sabato 16 giugno 2012

OPERA - Truffa, elusione fiscale e torture: una denuncia da Amici della Terra per il canile lager dei cacciatori!


Lunedì è morta la vecchia che gestiva il lager di Opera (chi la fa l'aspetti)! 
Un sito di detenzione di cani da caccia, che venivano liberati solo durante la stagione venatoria e senza nessuna cura e tutela.
In più, ella (la vecchia) si permetteva pure di gestire un parcheggio abusivo di camper e caravan....
Dopo anni di denunce all'ENPA (che non ha mai fatto nulla ne messo in moto alcun meccanismo di tutela), il Presidente di Amici della Terra Lombardia, Stefano Apuzzo, è intervenuto con una denuncia alla Procura a tutelare gli animali e riportare a normalità il territorio.
Già la caccia di per sè è una pratica vergognosa e medievale, ma abusarne due volte torturando gli "amici" che ti aiutano è veramente una porcata!

Bene ha fatto Apuzzo, e con lui l'associazione ambientalista, molto attenta sul nostro territorio del Sud Milano, a far scattare la denuncia, prima che il lager cada nel dimenticatoio, magari lasciando morire le bestiole.
Nel seguito il testo della denuncia.
Marco Masini











P.S. Il testo della denuncia di ADT Lombardia:

Milano, 18 giugno 2012                                                        Spett.le
                                                                                               Procura della Repubblica di Milano
                                                                                               SEDE

Oggetto: Denuncia con richiesta di sequestro

Spett.le Procura della Repubblica,

In Via Ripamonti, civico 56 insiste una cascina con azienda agricola. Sul retro di tale cascina la proprietaria ha costruito un canile abusivo con circa una trentina di cani, distribuiti in 15 box. In tale struttura sono ospitati a pagamento cani di cacciatori che sono ivi stabulati tutto l’anno, senza possibilità di uscire, salvo che nel corso della stagione venatoria. La signora percepisce illegittimamente compensi dai cacciatori che alloggiano in tale struttura, abusiva e fatiscente, i propri cani.

La struttura, ovviamente, non è dotata di nessuno dei parametri previsti per tali strutture, né igienico sanitari, né di allacciamenti di servizi o di sicurezza. I cani abbaiano giorno e notte e sono uditi nel vicino quartiere Sporting Mirasole, con disturbo della quiete notturna e del riposo dei residenti.

La proprietaria dell’Azienda agricola e della cascina, inoltre, ospita presso tale struttura decine di caravan e roulottes a pagamento senza alcuna autorizzazione, licenza o rispetto delle norme di sicurezza previste in caso di ricovero di veicoli a motore.

Si richiede il sequestro della struttura abusiva atta ad ospitare in condizioni non idonee i cani.

Cordialmente,
Il Presidente di Amici della Terra Lombardia                                                         
Stefano Apuzzo                                       

2 commenti:

  1. Ottimo e tempestivo l'intervento dell'assessore Apuzzo. Peccato che avvenga solo dopo la morte della "megera". Della qual cosa, il nostro assessore, pare non sia al corrente neppure ora, visto che ne denuncia le malefatte solo oggi, come se questa fosse ancora in vita. E a dare gran risonanza a questa tardiva e gratuita denuncia, caro Marco, cerchi di contribuire anche tu. Come? Dando in anticipo (cioè il 16 giugno) la notizia di un atto che formalmente partirà solo il 18, cioè domani! Beh, non c'è che dire: si tratta di rinnovare e rendere sempre più inscindibile un antico rapporto di amicizia (politica) che non può essere interrotto per il solo fatto di aver abbandonato, da parte tua, l'attuale maggioranza di governo della nostra città.
    Gianni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le denunce di Apuzzo sono molto più antiche di quella di cui riferisco nel post. Questa serve soprattutto a far si che la struttura non venga dimenticata con tutti i suoi "ospiti".
      Stefano Apuzzo e' presidente di Amici della Terra Lombardia, una delle più importanti associazioni ambientaliste nazionali e non solo (fa capo all'organizzazione inglese Friends of the Earth) di cui anche io sono consigliere nazionale.
      In qualche modo la difesa dell'ambiente ha scopi "politici" ma questi fatti travalicano le quotidiane sciocchezze di una cittadina come Rozzano (per fortuna)!
      Siamo certamente -oggi - su posizioni differenti rispetto a questa Amministrazione, ma ciò non interrompe, e non potrebbe, un sodalizio pluridecennale su tematiche certamente più globali, etiche e trasversali....
      Cordialità

      Elimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.