venerdì 18 maggio 2012

Con B. o contro B.? La Maiolo, incerta, rivendica che non possono essere solo "brave (?) e belle".

...non è un fotomontaggio!!!
Lo scorso 11 maggio, durante l'incontro dell'associazione Articolo 51, Tiziana Maiolo si è scagliata contro la discriminazione femminile in politica, arrivando - sostanzialmente - a disconoscere buona parte delle metodologie di selezione del "personale politico" del suo Presidente mister B.
"Le donne, benché negli ultimi anni si sia fatto un bel salto in avanti in Parlamento raggiungendo il 20%, Sono ancora sotto rappresentate nelle istituzioni locali, nei vertici giudiziari, diplomatici e aziendali. Ma soprattutto, le donne sono penalizzate nella selezione della classe politica dirigente. Devono essere brave e belle, devono saper stare al loro posto, controllare le emozioni, superare la loro invisibilità con l'esposizione del corpo"....!!!!

Se non ricordo male, almeno a Rozzano, poi in altri consessi avrà aperto altre relazioni, fa parte del PdL, un partito che ha scelto tra le sue candidate tal Nicole Minetti et al. non certo per meriti!
La buona notizia è che nel PdL l'aria sta cambiando. La brutta notizia è che la mancanza di memoria e di onestà  non è un bel segno per il futuro....
Inoltre, segno dei tempi, propone un Ministero per le Donne, abolendo le Pari Opportunità. Stessa proposta poi applicata or ora da Hollande in Francia.... un socialista!!! La Maiolo si ributta a "gauché"??
Marco Masini

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.