domenica 22 settembre 2013

A Rozzano si è fermato il tempo, e per i forzaitalioti potrebbe essere un bene..

La transizione dalla "vecchia" Forza Italia al PDL a Rozzano non produsse risultati grafici visibili sulle insegne della storica sede nel centro dell'Aler di Rozzano.
Poi il PDL si è sgretolato: i Canè-iani (con Moro e Caraccini poi confluiti in maggioranza) da una parte, i Maioliani (invero a parte Canè e chi la scelse non se ne conoscono altri) restati senza appoggio locale , Gagliardi e Ferretti e co. da un'altra (con i nuovi ingressi di Anselmo e Coniglio).
Insomma, la sede fu chiusa.
Da allora "soggiace" all'insulto grafico locale triste e vuota, con le insegne che, però, con il colpo d'anca (ormai sbilenca) di Berlusconi dell'altro giorno, torna a traguardare un possibile "futuro" di luce: chi lancerà la "nuova" Forza Italia risparmiando sulle insegne?
RF

5 commenti:

  1. Ciao Marco,
    spiegaci piuttosto che fine hanno fatto i tuoi ``pirati``, le continue giravolte, degne di un circense,che accompagnano le tue performance politiche,e illuminaci su quella che sara`la tua collocazione definitiva.....invece di occuparti di un partito che a Rozzano fa un opposizione vera e dura grazie alla quale anche tu,finalmente, hai aperto gli occhi e che ,per tuo disappunto,raccoglie ancora milioni di consensi in tutto il resto del paese
    Cordialmente
    Gianni Ferretti De Luca
    Capogruppo PDL Rozzano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Gianni,
      eccoci qua:
      1) Sui milioni di consensi, riporto pari pari un commento nel quale mi riconosco (Lee Parks, giornalista britannico): "in questo paese (l'Italia, ndr), si ha la percezione che la politica è irrimediabilmente corrotta, e la tendenza a schierarsi a priori a favore di una formazione politica o l’altra (quasi fosse una squadra di calcio), sono due facce della stessa medaglia. Una medaglia che non porta impressa, né sulla faccia della testa né su quella della croce, la certezza che un uomo politico che ha commesso un reato grave dovrebbe dimettersi subito, per rispetto verso i suoi elettori, il suo partito, e la società civile del suo paese".
      E di conseguenza la sua emanazione "partitica"... Caro Gianni, state fortemente a "destra" ma confluite o create un Partito vero, con la P maiuscola, non di (chirurgia) plastica. Meritate (e i Vostri elettori meritano) di meglio!
      2) La mia posizione. E' molto semplice. Sic stantis rebus, per definizione, nè con il PDL nè con il PD. Avere una posizione critica e provare a contribuire all'affermazione di nuove formazioni politiche che si affacciano alla ribalta per cercare di portare luce sui diritti civili e sulle questioni della modernità credo sia un pregio, non da sottomettere a dileggio.
      Il mio tentativo - stando in maggioranza - era rivolto a cercare di cambiare le cose dall'interno, dove poteva essere più semplice. Così non fu, e ne sono uscito. Dov'è il dolo? Coerentemente, da libero pensatore, pungolo a destra e a sinistra....
      3) Collocazione definitiva. Chi può dirlo! Certamente sarà difficile con questa maggioranza, a meno che non cambi radicalmente l'approccio. Decine di post di RF indicano le magagne e le problematiche, non solo cittadine, sulle cose da fare, ma di carattere squisitamente legate alla trasparenza ed alla condivisione di obiettivi e di intenti. Ho sempre aborrito l'uomo solo al comando e i "signorsì"....
      Vedremo.
      Certamente spero che avrò avuto il piacere di interloquire con persone degne, non legate ad interessi economico-amministrativi locali, non ricattabili e magari con un pizzico di buon senso.
      Tra questi spero di poterTi annoverare per un confronto serio e produttivo, magari concorrenti o avversari su fronti diversi ma serenamente, per il bene della città.
      Un abbraccio
      Marco

      Elimina
    2. Caro Marco,

      1)I milioni di consensi te li puoi spiegare come ti pare, ma tali restano.
      Al giornalista Inglese sfugge che la politica, in questo paese, si e` ridotta ormai ad una contesa tra gruppi di potere,chi vince sistema i propri addetti, amici, parenti e affini ed il PD in questo e` campione assoluto, Rozzano docet.

      2)non credo sia sottometterti a dileggio affermare che ,se non sbaglio, sei seduto in consiglio comunale da quasi 15 anni, e a parte i dissensi??? di questi ultimi mesi, non si ha memoria, ne` mi pare esista documentazione ,di contributi tuoi per impedire tutto quello che impunemente questa amministrazione,o forse quell`uomo solo al comando che hai sempre aborrito, ha messo in essere (nepotismo,clientelismo,affarismo,spoliazione,meschine strategie di bottega etc etc...).

      3)non so se tu sia piu` o meno legato ad interessi economici-amministrativi locali o ricattabile per qualche altro motivo, per quanto mi riguarda, posso affermare senza alcun timore di smentita,che non ho mai avuto, ne` io, ne` la mia famiglia, ne` la persone che mi sono amiche ,interessi con l`ente o con qualsiasi altra azienda a questo riconducibile.
      Di buon senso ne ho da vendere, tanto da essere riuscito,io si`,a cambiare le cose dall`interno del mio partito a livello locale e di cio` esistono fatti oggettivamente inconfutabili.
      Il mio percorso continuera` in questa direzione di cambiamento sia endogeno che esogeno, sperando di trovare sulla mia strada, al di la` delle appartenenze, persone per bene che aderiscano ad un progetto di specchiata trasparenza e ,credo ne esistano tante.
      Con immutata stima

      Gianni



      Elimina
    3. Gianni, ti ringrazio per il commento ma non colgo ne' contributi positivi ne' informazioni corrette.
      Io sono in consiglio dal 2004, e per un senso di decenza non credo andrò oltre.
      Se si parla di me da quasi 20 anni non è certo perché sono stato silente.
      Attivista ambientale e per il mondo giovanile credo d!aver dato qualche contributo al territorio.
      Dopo una brevissima esperienza come assessore nel 1993, ho fieramente (!) lottato avverso alla Malinverno prima e il primo D'Avolio, confluendo a metà del primo mandato in maggioranza per vedere di provare a cambiare le cose "dall'interno".
      Non è stato possibile, e, prendendone atto, ne sono uscito.
      E' tutto. E credo basti.
      Alla tua persona (non al tuo "partito") i miei rispetti per alcune iniziative, ma, permettimi, con un leader pregiudicato e pluricondannato non puoi dare lezioni di etica....

      Elimina
  2. ...e comunque a Rozzano ogni contributo da persone per bene e' da ritenere prezioso!
    Grazie Gianni

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.