ho segnalato.
      Si tratta, rispetto a molte altre questioni, di piccole cose, ma... c'est la vie!

      Elimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.