domenica 25 marzo 2012

Nuovo depuratore di Rozzano: il cantiere TASM procede lentamente, ma sull'acqua "navigano" milioni di euro in stipendi di Cda da ridimensionare

L'impianto di depurazione della città di Rozzano, costruito negli anni 1970/1988, ed entrato in esercizio nel 1988, è passato di mano dal Comune alla TASM spa (Tutela Ambientale Sud Milanese spa) lo scorso 2011, e da allora - a seguito degli accordi conseguenti - è soggetto ad una pesante ristrutturazione per lavori di ampliamento e di adeguamento dell'impianto.
Su questo, come in altri appalti della TASM, sono corse "mazzette" di una certa consistenza nel recente passato, per lavori di preparazione alla sua realizzazione.
Comunque, visto che dopo approfondiremo il tema, ecco i dati tecnici dell'impianto originario:
  • Acque reflue ingresso: 20.600 mc/giorno
  • COD (Chemical Oxigen Demand) totale ingresso: 8.250 kg/giorno
  • N. abitanti asserviti: 75.000 A.E.
Caratteristiche dell'impianto (scheda Amiacque):
- Due linee acqua composte da sgrigliatura, sollevamento, dissabbiatura, sedimentazione primaria, ossidazione biologica, sedimentazione finale.
- Una linea fanghi composta da preispessimento, digestione anaerobica, postispessimento e disidratazione fanghi.
- Una linea gas con gasometro, centrale termica a gasolio, impianto di auto produzione di energia elettrica e torcia per la combustione dell'eccedenza di biogas.
- Stazioni di sollevamento esterne
Con il Decreto della Regione Lombardia n. 4953 del 15 maggio 2007, la Regione ha espresso parere positivo per la compatibilità ambientale dei lavori di ampliamento in corso di realizzazione da parte di TASM SpA per il valore di € 13.351.382,81, che si riferiscono ad un potenziamento per il trattamento di acque reflue per complessivi 135.000 abitanti equivalenti.
C'è da tener conto del fatto che il depuratore di Rozzano, già ai tempi della Valutazione di Impatto Ambientale serviva un carico equivalente pari a 115mila abitanti, e quindi l'intervento si pone in una prospettiva di medio periodo.
Il progetto in corso di sviluppo prevede, sostanzialmente un adeguamento dei trattamenti preliminari, l'introduzione della linea di defosforazione, l'adeguamento della linea fanghi, la realizzazione di una stazione di sollevamento finale e una nuova linea di controllo degli "odori".
Il completamento dei lavori, inizialmente previsto per il 2011, non sarà rispettato.
La Regione diede parere favorevole a patto che, oltre al contenimento dei rumori e degli odori, si realizzino anche degli impianti arboreo-arbustivi nelle aree libere dagli impianti, oltre a filari lungo il perimetro del sedime interessato ed il monitoraggio costante dei principali parametri di qualità dello scarico.
I lavori procedono. Per la compensazione ambientale dovremo stare all'erta, perchè alle parole seguano i fatti prescritti.
...intanto, sempre in tema di "trasparenza", sul sito del TASM, alla voce "Attività di Cda", c'è un bell'annuncio "prossima seduta CDA: martedì 4 ottobre 2011"!!!!!!!
Alla faccia dell'aggiornamento e della necessaria comunicazione verso i cittadini: dopo la "cattura" dell'ex Presidente Butturini (in carcere per vicende legate alla sua attività da Sindaco e non solo: ecco l'ordinanza di Custodia Cautelare) gli aggiornamenti hanno sofferto... egli riuscì a far defluire quattrini impropriamente anche per appalti ed incarichi relativi a questo ampliamento del depuratore di Rozzano; in particolare per un appalto relativo a "Redazione dello studio di impatto ambientale e la redazione del progetto di inserimento paesaggistico ed ambientale dell’impianto di depurazione di Rozzano (MI)" (solo, come si dice oggi, 29.000euro circa).
Ecco perchè tenere le orecchie ben tese a percepire il tintinnio del metallo...
Marco Masini

Approfondimenti:

L'acqua della provincia di Milano è gestita dall'ATO (Ambito Territoriale Ottimale) della Provincia di Milano, che ha ridotto, con deliberazione n. 8 del 6 luglio 2005 della Conferenza dell'Ambito Territoriale Ottimale per il servizio idrico integrato (a seguito dell'istituzione della Provincia di Monza e Brianza), a due le aree omogenee di cui si compone l'ambito della provincia di Milano ed ha conseguentemente, con il medesimo atto, indicato che l'erogazione del servizio idrico verrà affidata a due società: Brianzacque S.p.A. e Amiacque S.r.l. sul territorio della Provincia di Milano.

