giovedì 11 luglio 2013

Incidente alla Ecolab di Ponte Sesto: cittadini chiusi in casa

Nell'azienda chimica ECOLAB di via Boccaccio, a Ponte Sesto, c'è stata un paio d'ore fa una fuoriuscita di fumi tossici che ha costretto i vigili del fuoco e l'amministrazione a chiedere a tutta la cittadinanza di ripararsi al chiuso ed evitare contatto con la nube arancione.
L'azienda, di proprietà della Henkel, famosa per i suoi detersivi, produce a Rozzano diversi composti per i tutti suoi settori di mercato.
E' oggi paradossale leggere sul sito: "Ecolab contribuisce a rendere il mondo un luogo più pulito, più sicuro e più sano."
E comunque, sperando che non vi siano intossicati o feriti, siamo ale solite: si maschera dietro un'etichetta ed un nome (ECO???-Lab) una fabrica pericolosa, che, per quanto facciano per renderla meno impattante, nasconde virulenze che fanno a pugni con l'ambiente.
Un pò meno ipocrisia no?!?!?
RF

4 commenti:

  1. Infatti,lo dice lei,un pò meno di ipocrisia...per cominciare l'azienda si trova in via Grandi a Rozzano,quindi l'ha già sparata grossa. Cerchi di non sparare a zero senza conoscere le cause,e senza sapere cosa si produce effettivamente in ditta. Lei con cosa lava gli indumenti? Virulenze che fanno a pugni con l'ambiente? Cos'è una centrale nucleare? Ma per favore! Inquina di più la sua auto...in conclusione ci risparmi certi articoli da serie C,perchè di finti ambientalisti e giornalisti ce ne sono già abbastanza,e onestamente non se ne può più. Grazie.
    Max,un operaio Ecolab

    RispondiElimina
  2. Gentile Operaio di Ecolab, ipocrisia e' quanto ho scritto e descritto io (a meno dell'indirizzo); con un po' di onesta' intellettuale Henkel può continuare a produrre i suoi detersivi - di cui Lei è grato alla stessa per il suo onestissimo posto di lavoro che non credo debba essere cancellato - evitando certi ossimori. Un detersivo, a meno che non usiate la cenere, usa tensioattivi dannosi ed inquinanti, non certo nelle nostre case, molto diluiti, ma nel luogo di produzione costituiscono un grosso problema per via del l'elevata quantità e concentrazione. Provi a dare un'occhiata alla classificazione di pericolosità degli stessi e alle modalità di test (invero "simpatiche"! :-( ) sugli amici pelosi come i topi, conigli e porcellini d'India del Bio Presto e s'immagini che ci lavora quotidianamente con tutte le precauzioni che Lei sicuramente ben conosce... (http://www.henkel.it/detergenza/catalogo/schede_sicurezza/bio%20presto%20universal%20351030%20wweu11000477.pdf).
    Ecco, magari invece di Ecolab chiamarla Fabbrica di Detersivi....
    MM

    RispondiElimina
  3. In merito a quanto pubblicato relativamente all'incidente avvenuto a Rozzano, Henkel precisa che ha ceduto la sua partecipazione in Ecolab nel 2008. Da tale data Ecolab è quindi una società distinta e pertanto, qualsiasi riferimento ad Henkel utilizzato per commentare quanto accaduto è da ritenersi non corretto. A cura dell'ufficio stampa Henkel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto! Mi ero dimenticato di far notare che Ecolab ed Henkel sono due cose distinte oramai. A dimostrazione che molte volte la realtà delle cose e le informazioni vengono distorte.
      Max

      Elimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.