giovedì 20 dicembre 2012

Anche il Comune di Rozzano ha "dismesso" la Direzione Generale!

Sempre più insistenti le voci secondo le quali il Comune di Rozzano avrebbe rinunciato alla figura del "direttore generale" ed ai suoi 66mila euro di retribuzione addizionale a quella dirigenziale che percepiva il dott. Luigi Miglio, incaricato dal Sindaco ad inizio del suo secondo mandato.
In attesa delle carte ufficiali, dobbiamo ricordare che la funzione del Direttore Generale era già stata abolita per legge (si veda qui il post di approfondimento precedente), ma che, come tutte le leggi salva-tutti, si riferiva a ciò che sarebbe avvenuto in futuro. Il dott. Miglio era stato, infatti, nominato prima della pubblicazione della Legge sulla Gazzetta Ufficiale, e, dunque, poteva, formalmente, conservare la sua prebenda.

Non foss'altro che le Leggi si applicano (anche retro-attivamente) per i cittadini-sudditi mentre le si interpretano favorevolmente per i boiardi ed i politicanti da strapazzo, diligenza e rettitudine etica voleva che sin da subito si fosse provveduto a revocare tale funzione, ma tant'è, si è dovuto attendere oltre due anni e qualche problema interno alla macchina amministrativa per aver il Sindaco convinto di un passo oggi sempre più necessario alla luce, soprattutto, delle difficoltà che i cittadini ormai incontrano quotidianamente.
RF

5 commenti:

  1. Caro Masini, per quanto non del tutto condivisibili, i suoi commenti alle vicende di casa nostra erano, per me, il classico "sasso nello stagno" nella palude politica rozzanese. A cosa è dovuta l'interruzione della sua attività in rete ? E' successo qualcosa che non ci è dato sapere ? C'è tanto bisogno di vocifuori dal coro.
    Mi auguro di rileggerLa presto.
    Cordialità

    RispondiElimina
  2. Non capisco se il blog si trovi in PAR CONDICIO ma si potrebbe chiedere in quel di Rozzano assunzione del Dott.Giuseppe MUSSARI.
    Cordialità
    bertoldo amleto

    RispondiElimina
  3. La presentazione del candidato PD alla regione lombardia che si è tenuta sabato al Fellini era ad invito? Di pubblicità in giro, manifesti o simili non si è visto nulla. Evidentemente il PD è un club a parte chiuse che ha poca voglia di aprirsi al pubblico!

    Già che ci sono: veramente di gran gusto il volantino distribuito al mercato. Pure il corriere della sera ha dedicato un commento da brivido alla scelta del candidato di confondere pubblico e privato!!!

    RispondiElimina
  4. ma se eletto si dovrà votare o no per un nuovo sindaco ?

    andrea

    RispondiElimina
  5. A pagina 5 di VIVIROZZANO compra ela foto di Sgambato che sostiene MASSIMO D'AVOLIO.

    E' l'emblema della capacità comunicativa del PD: è come se a livello nazionale Mussari comprasse una pagina per sostenere Bersani.

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.