sabato 1 dicembre 2012

RozzanoFuturo per RENZI.

E' tempo di ballottaggio per le primarie del CentroSinistra (non del PD, come invece - con un lapsus che ha dell'incredibile - ha scritto nella sua lettera ai cittadini il sindaco D'Avolio!).
Rozzano Futuro sceglie di sostenere il sindaco di Firenze Matteo RENZI.
Perchè?
Ecco le mie 10 ragioni:
1) Si tratta di una persona giovane (37 anni, ricordiamolo), un valore di per sé;
2) Capace: a Firenze è riuscito a farsi apprezzare da tutti per la sua gestione della Cosa Pubblica, gestendo situazioni anche complicate con l'ottimismo del coraggio e delle idee chiare;
3) Ha idee veramente 2.0 per l'Italia, quelle che i vecchi tromboni dell'apparato non sanno nemmeno esistere: trasparenza, meritocrazia, web free access alla documentazione pubblica, ... e le ha messe in pratica a Firenze;
4) Non si trascina dietro nessuno dal vecchio organigramma del PD, i dinosauri della vecchia DC e PCI;
5) E' osteggiato dal 98% dei parlamentari del PD;

6) E' sostenuto da Ivan Scalfarotto, una persona perbene e eticamente integerrima sostenitrice dei diritti civili più avanzati;
7) In politica estera ha idee innovative, che possono essere utili a scalfire posizioni che hanno raccolto troppa polvere e non hanno portato in decenni alcun risultato;
8) Cura i rapporti con l'industria e la finanza con progetti di internazionalizzazione e con un occhio di riguardo alle politiche di de-industrializzazione in un Paese che abbisogna cura del territorio, del panorama e dell'architettura. Sindaco di Firenze, non potrebbe essere altrimenti!
9) Ha tre figli, e si rende conto della necessità di rendergli un futuro disponibile;
10) A Rozzano è osteggiato da tutto il PD ufficiale per favorire la concentrazione del voto su Bersani che permetterà un obiettivo secondario: dare forza alla candidatura di D'Avolio alla Regione, a prescindere dal valore del ballottaggio per il governo nazionale.

Votiamo RENZI e chiediamo di far votare RENZI.

Non avrà vinto? Non importa, le posizioni del nuovo, dei giovani e dell'etica saranno passate!
RF

9 commenti:

  1. Caro Masini,
    concordo alla virgola con quanto da lei scritto - sono un elettore del centro-sinistra e alle primario ho votato per Renzi - ma perchè aspettare le 12.29 del giorno precedente al ballottaggio per prendere posizione ?
    Cordialità

    RispondiElimina
  2. Prendo le difese di Masini su questo; non vive, come alcuni di politica, e' un ingegnere di una azienda privata e mi creda, oggi significa lavorare dalle nove alle venti, quando va bene.

    RispondiElimina
  3. Ma parliamone di piu' di quella "lettera ai cittadini" del sindaco D'Avolio, il mio dubbio e':
    -Quali fondi sono stati usati per stampare e distribuire i volantini? (privati del sindaco? Privati del partito o pubblici dei cittadini di Rozzano?)
    La sensazione e' che i soldi, in un grave momento di crisi come l'attuale, non si trovino per fare certe cose (manutenzione, luminarie di Natale ...) e invece saltino sempre fuori in altre occasioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i soldi sono stati presi dalle casse del comune compreso i francobolli ma visto che forse c'era la possibilità che questa lettera non arrivava in tempo il sindaco a ordinato a tutti i 230 dipendenti comunali di andare a incasellarle per tutta Rozzano

      Elimina
    2. Sig. Masini, e' vera questa cosa? Se no per favore smentisca e risponda, in caso contrario ha il dovere di approfondire nelle sedi e nei luoghi piu' appropiati.

      Elimina
    3. Sig Masini lei si deve interessare subito perchè mi risulta che il sindaco ha ordinato ai dipendenti comunali di leccare tutti i francobolli per affrancarli sulle buste.

      Elimina
  4. Come ingegnere sarà pure bravo ma come politico lasciamo perdere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se per Lei essere un "bravo politico" e' vincere un confronto in un ambito come quello di queste primarie....
      ...sono perplesso.
      Ciò che conta e' dare voce e sostenere le buone idee con prospettiva per intercettare il futuro e dar agio ai "colleghi" cittadini, raccogliendo e amplificando le questioni di tutti, non solo dei più (a volte eterodiretti).
      Il compromesso necessario per far si che le cose avvengano non deve però esser tale da ledere l'etica e la morale pubblica, nel solco di regole condivise ma che non devono e non possono essere ritenute monolitiche: anch'esse sono figlie dei tempi, e, probabilmente, in Italia i tempi non sono ancora maturi.
      Nulla c'entra l'essere o meno un "buon politico"....

      Elimina
    2. Caro Masini un politico non si giudica dalla sua preparazione ma si giudica dai suoi comportamenti.Saluti.

      Elimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.