venerdì 25 maggio 2012

Case dell’acqua, Apuzzo e Gandolfi: la Provincia e Milano sostengano un progetto vincente.


Sulle case dell'acqua ed i loro benefici, Luca Gandolfi (IdV) e Stefano Apuzzo (PD) hanno ben chiaro l'obiettivo, ed in ocasione della presentazione dei numeri di CAP Holding tornano ed incitano sul tema.
Era il 21 gennaio 2010 quando il Consiglio Provinciale di Milano approvava all’unanimità la mozione che IdV aveva presentato avente come oggetto “Promuovere e favorire la diffusione delle Case dell’acqua nel territorio della Provincia di Milano”.
È il commento del capogruppo di Italia dei Valori in Provincia di Milano Luca Gandolfi in relazione ai dati presentati il 24 maggio sulle Case dell’Acqua.
“Stiamo parlando di oltre 16 milioni di litri erogati in un anno, che equivalgono a un risparmio di oltre 10 milioni di bottiglie di plastica da un litro e mezzo. Questi sono i dati, relativi al 2011, relativi alle 43 Casedell'Acqua realizzate da CAP Holding”.

Nel 2010 eravamo soddisfatti di quel voto, – prosegue Gandolfi – mentre ora siamo perplessi: a quasi due anni di distanza cosa è stato fatto per dare attuazione a quella mozione che vedeva il Consiglio Provinciale esprimere una volontà politica compatta? L’impressione è che sia rimasta solo un pezzo di carta chiuso in un cassetto. Alcune Case dell’acqua sono sorte, ma per merito dell’iniziativa delle amministrazioni locali. Nella mozione approvata due anni fa si chiedeva alla Giunta provinciale di favorire le politiche attive per la diffusione delle Case dell’acqua e anche, ove necessario, attraverso contributi economici ai Comuni intenzionati a realizzarle. Sono state attuate delle politiche attive? Quali? Sono stati erogati dei fondi? Quanti? A chi? Queste sono le domande poste in un’interrogazione che abbiamo presentato nell’ultimo Consiglio Provinciale chiedendo, di fatto, una verifica dell’attuazione della mozione approvata nel gennaio 2010.
Anche l'assessore Stefano Apuzzo è sempre stato un fervido promotore della diffusione delle Case dell'Acqua. "Le case dell'acqua sono nate come una struttura promozionale del'acqua di rete. Il grande salto  ambientale, sociale e culturale, che deve essere realizzato è rendere tale "promozione "strutturale". Apuzzo indica anche la strada. "Micro case dell'acqua e rubinetti con acqua refrigerata e gasata nei luoghi strategici della città, degli uffici e dei luoghi pubblici potrebbero dare un grande contributo". 
Sul territorio provinciale, uno dei pù grandi erogatori di acqua di rete è Metropolitana Milanese, MM, la società dei trasporti metropolitani del capoluogo. "Il vento è cambiato - continua Stefano Apuzzo - e grazie all'amministrazione Pisapia si potrebbe ricevere un maggiore impulso ad accelerare questo cambiamento eliminando così dalla strada camion, dall'aria smog e dai carrelli dei consumatori quintali di peso inutile e dannoso per le schiene!". 
Gandolfi, sugli aspetti provinciali: “L’auspicio è che con la nostra interrogazione di gennaio e con i dati resi noti oggi si risvegli l’attenzione dell’amministrazione provinciale sul tema e si inizi finalmente a fare una campagna per promuovere e favorire la creazione delle Case dell’acqua nei Comuni del territorio, come stabilito dell’indirizzo politico che il Consiglio ha dato alla Giunta due anni fa. Speriamo nel detto: meglio tardi che mai!
Insomma, un tema sempre al centro del dibattito che ha portato anche grandi catene della distribuzione commerciale, come Coop, ad interessarsene, e a raccomandare - apparentemente contro i loro interessi - di bere l'acqua di rubinetto!
Marco Masini

1 commento:

  1. Ho notato che ad Arese la casa dell'acqua è utilizzabile tramite la carta sanitaria in modo tale che sia usata solo dai residenti e fino a 6 litri solo per la frizzante (la naturale è libera)
    In allegato il link della foto
    http://tizianafabro.ilcannocchiale.it/2013/05/05/arese_domenica_5_maggi_la_casa.html

    Il produttore è lo stesso di Rozzano, DKL ,

    Questo sistema andrebbe usato anche a Rozzano visto l'inciviltà che si vede , gente con damigiane, boccioni o nr esagerato di bottiglie

    Saluti

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.