giovedì 12 aprile 2012

Difficoltà di manovra.

Un enorme autobus Autoguidovie in difficoltà in via Milano
Dal 5 settembre, la rete del trasporto pubblico locale del sud ovest milanese non più gestita da ATM ma dalla società privata Autoguidovie Italiane, che ha preso in affido i servizi delle linee 201, 220, 221 e 328, così come comunicato dal sito del Comune in passato.
Autoguidovie, per il servizio in questione si è affidata ai nuovi Mercedes Citaro suburbani, ben 12m di autobus di colore verde.
Dopo un periodo di funzionamento significativo, possiamo dire che la qualità del servizio è rimasta in essere, ma non si dissolvono le stesse domande che anche con i torpedoni ATM si ci poneva: ma come è possibile che il servizio sia competitivo con autobus di queste dimensioni che, a parte nelle ore del mattino, quando portano gli studenti a scuola ed alla loro uscita, viaggiano prevalentemente vuoti
Ed inoltre, le difficoltà di manovra nelle frazioni di Rozzano, ma anche in città (vedi foto, in via Milano), non porterebbero ad una valutazione di mezzi di ridotte dimensioni più compatibili con la viabilità locale?
Ed ancora: la valutazione di eco-compatibilità viene fatta per motori della potenza e della cilindrata della categoria di riferimento, ma l'inquinamento sarebbe sicuramente più contenuto con mezzi di potenza, capacità e cilindrata inferiore!!
Anche l'ATM parla di questa rivoluzione "verde", ma la questione economica ed ambientale assoluta e di prospettiva quale è?
Gli autobus, che soddisfano le più restrittive norme di impatto ambientale, sono a pianale ribassato con pedana retrattile per le carrozzelle e dispongono di un impianto interno di videosorveglianza. 
Dai dati della società Autoguidovie, alla fine del 2008 l'azienda risultava avere un consolidato di circa 53 milioni di  euro, ed esercire 580 autobus trasportando su di esse oltre 5 milioni di passaggeri nell'anno. 
Due conti della serva: 
- ogni mezzo "produce" circa 90mila euro
- ogni passeggero paga in media 10,6 euro all'anno
A conti fatti sembrano esserci, nonostante i "vuoti" di Rozzano, buoni spazi di remunerazione, dati anche dai contratti con ATM....
Marco Masini

3 commenti:

  1. "ogni passeggero paga in media 10,6 euro all'anno", magari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo da un'idea di quante persone viaggiano gratis....
      No, in realtà e' solo la spesa equivalente con riferimento alla società Autoguidovie.
      La vera spesa sarebbe da misurare sulla quantità di biglietti ATM che si comprano a Rozzano.

      Elimina
  2. in altri paesi europei usano di piu i minibus con accesso disabili per 15 20 persone max
    qui li vediamo solo per radiotaxi atm e nella ricca basiglio col callbus

    inoltre quelli di autoguidovie sono spesso al cellulare senza auricolare !

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.