Soci pubblici che rientrano in Amiacque Srl (i cui “Emolumenti organi societari“ sono stati pari ad euro 279.488 nel Bilancio 2009, di cui "Indennità Consiglio di amministrazione" 180.237 euro - ):
- AMAGA S.p.A.
- AMGA S.p.A. di Legnano
- ASM S.r.l. di Magenta
- ASP S.p.A. di Canegrate
- CEA S.r.l. di Cerro Maggiore
- TAM S.p.A.
- AMA S.p.A: di Rozzano  (0,18%)
- CAP Gestione S.p.A. di Milano
- GENIA S.p.A. di San Giuliano Milanese
- IANOMI S.p.A.
- TASM S.p.A.  
- IDRA S.p.A. *

Il CdA di Amiacque (i cui emolumenti sono di ben 279mila euro - bilancio 2009 -, ridotti di oltre 460mila euro (!) nel 2009)è così costituito:
- presidente: Graziano Musella (sindaco di Assago - vedi Comunicato) da Aprile 2010;
- vice-presidente: Cesare Cerea
- Consiglieri: Stefano Candiani, Massimo Gatti (ex Sindaco di Paullo), Fabio Spinelli

I Patrimoni sono gestiti da CAP Holding, i cui amministratori sono:
- Presidente: Alessandro Ramazzotti (ex sindaco di Opera) da giugno 2008. Ecco un'intervista dopo il referendum: YouTube link.
- Vice Pres.: Franco De Angeli
- Consiglieri: Simone Gelli, Davide Reati, Gilberto Righi
percepiscono - Bilancio 2010 - "emolumenti" per 196mila euro (da considerare anche i 117mila del Collegio Sindacale).
CAP Holding ha sede a Rozzano, centro direzionale Milano Fiori, Palazzo Q7/Q8.
Il Comune di Rozzano possiede una quota pari a 1,309% di un capitale sociale di circa 241 milioni di euro.


TASM s.p.a.: TASM s.p.a. (Tutela Ambientale Sud Milanese) è l'azienda pubblica che ha realizzato e gestisce gli impianti di depurazione delle acque civili e industriali, collocati nella parte sud  dell’area metropolitana milanese (circa 500.000 abitanti su un territorio di 300 Kmq).  TASM, fu costituita nel 1975 come Consorzio Provinciale e, in seguito, ha mutato la propria forma giuridica, sino alla recente trasformazione in società per azioni partecipata dall’Amministrazione Provinciale di Milano e da ventiquattro Comuni.
Attualmente TASM s.p.a. ha un capitale sociale di poco più di 36 mln di euro ed ha partecipazioni in varie società italiane ed estere. Si tratta, dunque, di soggetto patrimoniale di significativa importanza; soggetto che, ovviamente, manovra denaro appartenente alla collettività.
Dal primo gennaio 2009, l’attività di erogazione del servizio idrico (separata per legge regionale da quella di gestione della rete e degli impianti) viene gestita in modo accentrato da Amiacque s.r.l., società pubblica partecipata da TASM s.p.a. (per l’11,823%) e nella quale è stata fusa per incorporazione TASM Service s.r.l.

Per il Cda TASM (i cui compensi nel Bilancio 2007 ammontavano a  € 120.176!):
- Presidente: Achille TAVERNITI (ex Sindaco di San Donato Milanese) da Marzo 2010
- Vicepresidente: Lorenzo IMBASCIATI
- Consiglieri: Ennio FUMAGALLI, Gianni OCCHI, Lidia Katia RUZZON




P.S. Dal sito della TASM rilevo le solite incongruenze sulle date di completamento di impianto di Rozzano:
"Le opere, appaltate per un importo di 13.101.382,81 euro, per lavori e oneri per la sicurezza, stanno procedendo con il completamento della vasca di trattamento a membrane e della vasca Densadeg (trattamenti primari). Sono anche iniziati i trattamenti terziari, con la vasca del Biofor, in cui si effetua il trattamento di affinamento finalizzato alla rimozione dei residui solidi sospesi presenti nel liquame all’uscita del sedimentatore finale e a un più spinto abbattimento dell’azoto nitrico. Sono invece concluse le opere civili per l’alloggiamento dei macchinari per la sezione di grigliatura finissima.
Tasm ha recentemente concesso all’associazione temporanea di imprese appaltatrice dei lavori una proroga dei tempi contrattuali, che sposta la data di ultimazione dell’impianto a febbraio 2012."

Ecco i dati delle società costituenti l'ATI dell’operatore economico aggiudicatario: 
ATI – Degremont S.p.A./Siba S.p.A./Consorzio Coop. Costruz. CCC Coop. Via 
Benigno Crespi, 57 – 20159 Milano.  

Ecco i "PRINCIPI DEL MODELLO DI  ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO
EX D.LGS. N. 231/2001" di TASM (fate caso al corposo paragrafo 1.5 "Apparato sanzionatorio", ed al paragrafo 2.4: "Tutto il personale facente parte della  Società è tenuto a conformarsi al Codice di Comportamento, evitando l’adozione di  comportamenti che violino i principi contenuti all’interno dello stesso. Coloro che violano le norme del presente Codice sono soggetti a provvedimenti disciplinari." Chissà qualle sanzione è stata comminata al Butturini: indagheremo! )



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.