lunedì 3 dicembre 2012

Bersani a Rozzano al 70%... "e ho detto tutto" (P. De Filippo)

I risultati di Rozzano al ballottaggio delle primarie della coalizione del Centro Sinistra:
Votanti 1.774 (l'86,5% rispetto ai 2049 del primo turno)
1) Bersani 1.249 (70,8%)
2) Renzi         516 (29,2%)
Le schede Bianche sono state solo 3.e le Nulle 6.
Come ha detto, in modo impeccabile ed innovativo per la politica italiana il buon Matteo Renzi: chapeaux! Ha vinto Bersani, evviva Bersani.
La posizione critica all'apparato, di rottura ma rivolta al futuro in modo più deciso, non ha pagato. L'Italia è ancora il paesello dello status quo: santi e navigatori da millenni, incerti sul futuro da sempre, con la paura del cambiamento, del nuovo... dei giovani.
A tal proposito, Bersani ha dovuto sin dal primo momento dopo la proclamazione, dire che dovrà tener conto dei giovani, del rinnovamento, il cui vento è spirato molto forte, in un Paese che ha il record europeo della disoccupazione giovanile (e femminile).

Sarà una battaglia: i brontosauri non riescono ad immaginare altre posizioni se non quelle in ruoli di potere (e con relativi stipendi e privilegi). Costruire un nuovo ruolo anche per loro, perchè l'esperienza non si butta al mare, ma vi si attinge al bisogno per tracciare la linea del futuro, sarà un passaggio culturale importante.
Immaginare una coalizione, non un "uomo solo al potere", forte delle forze dell'innovazione, e salda nelle radici e nelle certezze del passato, non potrà che far bene all'Italia.
Registriamo, su Rozzano come a livello nazionale, il non voto di parte degli elettori del primo turno, che ha comportato la crescita del consenso per Bersani: la matematica non è un'opinione, e dunque si registra che chi non ha votato al ballottaggio votò Vendola al primo turno. La sinistra rozzanese non è stata convinta dal rilancio di SEL in quella direzione.
Poca convinzione legata alle logiche locali?
Ricordiamo che l'appello di un importante rappresentante locale di SEL, Igino Gabriele, amico di lunga data, si esprimeva in questi termini al riguardo: "Domani mi recherò al seggio e voterò Bersani. Il PD è distante, molto distante, dalla mia concezione della politica. Su molti temi ho posizioni antitetiche. A Rozzano, nel ruolo di Consigliere Comunale di opposizione, conduco un'argomentata e mai prevenuta azione di contrasto alle scelte degli amministratori di quel partito (e non solo di quello). Pragmaticamente, sono altresì consapevole che SEL oggi può incidere -per uno spostamento a sinistra dei contenuti programmatici di un possibile futuro governo- alla sola condizione che conceda un'apertura di credito al primo partito italiano."
Pur condividendo il contributo - che però non mi ha impedito di rivolgermi a Renzi alla ricerca di innovazione a prescindere dalle questioni rozzanesi - si trattava, insomma, di un "mi turo il naso" ma vado avanti!
Anche sui contenuti del rinnovamento Bersani si è espresso positivamente: chissà se ce la farà!!
RF

2 commenti:

  1. Secondo me piu della meta dei voti sono comprati e falsi conoscendo come sono i rozzanesi. E poi se mi permetti masini conosco certe persone e ti assicuro che non sto barando che non hanno neppure pagato i 2 euroa tanti x te e tegolare la cosa? Aspetto una risposta da te saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho ricordato, sono stato rappresentante di lista per Vendola al primo turno, e scrutatore al ballotaggio.
      Posso dire, per quel che riguarda il seggio di p.le Alboreto che tutti hanno versato il dovuto (anzi, "l'incasso" a fine giornata era maggiore del numero dei votanti per i 2 € minimi), e che nessuno ha votato due volte.
      Non posso esprimermi per tutti gli altri 8 seggi, ma, per lo meno al primo turno in ogni seggio erano presenti due rappresentanti di lista di opposti schieramenti che hanno potuto garantire il controllo (Vendola e Bersani, nessuno per Renzi che io sappia).

      Elimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.