venerdì 8 giugno 2012

Gemellaggio, una parola che ispira pace e benessere. Rozzano con chi potrebbe costituirlo?

Gemellaggio: delle persone e delle culture
Se dalla Giunta di Rozzano parte un bel segnale, va riconosciuto. Una voce di ipotesi di lavoro sul Gemellaggio è un indice di sensibilità...
Il Gemellaggio ha un obiettivo stabilito sin dagli anni '50: quello di creare una vera Comunità di popoli. E, poichè l'Europa chiede un'attenzione particolare alla estensione geografica dei gemellaggi, con riferimento ai nuovi rapporti Est-Ovest, Europa del Mediterraneo e Nord-Sud, parallelamente alle prospettive di allargamento dell'Unione Europea, siamo sicuri che sarà questa la direzione che verrà intrapresa, e non quella degli interessi piccolo-borghesi o speculatori di breve periodo.
Il Patto di Gemellaggio deve costituire una formale attestazione di reciprocità di relazioni privilegiate, finalizzato ad intensificare rapporti e scambi interculturali, sociali, politici, economici con costante riferimento ad una azione comune per la pace, la solidarietà e la reciproca collaborazione.
La selezione del "gemello" è dunque importante, e deve puntare soprattutto a stabilire rapporti umani.
Il Parlamento Europeo ha formalmente ribadito che le attività dei gemellaggi sono "di importanza vitale per l'integrazione dei cittadini d'Europa"; affermazione importante che sottolinea il nuovo ruolo degli enti territoriali come portatori di una "diplomazia del cittadino" che, senza nulla togliere alle diverse competenze costituzionali all'interno dei singoli Paesi, apre nuove prospettive all'influenza di detti enti sul piano dei rapporti tra i popoli.
Quindi, grande attenzione viene anche posta ai "contenuti" dei gemellaggi, in modo che, nella assoluta fedeltà ai principi ispiratori che li hanno sempre caratterizzati nell'ambito del CCRE (il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa (CCRE)), essi possano tenere conto delle implicazioni economiche, sociali e culturali, con riferimento anche ai numerosi Programmi comunitari che sono a disposizione degli Enti Locali nel campo dello sviluppo economico, scolastico, della gioventù, della cultura, ecc.
Esiste un sito di riferimento del CCRE, che segnaliamo agli Amministratori cittadini, sul TWINNING (ecco il Link), dove, tramite una serie di chiavi di ricerca, si può arrivare a selezionare alcune candidature, anche autonome rispetto a rapporti avviati ma di profilo più basso.
Detto questo, speriamo di non dover dar credito a voci che indicano un "gemellaggio" di scarsissimo spessore, provincialotto e con evidente riferimento ad interessi economici come quello per una cittadina dell'Emilia dove ha sede una importante cooperativa di costruzione che ha una sede decentrata a Rozzano....
Vedremo, ma vigileremo.
Il terremoto indica una necessità di cooperazione d'altra natura.
Marco Masini

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.