mercoledì 28 marzo 2012

Si all'osservatorio: la conferenza dei Capigruppo comunali avalla il progetto e rimanda alla Commissione Regolamenti lo studio dello strumento

Gabriele, di SEL
Ieri sera, durante la Conferenza dei Capigruppo, c'è stata un'ampia discussione sulle modalità realizzative di uno strumento discusso nello scorso consiglio comunale grazie ad un ordine del giorno presentato dal consigliere di SEL, Igino Gabriele: un Osservatorio Antimafia.
Questo vedrà la luce all'interno della Commissione Regolamenti e Statuto del consiglio in tempi celeri, nelle intenzioni.
Il Sindaco: "Su temi come questi, non ci interessa la primogenitura, ma solo la realizzazione di uno strumento che potrebbe rivelarsi importante anche per il nostro territorio. La formazione di un substrato culturale adeguato a prevenire le infiltrazioni mafiose e la criminalità in genere è sempre stato uno degli obiettivi di questa Amministrazione". D'Avolio si prende anche la briga di stabilire degli obiettivi definiti: in due mesi è disponibile a portare in Consiglio lo strumento deliberativo che la commissione avrà licenziato.
"Per ottenere questo risultato, ci deve essere un forte impegno - anche personale - della politica: due mesi sembrano molti, ma non è così" conclude.

Ho segnalato che la "delibera di iniziativa commissariale" potrà iniziare da un canovaccio che lo stesso consigliere Gabriele potrà sottoporre alla discussione. Questo sarà utile ad accorciare i tempi e ottenere un testo di partenza basato su convincimenti e strumenti trasversali.
Si sono succeduti interventi da parte di quasi tutti i Capigruppo. Ecco una sintesi dai Tweet:

  • Ferretti, occorre una figura forte e di riferimento per il contrasto dei fenomeni mafiosi
  • Anselmo: un osservatorio non serve, e' un organo di beltà politica. A Rozzano non mafia ma microcriminalità
  • Busnari: primogenitura politica. Ma percepire segnali dalla città
  • Busnari: strumento efficace se allargato al massimo con tutti i dati necessari
  • Valli: preoccupazione per le sale gioco. Occorre normarle sul PGT. Presenterò una osservazione

Insomma, interesse espresso da tutti, ed una commissione che dovrà lavorare celermente per avere lo strumento normativo che sancisca la nascita e gli scopi dell'osservatorio.
Marco Masini


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.