mercoledì 27 giugno 2012

Milano, zona Monumentale. Grattacieli di 17 piani.

Proprio la stessa condizione urbanistica di Valleambrosia!
MM

2 commenti:

  1. Caro Marco
    ho notato come ieri il volantino di CMB girasse tra le facce divertite e un po' perplesse dei consiglieri, di maggioranza e opposizione.
    E' INCREDIBILE come nessuno sapesse nulla!
    Ho provato, nel mio piccolo, a fare due "conti della serva" utilizzando le planimetrie che i solerti venditori di CMB mi hanno fornito.
    199 appartamenti sono, spannometricamente (ma nemmeno troppo), 15000 mq di slp da inserire in un terreno che, piantina all amano, è di 7000 mq.
    Chi ha votato il PII di Valleambrosia Nord come pensava di inserire 15000 mq di slp in 7000 mq di Sf?
    Costruendo un edificio modello "pentagono" desli States CMB avrebbe dovuto occupare tutto il lotto con un edificio di 2/3 piani.
    Il fatto che CMB pensasse, acquistando il terreno, di andare mooooooooooooooolto in altessa è scontato.
    Il problema ora è: cosa si fa? La volumetria è stata approvata tramite il PII e, se non sbaglio, le successive varianti e storicamente i diritti acquisiti non si toccano. Il lotto di terreno non possiamo certo allargarlo. Io mi auguro che nella convenzione stipulata tra il proprietario dei terreni e il Comune di Rozzano si parlasse in maniera prescrittiva di altezze massime in modo da avere un ancora di salvataggio con CMB (del tipo "avete acquistato un lotto con quella volumetria a disposizione...se siete bravi nel rispetto delle regole a sfruttarla complimenti, altrimenti....beh...fatti vostri!"), altrimenti temo davvero che PUNTA PEROTTI atterri su Rozzano.

    Un'ultima osservazione...e se quella di CMB fosse solo una strategia? Del tipo "vi proponiamo un progetto architettonicamente volutamente sgardevole (tranne che all'assessore Gaeta, evidentemente amante di Punta Perotti) e palesemnte inapprovabile per suscitare polemiche e poi, con una contrattazione fittizia, trasferire la volumetria in terreni commercialmente più appetibili come il Parco delle Rogge?"
    Non sono, e mai sarò, contro le trasformazioni urbanistiche studiate per bene e contro i nuovi progetti edilizi, ma a tutto c'è iun limite e il progetto di Valleambrosia, così com'è, l'ha superato di parecchio!

    RispondiElimina
  2. mah ... sui parametri estetici di riferimento dell'assessore Gaeta e sul senso del bello che invade Rozzano da qualche anno forse si potrebbe scrivere un libro: l'ecomostro di Quinto nè una testimonianza.

    Forse si potrebbe anche scrivere un libro sulla capacità di alcuni consiglieri comunali di votare a favore di provvedimenti che non conosco (e che non sono nenanche messi in condizioni di capire .... vi assicuro è meglio così !)con la convizione che altri (i tecnici ???) han fatto un buon lavoro.

    Forse un breve trattato potremmo anche scriverlo sul motivo per cui i soliti soggetti continuano a costruire case grosse e brutte tenedole sistematicamente vuote: siano esse cooperative (in cosa "cooperano" ???) o soggetti locali particolarmente agguerriti e scaltri.

    Certo è che la betoniera che produce cemento a mangia aree libere a Rozzano non si è ancora spenta, nonostante la cirsi economica generale e del settore immobiliare in particolare (nel primo trimeste del 2012 c'è ststa una riduzione del 20% delle compravendite).

    A qualcuno potrebbe anche venir voglia di scrivere ache qualche piccolo articoletto sulla democrazia, la partecipazione e la trsparenza ... che in questi anni non dispiace.

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.